criptovalute

Cos’è la DeFi? Guida alla finanza decentralizzata 101

La DeFi (finanza decentralizzata) è qui per restare?

Il concetto di DeFi è esploso con una forza insolita quasi dal nulla.

Non molto tempo fa nessuno sapeva cosa significasse. Ma anche un paio d’anni dopo la sua implementazione è un concetto molto poco conosciuto.

Se chiedi alle persone per strada, la maggior parte di loro non ne ha idea, specialmente le persone anziane.

Eppure siamo di fronte a qualcosa che può cambiare le finanze per sempre.

In questa guida ti spiegherò di cosa tratta la definizione di DeFi o Finanza Decentralizzata e tutte le chiavi per capirle. È la base di un intero sistema finanziario, niente di meno, quindi l’argomento dà molto di cui parlare.

Cos’è la DeFi?

DeFi è il diminutivo in inglese di “finanza decentralizzata”, che in spagnolo traduciamo come finanza decentralizzata.

La chiave qui è nel termine «decentralizzato».

Ciò significa che si tratta di un sistema finanziario che non dipende da organizzazioni centralizzate, ma piuttosto, attraverso la tecnologia, è progettato in modo che tutte le sue transazioni siano decentralizzate, cioè senza intermediari finanziari.

Invece degli intermediari, basano la fiducia delle transazioni su contratti intelligenti, che ne verificano la proprietà e la veridicità.

Come capirlo con un esempio o in modo pratico?

Ebbene, l’attuale mondo finanziario è piuttosto centralizzato, soprattutto dal punto di vista della creazione di moneta, potere che appartiene allo Stato e ai suoi enti collaboratori, le banche centrali e le banche commerciali.

Quando vogliamo un prestito, la cosa più logica è che andiamo in banca, e lì questa entità ci concederà un capitale che un’altra persona o entità ha messo su. Quindi stiamo agendo con un intermediario.

In DeFi, quando vogliamo un prestito, lo facciamo direttamente con gli istituti di credito. Cioè, non c’è banca.

L’unica cosa necessaria è una connessione internet e l’utilizzo di piattaforme tecnologiche dove gli utenti possono scambiare le proprie proprietà digitali direttamente con i più severi protocolli di sicurezza online.

È simile ai primi sistemi Bitorrent o eMule, per chi se li ricorda. Quelle piattaforme open source sono state utilizzate da migliaia o milioni di utenti che hanno scambiato file gratuitamente da persona a persona o da nodo a nodo.

In DeFi è simile.

Immagina una sorta di Torrent con centinaia di migliaia di utenti in cui alcuni mettono le criptovalute a disposizione di altri che sono disposti a pagare gli interessi. Lì le transazioni avvengono direttamente e devi solo assicurarti che siano sicure.

Quindi, la conseguenza di aver letto fin qui è la seguente:

Se la finanza decentralizzata elimina gli intermediari finanziari, rappresentano una minaccia diretta per i poteri finanziari mondiali, in particolare le banche, ma anche tutte le entità finanziarie, compresi i broker.

Questo ci assicura che ci sarà una battaglia, perché le banche non vorranno perdere i loro affari così.

Caratteristiche DeFi

Trasparenza

Tutte le transazioni sono verificate da altri utenti, il che significa che c’è totale trasparenza nell’operazione.

Ciò significa anche che allo stesso tempo tutte queste transazioni sono disponibili per tutti, quindi la possibilità di studi avanzati dei dati è abilitata da tutti gli utenti, senza che ci siano vantaggi reciproci.

D’altra parte, ciò avviene mantenendo la privacy poiché ogni utente opera con un indirizzo crittografato con chiavi o password.

Nessun permesso richiesto

Questo in inglese è noto come senza autorizzazione e significa che non è necessario ricevere il permesso di alcun intermediario per poter interagire nel sistema.

L’unica cosa necessaria è avere accesso a Internet e token o criptovalute per poter interagire.

Un parere personale: questo di solito non viene commentato, ma il problema verrebbe da parte di chi controlla internet? Le autorizzazioni potrebbero non essere richieste all’interno della DeFi, ma non viene detto nulla sull’accesso ad essa. Questo è un punto per un ulteriore dibattito, senza dubbio.

Immutabilità

Affinché il sistema funzioni, è necessario garantire la massima sicurezza. Come se stessimo scambiando prodotti di mano in mano.

Nel caso della blockchain, ciò si ottiene con protocolli di trasmissione dati avanzati che garantiscono che le transazioni siano uniche e immutabili.

Programmabilità

Il sistema può essere completamente programmato, il che facilita tutte le automazioni che possono essere eseguite, qualcosa di cruciale nell’ambiente Ethereum, una blockchain appositamente ottimizzata per queste attività e che attualmente è fondamentale nell’ambiente DeFi.

Non detentivo

Quando eseguiamo operazioni in DeFi, la custodia viene effettuata da noi nel nostro portafoglio digitale, ad esempio Metamask.

Questo è totalmente diverso dalla finanza tradizionale, dove abbiamo bisogno di altre entità come banche, compagnie assicurative, enti di prestito, rivenditori, ecc.

Ancora una volta, la DeFi ci avvicina alla finanza antica, dove le monete erano nelle nostre tasche, cioè in nostra custodia.

Interoperabilità

I protocolli e le applicazioni hanno la possibilità di essere integrati indipendentemente dalla tecnologia blockchain che utilizzano.

È un sistema che offre la massima flessibilità agli sviluppatori, il che significa anche che il potenziale è massimizzato, poiché non ci sono limiti.

Storia e origine della DeFi

La cronologia della DeFi non ha una data di inizio chiara.

Non c’è un inizio ufficiale, ma il concetto ha gradualmente guadagnato popolarità con la creazione di applicazioni che hanno chiarito che il futuro della blockchain era quello di creare un sistema digitale decentralizzato.

Possiamo dire che tutto è iniziato con Bitcoin nel 2009, che sebbene non possiamo dire chiaramente che si tratta di DeFi, ha segnato l’inizio del mondo delle applicazioni decentralizzate.

Poi è arrivato Ethereum, il protocollo chiave per far avanzare le possibilità della blockchain e del mondo DeFi.

Diciamo che Bitcoin era la valuta o valuta ed Ethereum la lingua in cui potevano essere creati il ​​resto dei servizi finanziari digitali come prestiti, derivati, transazioni, ecc.

Dopo Ethereum, era solo questione di tempo prima che iniziassero ad emergere le prime applicazioni di tipo finanziario decentralizzato.

Uno dei primi è stato Maker, nel 2014, anche se il progetto non è stato lanciato fino al 2017.

Quell’anno 2017 è stato importante perché ha visto la nascita di altri progetti chiave nella storia della DeFi. Progetti come EtherDelta.

EtherDelta è stato il primo Exchange di tipo decentralizzato, ma non è durato a lungo perché è stato violato poco dopo, a cui si è aggiunta una caccia normativa da parte della SEC, ponendo fine al progetto.

Sono arrivate anche le ICO, molte delle quali erano progetti DeFi, come AAVE, Synthetix, Kyber Network o Bancor.

Dopo quell’inizio sono arrivati ​​gli anni chiave del 2020 e del 2021, in mezzo al tumulto creato dalla pandemia, i mercati delle criptovalute e della DeFi hanno sperimentato un’incredibile volatilità, che ha davvero dato il via alla popolarità della finanza decentralizzata.

Da lì, penso di poter già dire che sono venuti per restare.

Come funziona la finanza decentralizzata?

La funzione principale è quella di consentire scambi finanziari tra privati ​​o società senza intermediari.

Come si ottiene ciò?

Bene, attraverso le DAPP, che sono applicazioni decentralizzate che funzionano tramite catene di blocchi o blockchain.

Le transazioni sono mediate da contratti intelligenti basati sulla blockchain di Ethereum o altro simile. Questi smart contract sono quelli che sostituiscono gli intermediari tradizionali, che non sono più necessari per dare validità e legalità alle transazioni.

Vedremo alcune cose che possiamo fare con la DeFi, per vedere meglio di cosa si tratta, che i concetti su di loro sono un po’ strani per alcuni.

Cosa possiamo fare con la DeFi?

Pensa a tutto ciò che puoi fare oggi da un punto di vista finanziario e hai già quello che puoi fare con la finanza decentralizzata.

Solo il modo per farlo sarà diverso.

Tra le altre cose possiamo fare quanto segue:

1 Invia e invia denaro ovunque nel mondo

All’interno della blockchain DeFi, attualmente dominata da Ethereum, è possibile effettuare tutti i tipi di transazioni con qualsiasi altro indirizzo nel sistema, ovvero possiamo effettuare e ricevere pagamenti con qualsiasi partecipante nel mondo alle stesse condizioni indipendentemente da dove si trovino sono.

Questa caratteristica ci insegna chiaramente che la DeFi è fatta per unificare il mondo, qualcosa che può essere veramente raggiunto solo digitalmente.

L’unica cosa necessaria per poter effettuare queste transazioni è un portafoglio o una borsa.

2 Prendere in prestito denaro

Qui abbiamo una delle funzioni classiche e più importanti del mondo finanziario tradizionale.

Una funzione che manca da una vita e per la quale sono state utilizzate soprattutto le banche, ma anche i prestiti tra amici o familiari.

Con la DeFi non è più necessario andare in banca ma possiamo andare in forma anonima a prendere in prestito nei mercati decentralizzati, cosa che possiamo fare «direttamente» con il «peer to peer»(P2P) o attraverso i pool di liquidità che possiamo trovare su varie piattaforme.

In questo modo, possiamo andare in uno di questi mercati e ottenere un prestito.

Ma chi ci presta senza conoscerci e senza garanzie?

Qui arriva la parte difficile, perché la verità è la prima cosa che mi viene in mente.

Questo si risolve con la necessità di presentare delle garanzie, cioè una sorta di garanzia. In modo tale che se non effettuiamo il pagamento, il prestatore lo liquiderà e si impossesserà dei token, che possono essere dalle criptovalute a qualche NFT.

Al momento è così, ma penso che per funzionare perfettamente ci dovrebbe essere un modo per conoscere la qualità del credito dei potenziali mutuatari. Quello di prestare senza sapere chi hai dall’altra parte complica un po’ il processo e quindi la necessità di una garanzia.

Per non parlare dei possibili tentativi di truffa, cosa che chi sta sviluppando la materia vuole eliminare con la creazione di un’identità digitale unica, così che non sia facile per te «scappare con i soldi e sparire nel buco nero del mondo». digitale».

Tra i vantaggi di prendere in prestito nei mercati DeFi abbiamo:

  • Accesso alla liquidità globale
  • Privacy nella transazione(che viene fornita con il suo «ma» come ho appena commentato)
  • Prestiti istantanei(Flash Loans), utilizzati nelle operazioni di trading e scambio di criptovalute
  • Efficienza fiscale(raccolta fondi senza la necessità di vendere temporaneamente beni)

3 Prendere in prestito denaro

Wow, la finanza decentralizzata ci dà anche l’opportunità di essere strozzini e fare soldi prestando ciò che abbiamo risparmiato.

La cosa dell’usuraio è uno scherzo. Qui nessuno è costretto a prendere un prestito che non vuole. Se qualcosa caratterizza questo mercato, è la sua trasparenza.

Con la DeFi, invece di mettere i nostri soldi in banca e cercare un deposito o un prodotto con interessi, lo facciamo prestando denaro direttamente, poiché ci sono molti progetti che cercano finanziamenti a breve, medio o lungo termine.

A causa del dinamismo e della volatilità del mercato DeFi, per il momento è ovviamente possibile ottenere tassi di rendimento interessanti.

4 Scambio di token e criptovalute

Una delle attività più ricercate quando si passa alla DeFi è lo scambio di asset, che nei più tradizionali mercati delle criptovalute possiamo fare negli scambi centralizzati.

Nella finanza decentralizzata possiamo farlo tramite DeX, ovvero gli exchange decentralizzati.

5 Usa le stablecoin

Chi vuole detenere Etherem come garanzia di un prestito o come asset da cui dipende un contratto?

Con una volatilità impossibile o almeno sconsigliata.

Per questo, le finanze decentralizzate hanno creato il concetto di Stablecoin, una scoperta che ha risolto questo problema di volatilità.

Queste “monete stabili” sono stabili perché il loro valore è legato a quello delle principali valute Fiat come il dollaro o l’euro.

In questo modo fungono da unità di risparmio e possiamo risparmiare denaro con loro o eseguire qualsiasi tipo di operazione con la garanzia che la volatilità sarà entro intervalli controllabili.

Alcune di queste stablecoin sono USDT, TUSD o USDC.

6 Negoziazione di derivati

Il mercato DeFi non ha limiti, né esiste una regolamentazione che possa raggiungerlo, al momento, quindi possiamo fare il tipo di trading più avanzato che possiamo immaginare.

Questo è il motivo per cui sono stati creati molti siti di trading di derivati ​​e margini, tra le altre funzioni di trading.

7 Possibilità di crowdfunding

Se hai un’idea interessante che può risolvere qualche problema negli ambienti digitali, potresti provare a ottenere finanziamenti nel sistema DeFi stesso.

Sono già tanti i progetti che stanno uscendo grazie ai fondi che si ottengono in questo ambiente.

Trattandosi di un sistema trasparente, tutti gli utenti possono controllare come viene raccolto il denaro e anche dove viene speso.

8 Affari assicurativi

Al momento è un mercato poco sviluppato. Si può dire che sta iniziando, ma la capacità c’è.

Non vi è alcun limite all’esecuzione di contratti assicurativi tra assicuratori o attuari e utenti.

Anche se hai una buona conoscenza della scienza attuariale e delle probabilità relative alle assicurazioni, potresti offrire i tuoi servizi come assicuratore ad altri utenti.

9 Previsioni di mercato

DeFi ha l’ambiente perfetto per creare tutti i tipi di mercati di scommesse e simili sui possibili risultati di qualsiasi tipo di evento.

In altre parole, te lo dico in altre parole: la DeFi può finire per creare i propri mercati di scommesse decentralizzati senza che il dealer, come Betfair, addebiti la propria commissione, e quindi gli scommettitori lo fanno direttamente l’uno contro l’altro senza dover pagare quegli spread o commissioni extra.

10 Aggregatori

Immagina di avere un’attività abbastanza ampia nello spazio DeFi, con vari prodotti appaltati.

Può essere un inconveniente dover andare su ciascuna delle piattaforme per vedere come stanno andando le cose.

Bene, questo è risolto dalla potente architettura della DeFi e sono già stati creati aggregatori per unificare tutti i prodotti nello stesso posto, in modo tale da avere una sorta di portafoglio unificato.

11 Investimento nell’indice

Non possiamo investire solo in fondi indicizzati o ETF, come nel mercato azionario. DeFi ci offre anche i suoi sofisticati fondi indicizzati che ci consentono di investire nel meglio del mercato finanziario decentralizzato senza doverci preoccupare.

Sarebbe come investire nel Dow 20 o 30 della DeFi, in modo tale che il fondo, di cui ce ne sono già diversi, includa i token e i progetti di maggior successo e tolga il peggio, comportandosi così come un buon fondo di investimento..

12 Lotterie e premi senza rischi

Sì, quello che hai letto.

DeFi ha anche dato la possibilità di creare giochi della lotteria e simili in cui non si perde denaro.

Ma come è possibile?

Ebbene, facendo in modo che i soldi dei giocatori, che vengono messi in un fondo comune, generino interessi. In questo modo alla fine del gioco avremo i fondi iniziali più il guadagno di interessi.

Quello che fa il gioco è distribuire i soldi tra tutti i giocatori e alcuni prenderanno più soldi di quelli che hanno messo.

Un esempio:

1.000 giocatori hanno messo 0,1 ETH ciascuno.

Questo ci dà 100 ETH.

Alla fine del gioco ci sono 105 ETH.

999 giocatori ottengono 0,1 ETH e 1 5,1.

È un esempio molto semplificato ma serve per darvi un’idea.

Nel seguente video puoi vedere come funziona questa lotteria in cui non puoi perdere in Pool Together:

La finanza decentralizzata è sicura?

Questa è una domanda cruciale per il successo o meno per il successo di un sistema finanziario.

Se non è sicuro, dimentica quanto può essere buono o efficiente.

Anche se non possiamo aspettarci che un sistema sia sicuro al 100%. Nemmeno il sistema finanziario tradizionale lo è stato, ma almeno ha rispettato un minimo di sicurezza per garantire il funzionamento e la fiducia nel sistema.

Ovunque possono derubarci.

Non ti libererai del furto del tuo portafoglio per strada o del tentativo di truffarti in un’azienda.

Ebbene, nella finanza decentralizzata è lo stesso.

Quello che succede è che il sistema finanziario tradizionale e quelli precedenti hanno sempre raggiunto un livello di sicurezza sufficientemente alto perché la sua fiducia nella società ne garantisca il funzionamento.

Questa sembra essere la sfida più grande che la DeFi ha davanti.

Al momento è un sistema nuovissimo e quindi non è possibile per noi avere la stessa sicurezza che possiamo avere quando facciamo affari con una banca. È molto difficile che ci vengano rubati soldi in banca, ma in un DAPP non lo sai.

Quello che voglio dire è che la DeFi ha il potenziale per essere molto sicura, ma trattandosi di un mercato nuovissimo, ha ancora molti buchi e problemi di sicurezza, cose che si risolveranno nel tempo, soprattutto quando inizierà a diffondersi. uso.

In questo senso sono simili alle criptovalute. Quando questi sono nati nel lontano 2009, e negli anni successivi, il mercato era impazzito e le truffe e gli hack erano abbastanza comuni. Eravamo in un Far West. Oggi il mercato è molto più stabile e le rapine non sono così comuni, e anche con l’aumentare della partecipazione istituzionale, diventa più robusto.

Penso che lo stesso accadrà con la DeFi.

Con il passare degli anni, e se crescono in popolarità, appariranno protocolli di sicurezza migliori e diventerà sempre più difficile fare trucchi e truffe.

Ma attenzione, le truffe non andranno mai via.

Esisteranno finché ci saranno transazioni tra esseri umani.

Quali problemi può avere la DeFi oggi?

  • Irreversibilità: questo è un problema e una benedizione allo stesso tempo. La natura irreversibile dell’operazione significa che non c’è modo di annullarla una volta che è stata eseguita. Se il denaro è andato a un altro indirizzo blockchain per errore, possiamo dirgli addio. È molto difficile recuperarlo.
  • La novità del mercato fa uscire molti prodotti che mancano di qualità e che finiranno in fallimenti o clamorosi fallimenti, con ciò che ciò comporta. Poiché ci sono parecchi fallimenti e molte persone che perdono soldi, ci sarà la sensazione che il mercato sia una truffa, ma in realtà questo è ciò che accade di solito nei mercati innovativi, dove ci sono molti progetti falliti nelle fasi iniziali.
  • Ci sono truffe direttamente. Oltre al caso precedente, di progetti falliti, ci sono anche molte persone che si dedicano alla creazione di progetti che sono truffe. Lo fanno perché sanno che il mercato è caldo e se sono in grado di copiare e creare un progetto che sembra buono, possono attrarre molti investitori. Allora sappiamo già cosa succede: scappano con i soldi e arrivederci.
  • Non c’è possibilità di conoscere i clienti, il che causa problemi nei mercati finanziari come i prestiti. Se non possiamo controllare il creditore, è difficile per noi prestare i soldi. Come ho accennato nella sezione sui prestiti, al momento si risolve con garanzie, ma non è l’ideale per il futuro. È qui che entra in gioco il concetto di identità digitale, qualcosa che, d’altra parte, ha il suo lato pericoloso, ed è che si perde l’anonimato.
  • Il decentramento non è la panacea che ci viene detto. Nonostante ci vendano che si tratta di un sistema decentralizzato, la verità è che quando utilizziamo le piattaforme o le DAPP, in un certo modo dipendiamo dal loro buon funzionamento, ed è impossibile garantire che sia sempre così, o che non ci sono persone che hanno un certo controllo su di loro.
  • Non sono così facili da usare. Per chi ha usato la DeFi, a volte il mercato sembra un po’ caotico e non è così facile da usare, davvero. Questo non è molto affidabile al momento e molte persone sono riluttanti a mettere un sacco di soldi.
  • Ci sono hack in alcuni DAPP. Il fatto che siano applicazioni decentralizzate non impedisce gli hack. I maestri del furto online escogitano sempre nuovi modi per rubare la valuta delle persone. A volte lo fanno attraverso le piattaforme, ea volte lo fanno direttamente, cercando di entrare nel tuo computer e ottenere le chiavi di accesso del tuo portafoglio. Devi stare molto attento, soprattutto se muovi una notevole quantità di denaro.

Futuro della DeFi – Opinioni finali

Bene, se hai letto l’intero articolo ti sarai reso conto che siamo in un nuovo mercato che è ancora in pieno sviluppo.

Diciamo che siamo nei primi anni di vita di questo sistema e quindi nella sua infanzia.

È troppo presto per trarre conclusioni definitive.

Le opportunità sono tante, soprattutto per i nuovi imprenditori che sono bloccati nei settori tradizionali.

Ci sono anche molte minacce. Questo è qualcosa di logico e normale nei territori inesplorati. Ma ricorda che se sei uno dei primi esploratori e scopri cose interessanti, sarai uno di quelli che ne beneficeranno di più se l’avventura alla fine andrà bene.

Al momento sembra che ci siano buone probabilità che la DeFi finisca per essere adottata da più utenti in futuro.

Gli intermediari finanziari, tuttavia, potrebbero non essere molto contenti di questo sviluppo ed è probabile che vedremo tentativi di ostacolare l’adozione di questi protocolli.

Da un punto di vista personale, vedo che è un ecosistema perfetto per formare un’economia digitale.

Se nel prossimo futuro avremo un progresso radicale verso le realtà virtuali, la DeFi potrebbe servire a gettare le basi per come dovrebbe apparire il sistema finanziario in tale realtà.

Il problema è ciò che vedo prendere forma nel mondo reale.

Cioè, man mano che aumenta la possibilità di una realtà virtuale senza limiti, vediamo come il mondo reale stia diventando sempre più autorevole.

La tendenza sembra chiara: stiamo andando verso un sistema in cui lo stato controllerà quasi tutte le cose che facciamo nella realtà fisica. Sembra che ci sarà poca terra per poter effettuare vere transazioni private su di essa.

DeFi e mondi virtuali sarebbero come la via di fuga per continuare ad esercitare la libertà di scelta dei prodotti, ma non sarebbero più gli stessi.

Dal mio punto di vista, l’ideale sarebbe quel mondo virtuale mescolato con la possibilità di avere anche un mondo reale con libertà.

Vedremo come si svolgono gli eventi e cosa resta di tutto questo.

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba