Reviews

Oppo Band, un braccialetto per appassionati di sport e utenti base

Da molti anni ormai i braccialetti di attività sostituiscono l’orologio al polso. Ciò ha portato sempre più utenti ad acquisirne uno, poiché hanno molte funzioni apprezzate, oltre a scandire l’ora. Oggi vedremo nella nostra recensione il nuovo braccialetto attività Oppo Band.

Il produttore cinese Oppo ha deciso e ha lanciato il suo braccialetto di attività, il nuovo Oppo Band, che ha un design molto simile al già veterano Xiaomi Mi Band. Anche se dobbiamo dire che per alcuni aspetti la nuova Oppo Band ci ha conquistato, tutto questo dopo il successo dell’Oppo Find X3 Pro.

Oppo Band, scheda tecnica

Prima di vedere tutte le funzioni di cui dispone l’Oppo Band, conosciamo prima le caratteristiche tecniche che lo accompagnano, poiché nulla manca in nessun aspetto:

  1. Schermo: AMOLED a colori da 1.1 pollici con una risoluzione di 126 x 294 pixel e vetro curvo 2.5D.
  2. Cinturino: materiale TPU da 15 mm e una lunghezza di 130/205 mm.
  3. Sensori: sensore di frequenza cardiaca e SpO2 (misurazione dell’ossigeno nel sangue).
  4. Resistenza: polvere e acqua a 5 ATM.
  5. Connettività: Bluetooth 5.0.
  6. Modalità sportive: 12 modalità.
  7. Batteria: 100 mAh
  8. Dimensioni e peso: 40,3 x 17,7 x 11,45 mm e peso 10,4 grammi senza cinturino.
  9. Prezzo: da 37 euro.

Acquista: Oppo Band Sport (Amazon)

Acquista: Oppo Band Style (Amazon)

Buon design, discreto e leggero

Abbiamo accennato al fatto che il design del nuovo braccialetto di attività Oppo Band è molto simile allo Xiaomi Mi Band, ma l’Oppo Band ha una piccola curvatura che si adatta meglio al nostro polso.

L’Oppo Band è disponibile in due finiture:

  1. Oppo Band Sport.
  2. Stile Oppo Band.

La versione Sport è quella che abbiamo ricevuto, ma lo Style ha un design ancora migliore, il suo cinturino è un po’ particolare, ma molto bello. Nella versione Style lasciamo da parte le cinghie in cui inseriamo completamente la «pillola», in quanto è incastonata in una struttura in metallo che le conferisce un design premium.

Tornando all’Oppo Band Sport, la qualità del cinturino è davvero buona, perché è morbido e liscio al tatto, ma molto resistente, molto di più rispetto ai cinturini di altri prodotti simili con prezzi più elevati.

La sua chiusura in metallo fa assomigliare il bracciale alla stessa chiusura che ha l’Apple Watch, inoltre non abbiamo avuto nessun problema nell’indossarlo e toglierlo, perché con un po’ di precisione con un dito possiamo agganciarlo.

Il suo peso di soli 10,4 grammi senza cinturino lo rende un bracciale molto comodo da indossare, essendo anche così piccolo, a volte penseremo che non indosseremo nulla, e grazie alle sue dimensioni non ci saranno problemi ad accoglierlo sui polsi piccoli o grande.

Per quanto riguarda il suo design, possiamo dire che siamo di fronte ad un braccialetto molto semplice, il tablet stesso è piccolo e non ha pulsanti, solo l’area del logo, la cosa più interessante è sul retro.

In quest’area troveremo i sensori di frequenza cardiaca (diversi LED verdi) e il sensore di ossigeno nel sangue o SpO2 (con un LED rosso) che è una delle novità più accattivanti della Oppo Band.

Qualcosa che non ci è piaciuto affatto è il mancato utilizzo della parte anteriore, l’Oppo Band ha le stesse dimensioni dello Xiaomi Mi Band 5 e nessuno dei due sfrutta l’intero schermo, cosa che ci dispiace. Per fortuna, la Xiaomi Mi Band 6 ha saputo sfruttare appieno il frontale.

Grazie al suo schermo AMOLED, i bordi neri sono un po’ più discreti e possiamo pensare che sia tutto schermo, poiché la maggior parte delle sfere disponibili ha uno sfondo nero puro. In situazioni di molto sole il bracciale si vede perfettamente ed ha anche colori molto vividi e nitidi.

Avremmo apprezzato che l’Oppo Band includesse un sensore di luce ambientale, perché in questo modo la luminosità non viene regolata automaticamente e dovremo farlo manualmente. Considerando che in strada dovremo portarlo al 100%, il consumo di batteria è aumentato, che sarà un aspetto che commenteremo più avanti.

Monitoraggio dell’attività e fino a 12 modalità sport

La nuova Oppo Band è in grado di riconoscere automaticamente l’attività che stiamo facendo, potendo monitorare fino a 12 tipi di sport, che sono:

  1. Gara all’aperto.
  2. Gara indoor.
  3. Corsa per bruciare i grassi.
  4. Cammina all’aperto.
  5. Ciclismo all’aperto.
  6. Pedalare al chiuso.
  7. ellittico
  8. Canottaggio.
  9. cricket
  10. Badminton.
  11. Nuoto.
  12. Yoga.

A priori siamo di fronte a un elenco di sport alquanto scarso, poiché abbiamo altri braccialetti attività in grado di riconoscere molti più sport, ma per il suo prezzo è un elenco più che sufficiente per gli appassionati di sport.

Per quanto riguarda il controllo del sonno e il resto dei sensori, dobbiamo dire che l’Oppo Band è dotato di un sensore di misurazione dell’ossigeno nel sangue (SpO2), in base ai test effettuati ci dà ottime sensazioni ed è corretto nella maggior parte dei casi, fintanto che lo tieni saldamente fissato e in posizione.

Il sensore di frequenza cardiaca funziona continuamente, possiamo disattivarlo, ma se lo abbiamo sempre acceso, effettuerà misurazioni periodiche del nostro polso e ci avviserà quando sale troppo in alto. Ha anche un avviso di stile di vita sedentario, ogni ora in cui non ci muoviamo o siamo seduti, ci avviserà di farlo.

Personalizzazione del viso e delle notifiche

Il nuovo Oppo Band ha molte opzioni di personalizzazione nella propria app (HeyTap Health), ti consente di cambiare la sfera, regolare le notifiche e anche modificare i modelli di comportamento dello schermo.

Per quanto riguarda le sfere, ci offre una vasta gamma di possibilità, dando anche la possibilità di mettere una foto che abbiamo sul nostro telefonino, cambiarla è davvero semplice, devi solo seguire questi passaggi:

  1. Accedi all’app HeyTap Health.
  2. Cerca l’ opzione «Gestisci».
  3. Ora fai clic su «Sfere».
  4. Ricerca tutte le possibilità che desideri e seleziona quella che ti piace di più.

Per quanto riguarda le notifiche, possiamo scegliere una qualsiasi delle app del telefono per inviare notifiche al braccialetto. Anche la modalità di visualizzazione quando alziamo il polso è regolabile, un’opzione che possiamo disattivare mentre dormiamo.

Performance della banda Oppo

La prima cosa che dovremmo sapere è che Oppo Band è compatibile solo con Android, quindi se sei un utente iPhone non dovresti acquistare questo braccialetto, poiché non sarai in grado di sincronizzarlo con il tuo cellulare.

La navigazione tramite le gestures del braccialetto è veloce e fluida, nonostante non abbia pulsanti sui lati o frontali, le gestures sono molto intuitive. Tra le app veloci di cui dispone l’Oppo Band, ne troviamo alcune degne di nota come:

  1. Messaggi.
  2. SpO2.
  3. Tempo metereologico.
  4. Gli sport.
  5. Attività giornaliera.

Possiamo riordinare tutte le applicazioni che vengono mostrate sul braccialetto e persino nasconderle in modo che non appaiano su di esso, in modo da avere solo quelle che utilizziamo di più e quella «Strumenti», poiché non è possibile per eliminarlo.

All’interno degli strumenti della Oppo Band ne troveremo due molto utili, uno sarà il widget musicale con cui controllare la musica che stiamo ascoltando sul nostro telefonino e l’altro è l’app per attivare il trigger remoto della fotocamera.

La misurazione della frequenza cardiaca è abbastanza precisa, ci permette di scegliere più intervalli di tempo per il monitoraggio: ogni secondo, ogni 2 minuti o ogni 6 minuti, abbiamo scelto la prima opzione, ma riduce notevolmente la durata della batteria.

Uno dei punti più sfavorevoli è che l’ Oppo Band non ha il GPS, quindi per il monitoraggio dell’attività dobbiamo portare il cellulare con noi nelle nostre sessioni sportive.

Batteria un po’ corta per alcuni aspetti

L’Oppo Band integra una batteria da 100 mAh, Oppo cita fino a 12 giorni di autonomia, ma non è sempre così, al massimo abbiamo raggiunto i 9 giorni con la maggior parte delle impostazioni disabilitate, collegando il caricabatterie quando ci restava il 4%.

Ma se vogliamo avere tutti i sensori attivati, con avvisi di chiamata e notifiche, la durata della batteria diminuisce notevolmente, raggiungendo un massimo di 3 giorni e mezzo, cosa che Oppo indica già quando dettaglia la durata della batteria, per quello che possiamo dire che il braccialetto è conforme, ma molto giusto.

Oppo Band, conclusioni

In generale è un braccialetto che ci è piaciuto molto, ma dobbiamo dire che ci sono punti in cui Oppo deve migliorare e sicuramente lo farà. È il suo primo braccialetto di attività e nel prossimo braccialetto Oppo vedremo molti miglioramenti e alcune nuove funzionalità, si spera che uno di questi sarà il chip GPS.

Acquista: Oppo Band Sport (Amazon)

Acquista: Oppo Band Style (Amazon)

I punti di forza della Oppo Band nella nostra recensione

  1. Ha un design molto curato.
  2. Uno schermo che sembra buono sotto tutti gli aspetti.
  3. Il sensore SpO2 funziona molto bene.
  4. Durata della batteria accettabile.

Punti negativi della Oppo Band nella nostra recensione

  1. Non ha la luminosità automatica.
  2. Non ha un modulo GPS.
  3. Non supporta molte modalità sportive.
  4. Ci vuole molto tempo per completare la ricarica.
  5. Non ha compatibilità con iOS.

La nostra valutazione

  1. Disegno: 10
  2. Esposizione: 9
  3. Hardware: 7
  4. Autonomia: 5
  5. Software: 5
  6. Prezzo: 8
  7. Punteggio complessivo: 7,3

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba