Reviews

Mi Smart Band 5, il braccialetto fitness di Xiaomi è ancora al top

Da quando è stata lanciata la prima Mi Band nel 2014, è diventata uno dei benchmark del segmento, per offrire funzioni che hanno altri braccialetti più costosi, ma mantenendo Xiaomi a un prezzo inferiore. Visto che il brand ci ha inviato la Xiaomi Mi Smart Band 5, non potevamo perdere l’occasione di sottoporla ad una delle nostre recensioni.

È un braccialetto di attività che si concentra proprio su questo, sul conteggio delle calorie, dei passi, ecc. Ma è anche un braccialetto molto versatile con il quale riceveremo le notifiche che raggiungono il cellulare, potremo controllare la nostra musica, vedere l’ora e molti altri extra di cui parleremo nella nostra analisi.

Xiaomi Mi Smart Band 5, scheda tecnica

Le specifiche tecniche della nuova Xiaomi Mi Smart Band 5 sono le seguenti:

  1. Schermo: OLED a colori da 1,1 pollici, risoluzione 126 x 294 pixel.
  2. Memoria: 512 KB di RAM con 16 MB di memoria.
  3. Resistenza: 5 ATM (50 metri di profondità).
  4. Sensori: frequenza cardiaca, accelerometro a 3 assi e giroscopio a 3 assi.
  5. Connettività: Bluetooth 5.0.
  6. Compatibilità: Android e iOS.
  7. Varie: 11 modalità sportive, ricarica magnetica, controllo fotografico remoto, monitoraggio del sonno e modalità salute femminile.
  8. Batteria: 125 mAh, 14 giorni di autonomia secondo Xiaomi.
  9. Prezzo: 39,99 euro.
  10. Dimensioni: 47,2 x 18,5 x 12,4 mm e 11,9 grammi.

Acquista: Xiaomi Mi Smart Band 5 (Amazon)

Acquista: Xiaomi Mi Smart Band 5 (PCComponents)

Più che un design continuo

Per quanto riguarda il design, non è che non ci sia evoluzione, ma che è praticamente uguale alla generazione precedente, condividendo i materiali di costruzione, visto che la Xiaomi Mi Band 5 è per lo più realizzata in plastica, fatta eccezione per lo schermo in vetro, con cinturino in poliuretano termoplastico (TPU).

In questa nuova edizione continuiamo con lo stesso concetto che abbiamo visto nella Mi Band 4, ovvero abbiamo un braccialetto removibile (pillola) da un lato e il cinturino dall’altro.

Avendo lo stesso design della quarta versione, anche i cinturini di questa valgono la stragrande maggioranza di quello attuale. Può darsi che un particolare modello di cinturino risenta del disegno più spesso sui lati e non calzi perfettamente.

Abbiamo ancora i sensori di frequenza cardiaca PPC sul retro e i pin di ricarica, ma in questo nuovo modello non è necessario rimuovere il tablet dal braccialetto per caricarlo, ma viene fornito con un cavo di ricarica che si adatta perfettamente per tramite un magnete ai pin della stessa Xiaomi Mi Band 5.

Una volta che lo abbiamo al polso passa completamente inosservato, soprattutto per quelle persone che sono abituate a indossare un orologio. Pesa poco, occupa poco spazio ed è estremamente portatile.

Lo schermo sembra fantastico

Dove si è evoluto è nelle dimensioni dello schermo OLED, poiché la Mi Band 4 aveva 0,95 pollici, mentre questa nuova edizione arriva fino a 1,1 pollici, cosa che si nota e si apprezza, poiché le misure vengono mantenute, ma non i pollici dello schermo. La risoluzione aumenta leggermente a 126 x 294 pixel.

Questo pannello OLED ci è sembrato davvero buono, con colori, contrasto e luminosità buoni, qualcosa di importante soprattutto perché lo schermo sia funzionale e visibile all’esterno, come è stato.

È una schermata in cui abbiamo diversi menu di cui parleremo in seguito in cui le notifiche sono state ottenute molto bene, poiché sono molto facili da leggere.

Appena sotto lo schermo è presente un pulsante touch a forma di cerchio che ci permette di tornare all’interno del menu di cui vi abbiamo parlato prima.

interfaccia semplice

Abbiamo diverse watchfaces (in numero abbastanza limitato), qualcosa che già esisteva nella Mi Band 4, ma ora è possibile cambiare lo sfondo e personalizzarlo a nostro piacimento grazie all’applicazione Mi Fit, con la quale colleghiamo il braccialetto all’orologio e mostra tutti i tipi di dati.

In questa interfaccia possiamo muoverci orizzontalmente e verticalmente. Se lo facciamo in orizzontale troveremo i menu meteo, il controllo della musica e le notifiche.

Se il modo per muoverci attraverso l’interfaccia è in verticale, possiamo fare un allenamento, vedere il cosiddetto PAI, controllare manualmente la nostra frequenza cardiaca, leggere le notifiche, controllare il nostro stress, attivare esercizi di respirazione o vedere l’ora, tra le altre opzioni.

In questo menu è possibile modificare quanto appare, oltre all’ordine in cui vengono visualizzati gli elementi di detta interfaccia, dall’applicazione Mi Fit.

Funzionalità avanzate

Con la nuova Xiaomi Mi Band 5 possiamo misurare la frequenza cardiaca grazie ai suoi sensori PPG, dispone di un accelerometro e di un giroscopio, entrambi a tre assi, e di un motore di rotazione per la vibrazione.

Si collega tramite Bluetooth 5.0 al nostro cellulare ed è sincronizzato tramite l’applicazione Mi Fit.

La lettura della frequenza cardiaca può essere eseguita in modo continuo oa intervalli di tempo definiti, essendo una lettura abbastanza vicina alla realtà.

Anche il rilevamento del movimento e dei nostri passi è ben realizzato e non abbiamo notato nessun tipo di problema al riguardo, anzi ci sembra che sia abbastanza veloce nel rilevare quando iniziamo a camminare, ad esempio.

Abbiamo 11 modalità sportive per adattarci meglio allo sforzo che stiamo facendo. Entrando nella sezione Formazione possiamo scegliere tra:

  1. Correre all’aperto.
  2. Tapis roulant.
  3. Ciclismo.
  4. Pedalare al chiuso.
  5. Camminare a piedi.
  6. ellittico
  7. Vogatore.
  8. Yoga.
  9. Salta la corda.
  10. Nuoto in piscina.
  11. Esercizio.

Il conteggio dei dati dopo l’attività fisica è abbastanza completo e con una buona precisione nei risultati. Possiamo vedere questi risultati nell’app Mi Fit, di cui parleremo tra poco.

Il braccialetto è anche in grado di misurare i livelli di stress automaticamente o manualmente in qualsiasi momento. Le letture sono state accurate dal nostro punto di vista, poiché abbiamo notato che è in grado di essere abbastanza preciso quando si tratta di rilevare se soffriamo di stress o se siamo calmi.

Offre la modalità di respirazione ideale per rilassarsi se il nostro stress è alto, poiché Xiaomi Mi Band 5 ci aiuterà a rilassarci con alcuni esercizi da fare. Ci manca che questo sistema sia automatico e che non dobbiamo essere noi ad attivarlo manualmente.

Se parliamo di rilevamento del sonno, vedremo come il braccialetto rileva automaticamente il momento in cui ci addormentiamo e il momento in cui ci svegliamo. Non dovremo fare nulla, poiché il rilevamento è automatico e non ci resta che vedere i risultati della notte precedente il giorno successivo, nell’app Mi Fit.

Vediamo rappresentate in un disegno le diverse fasi del sonno. Ci fornisce dati su quando il nostro sonno è profondo, leggero, in fase REM o quando ci svegliamo. Qualcosa che ci sembra un buon anticipo è che ora registra il nostro sonno anche se facciamo un pisolino.

Ma non è solo un dispositivo orientato alla salute, ma integra anche diverse funzioni per controllare diversi parametri del telefono.

Grazie al fatto che lo schermo è più grande, ora le notifiche sono molto migliori e il più delle volte non dobbiamo aprire il telefono per leggere quello che ci hanno scritto.

La verità è che ha ancora un bug che riteniamo debba essere corretto, poiché non possiamo rispondere ai messaggi che ci vengono inviati, anche se fosse solo con un «sì», «no», «forse» o risposte simili a questi.

Possiamo anche controllare la riproduzione della musica grazie a una delle scorciatoie che si spostano orizzontalmente sullo schermo, come abbiamo detto sopra. A proposito, questa funzione ci è piaciuta molto nel suo funzionamento.

Include la possibilità di scattare una foto da remoto, aprire l’app della fotocamera e premere sulla Xiaomi Mi Smart Band 5 per scattare una foto. L’intero sistema deve essere configurato dall’applicazione Mi Fit.

PAI: ereditato dall’Amazfit

Xiaomi ha inserito in questa Smart Band 5 l’unità di misura PAI, metodo che arriva direttamente dalla sua azienda Amazfit.

PAI (Personal Activity Intelligence) è un sistema per cercare di farci muovere di più e porre fine alla vita sedentaria così comune nella società odierna.

Il PAI viene calcolato in base alle misurazioni del battito cardiaco e del movimento, inclusi i dati su età, peso e sesso che abbiamo fornito al momento dell’iscrizione a Mi Fit.

Il PAI viene resettato ogni settimana e la Xiaomi Mi Band 5 proverà a rendere il nostro PAI maggiore di 100 ogni settimana, mostrando il livello settimanale sul braccialetto stesso (all’interno del menu PAI che abbiamo visto prima) o nell’applicazione Mi Fit.

Questo è un modo per incoraggiarci a fare esercizio, cosa che abbiamo già visto quando abbiamo analizzato Fitbit Charge 4, poiché detto braccialetto aveva un sistema molto simile.

My Fit, la sincronizzazione tra braccialetto e smartphone

My Fit è l’applicazione che sincronizza tutti i dati del braccialetto e con la quale sapremo in un unico posto tutto ciò che monitora giorno e notte.

Con Mi Fit avremo tutti i dati in prima persona, oltre a una registrazione degli allenamenti tramite il GPS del telefono se lo prendiamo quando usciamo per allenarci. Mi Fit ci aiuta anche a configurare il braccialetto, inserire i nostri dati (peso, altezza, sesso, ecc.), aggiungere amici che hanno anche l’app e fissare i nostri obiettivi.

Con Mi Fit possiamo configurare le scorciatoie e i menu del braccialetto a nostro piacimento, mettendo e rimuovendo ciò che più ci si addice o ci piace.

Inoltre, permette di configurare promemoria, allarmi e persino attivare una modalità notturna (configurabile a nostro piacimento) in modo che da una certa ora all’altra non si ricevano notifiche o chiamate, né si accenda lo schermo del braccialetto.

Nessun miglioramento dell’autonomia

Sapevamo già che l’autonomia di questa quinta versione era inferiore a quella del suo predecessore, poiché Xiaomi già ci ricordava che aveva dovuto sacrificare questa sezione per aggiungere più capacità alla Mi Band 5 se avesse voluto mantenere le dimensioni della precedente Mi Band 4.

Partendo da lì, la batteria è da 125 mAh, con un’autonomia di 14 giorni, secondo Xiaomi, cifra che non siamo riusciti a raggiungere in nessuna delle situazioni a cui abbiamo esposto la Mi Band 5.

La verità è che detta autonomia si è collocata in cifre abbastanza lontane da quanto promette il brand cinese, visto che la media che abbiamo raggiunto è stata tra 9 e 12 giorni.

Quando abbiamo portato al massimo la luminosità e attivato tutte le funzioni del braccialetto 24 ore su 24, non siamo riusciti ad andare oltre i 9 giorni, anche se se riduciamo qualche altra funzione e lasciamo la luminosità a un livello 3-4, siamo riusciti a prolungare la vita fino a un massimo di 12 giorni.

Anche così si parla di cifre eccellenti, seppur inferiori a quelle raggiunte dalla Mi Band 4.

Quello che ha guadagnato molto è il sistema di connessione per caricare il braccialetto, visto che ora non è necessario rimuovere il tablet dal cinturino in silicone per caricarlo, come avveniva nelle versioni precedenti.

Ora è collegato tramite magnete ad una piccola base che si unisce perfettamente ai perni del pickup.

All’altra estremità c’è una USB da collegare a un computer o a un caricabatterie, assicurandoci che con soli 15 minuti di ricarica abbiamo due giorni di autonomia. Per quanto riguarda la carica completa, l’abbiamo raggiunta in circa 1 ora e 35-45 minuti.

Prezzo e conclusione

Qualcosa indubbio è che Xiaomi Mi Smart Band 5 è un braccialetto con un eccellente rapporto qualità-prezzo, poiché attualmente il suo prezzo non supera i 40 euro in Spagna.

A parte il suo buon prezzo, ci è piaciuto molto il suo funzionamento in quasi tutte le situazioni, poiché è migliorato in termini di esercizio, la lettura della frequenza cardiaca è sempre più precisa, la misurazione del sonno è molto buona, oltre a incorporare la lettura dei nostri pisolini e le notifiche ora hanno un aspetto molto migliore rispetto alla generazione precedente.

Le assenze più significative sono che non ha NFC (nel mercato spagnolo) o GPS, qualcosa che potremmo richiedere oggi, così come un sistema per rispondere ai messaggi dalla stessa Xiaomi Mi Band 5.

La batteria, nonostante non raggiunga le cifre della generazione precedente, sono comunque davvero buone e, soprattutto chi come noi usa lo smartwatch regolarmente, vedere queste cifre ci fa inevitabilmente sorridere.

Acquista: Xiaomi Mi Smart Band 5 (Amazon)

Acquista: Xiaomi Mi Smart Band 5 (PCComponents)

Punti di forza della Xiaomi Mi Smart Band 5 nella nostra recensione

  1. Buon schermo che sembra chiaro all’aperto.
  2. Misurazione della frequenza cardiaca e del sonno sempre più accurata.
  3. L’applicazione Mi Fit è intuitiva e molto completa.
  4. Rapporto qualità-prezzo al livello a cui siamo abituati da Xiaomi.

Punti deboli della Xiaomi Mi Smart Band 5 nella nostra recensione

  1. Non ha né NFC né GPS, qualcosa che oggi può essere richiesto in un braccialetto.
  2. Non consente di rispondere a messaggi, né con risposte semplici e predeterminate.
  3. L’autonomia è molto buona, ma inferiore rispetto alla generazione precedente.

La nostra valutazione

  1. Disposizione: 8
  2. Esposizione: 9
  3. Hardware: 8.5
  4. Autonomia: 9.5
  5. Software: 8.5
  6. Prezzo: 9,5
  7. Punteggio complessivo: 8,8

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba