Reviews

Huawei MatePad Pro, il tablet power made

Da quando abbiamo testato il Samsung Galaxy Tab S6 abbiamo pensato che nessun altro tablet sarebbe stato in grado di competere al livello dell’iPad Pro di Apple, finché non abbiamo avuto tra le mani il nuovo Huawei MatePad Pro. Poiché non vogliamo anticipare eventi, il modo migliore per chiarire i dubbi è fare la nostra corrispondente recensione.

Dando un’occhiata ai numeri di questo MatePad Pro, ci rendiamo conto che si tratta praticamente di un Huawei P40 Pro trasformato in tablet, con lo stesso processore, oltre alla compatibilità aggiunta con la M-Pen (stylus) di cui siamo stati capaci da provare e con un audio che promette molto di essere firmato Harman/Kardon.

Huawei MatePad Pro, scheda tecnica

Siamo di fronte ad un tablet con specifiche di fascia alta, nello specifico, questo è l’hardware che monta il Huawei MatePad Pro:

  1. Schermo: pannello IPS/LCD da 10,8 pollici, risoluzione QHD+ (2.560 x 1.600 pixel), formato 16:10 e densità di 280 pixel per pollice.
  2. Processore: Kirin 990.
  3. Memoria RAM: 6 GB.
  4. Memoria interna: 128/256 GB espandibile tramite NM Card.
  5. Fotocamera posteriore: 13 MP f/1.8.
  6. Fotocamera frontale: 8MP f/2.0.
  7. Connettività: possibilità di 4G LTE, Bluetooth 5.1, WiFi ac, A-GPS, GLONASS, GALILEO, BDS, QZSS (solo nel modello LTE).
  8. Porte e sensori: USB di tipo C, accelerometro, giroscopio, sensore di prossimità, bussola, sensore di rilevamento del volto e supporto M-Pen.
  9. Batteria: 7.250 mAh con ricarica rapida.
  10. Dimensioni: 246 x 159 mm x 7,2 mm e peso di 460 grammi.
  11. Sistema operativo: Android 10 + EMUI 10.
  12. Prezzo: 499,99 euro

Acquista: Huawei MatePad Pro (Amazon)

Acquista: Huawei MatePad Pro (PCComponents)

finitura premium

L’unità che Huawei ci ha regalato è quella blu la cui finitura è in fibra di vetro, che non è spettacolare come altri tipi di materiale, ma dà un’ottima impressione alla mano.

Anche così, la sensazione che abbiamo con il MatePad Pro è che il materiale scelto sia leggermente inferiore ad altri tablet concorrenti.

Sul retro del tablet rimangono le nostre impronte digitali, ma non tanto quanto vediamo in altri tipi di materiali come il vetro. La verità è che il colore blu scuro dell’unità gli conferisce eleganza, ma rende anche il set meno spettacolare.

È un tablet abbastanza leggero per lo schermo da più di 10 pollici che ha, dato che rimane a 460 grammi.

Se osserviamo il MatePad Pro in orizzontale (come sarà la maggior parte delle volte, soprattutto se abbiamo la custodia originale) scopriamo che in alto abbiamo il pulsante che controlla il volume e l’ area dove possiamo posizionare la M- Penna, poiché è lì che si trova il magnete che lo fa tenere.

La situazione di questo pulsante per il volume non sembra delle più appropriate ed è alquanto scomoda a seconda di come prendiamo il tablet Huawei.

Sul lato sinistro abbiamo i due dei quattro altoparlanti che compongono la sezione audio, insieme al pulsante di accensione e spegnimento del MatePad Pro.

Sul lato destro vedremo altri due altoparlanti e il connettore USB C per caricare la batteria.

Se guardiamo in basso ci accorgeremo che ha solo lo slot per la NM Card.

Nella parte anteriore, lo schermo domina con l’86,5% di occupazione della parte anteriore, con cornici molto ben realizzate e un foro in alto a sinistra per ospitare la fotocamera frontale.

Una posizione per la fotocamera selfie che è più scioccante sui tablet, oltre che un po’ scomoda se mettiamo il Huawei MatePad Pro in verticale, poiché è troppo inclinato a sinistra.

Buon schermo, ottimo suono

Huawei MediaPad Pro monta un pannello LCD IPS da 10,8 pollici con risoluzione Quad HD+ (2.560 x 1.600 pixel), con un rapporto di aspetto di 16:10, 540 nits di luminosità e una densità di 280 pixel per pollice.

La nitidezza del tablet è davvero buona, con trattamento colore anche adeguato, anche se tende a saturare leggermente i colori. Per quanto riguarda la luminosità, non abbiamo lamentele in quanto è sufficiente per godersi il tablet all’aperto con molta illuminazione.

Il bilanciamento del bianco non è il massimo di questo schermo e il contrasto è a buoni livelli.

È uno schermo con un rapporto di aspetto di 16:10 e quando si tratta di godersi i contenuti multimediali possiamo avere problemi a seconda di come vengono registrati, poiché possiamo perdere contenuti se il video che vediamo è in 16:9.

D’altra parte, questo tipo di formato è ideale per maneggiare il tablet come un computer ed eseguire programmi di produttività, calcolo o simili, poiché abbiamo più contenuti di cui goderci.

Eseguendo giochi potenti con molta richiesta grafica, lo schermo è stato mostrato a un ottimo livello, possiamo goderci un’ottima esperienza di gioco e per di più molto più grande di quello a cui siamo abituati con i nostri smartphone.

L’audio è qualcosa in cui dobbiamo congratularci sia con Huawei che con la persona che lo firma, che è Harman/Kardon. Oltre ad avere quattro altoparlanti in una situazione molto buona, la qualità del suono è corposa (bassi potenti), con una potenza maggiore per gli altoparlanti che si trovano sopra per lasciare quelli sotto come accompagnamento.

Un altro dettaglio che abbiamo amato è il volume che raggiunge Huawei MatePad Pro, ma la cosa migliore è che tutto questo volume si fa sentire senza alcun tipo di distorsione e con una qualità eccezionale.

Al potere c’è molto

Il processore che porta MediaPad Pro è il Kirin 990, lo stesso che abbiamo nell’Huawei P40 Pro nel Mate 30 Pro, tutti terminali della gamma più alta del marchio cinese.

Questo ottimo processore è accompagnato da 6 GB di RAM e 128 GB di memoria interna che possiamo espandere fino ad altri 256 GB.

Non abbiamo il minimo problema a spostare applicazioni impegnative, né giochi pesanti con molti contenuti multimediali. Abbiamo giocato ad Asphalt 9 per un po’ di tempo senza notare alcun tipo di ritardo, frame caduti, rallentamenti o qualsiasi cosa che potesse infastidirci.

Possiamo giocare per ore, navigare, mettere Spotify o qualsiasi altra attività che ci viene in mente, che Huawei MatePad Pro continua a funzionare meravigliosamente, anche se ha un buon numero di applicazioni in background, poiché è qualcosa che non funziona influenzarlo.

EMUI e App Gallery, senza Google Services

Per quanto riguarda il software non possiamo più essere così ottimisti poiché, se l’assenza dei servizi Google per un cellulare è importante, c’è da dire che per un tablet diventa ancora più essenziale.

Non è perché non abbiamo applicazioni come Gmail, Drive o Calendar che possono essere sostituite da altre, ma perché nello store Huawei (App Gallery) mancano le app che tutti usano su un tablet e che in questo assumono un ruolo importante dispositivo., come Netflix, Disney + o YouTube.

Ciò non significa che non possiamo installarli (Netflix o Disney+), poiché possiamo utilizzare siti Web come APKMirror per scaricare il file apk e installarlo, ma dobbiamo andare uno per uno e farlo manualmente, qualcosa che è un po’ ingombrante.

Con l’ App Gallery non otteniamo l’esperienza che abbiamo con il Play Store. Questo accade perché lo store Huawei è ancora abbastanza limitato nel numero di app, cosa più o meno normale visto il tempo relativamente breve in cui è stato in funzione.

Per quanto riguarda il livello di personalizzazione di Huawei, ovvero EMUI, ti dico che viene fornito con una modalità oscura, con il proprio calendario, browser, lettore musicale o video, oltre a un assistente virtuale Huawei chiamato Celia.

Il nuovo assistente vocale di Huawei è abbastanza lontano da Alexa, tanto per fare un esempio, dal momento che non ha ancora molte funzioni da svolgere e non è che il livello di comunicazione con l’utente sia completamente levigato, anche se non dubitiamo che con il potenziale che il brand cinese ha tra qualche mese per essere molto più operativo.

L’EMUI è stata leggermente modificata per adattarsi al MediaPad Pro, quindi cambia il modo in cui lo gestiamo e le dimensioni del suo schermo.

Questo è apprezzato, poiché almeno per questa parte abbiamo una buona esperienza adattata al nostro dispositivo. Il problema è che la stragrande maggioranza delle app Android non è ottimizzata per i tablet, il che spesso diventa una seccatura.

In termini di connettività, ha tutto ciò di cui hai bisogno, poiché include WiFi 802.11 a/b/g/n/ac, Bluetooth 5.1, USB Type C, A-GPS, GLONASS, Galileo, BDS, accelerometro, giroscopio, sensore di prossimità e bussola. L’assenza più significativa è il jack per le cuffie da 3,5 mm che, per molti, diventa quasi indispensabile su un tablet.

Dov’è il sensore di impronte digitali?

Nello stesso modo in cui abbiamo formulato questa domanda, risponderemo. Il sensore di impronte digitali semplicemente non c’è. E ci ha sorpreso molto poiché crediamo che un tablet di fascia alta dovrebbe portarlo, anche se non è così.

Il modo per sbloccare è attraverso il viso, qualcosa che in generale ha funzionato abbastanza bene, tranne quando posizioniamo il MediaPad Pro in orizzontale, poiché la fotocamera è sul lato destro ci sono momenti in cui non è in grado di leggere i nostri volti.

accessori di qualità

Huawei ha pensato bene di inviarci insieme al Huawei MatePad Pro due accessori che sono diventati praticamente indispensabili una volta che li abbiamo utilizzati.

La prima è la M-Pen, uno stilo che ci permetterà di scrivere sul tablet e di sfruttare alcune app appositamente progettate e installate per esso.

La M-Pen potrebbe essere un po’ grande, ma abbiamo riscontrato che il suo peso e la sua struttura sono davvero buoni. Questa penna si carica posizionandola sopra il MediaPad Pro ed è trattenuta da un magnete più o meno potente.

Per collegarlo, tutto ciò che dobbiamo fare è metterlo in questo posto e si sincronizzerà automaticamente con il tablet.

Fatta eccezione per l’app Huawei note, possiamo sfruttare poco altro della matita, a meno che non installiamo un’applicazione tramite l’App Gallery (che non sono molte) o le cerchiamo su un sito di download.

Sebbene non ci siano molte opzioni per sfruttare la matita, è davvero comodo prendere appunti con la nostra grafia.

L’altro accessorio che Huawei ci ha regalato è stato un case con tastiera integrata che ci è piaciuta molto. Il design è davvero buono, ci sono piaciute molto anche le sequenze di tasti per una tastiera piccola, anche la risposta di questi tasti è molto buona, oltre ad essere abbastanza comodi da digitare.

Si collega al MediaPad Pro e si collega tramite magnete, caricandosi in modalità wireless e accoppiandosi rapidamente non appena si posiziona la tastiera.

Buona fotocamera per un tablet

Non c’è dubbio che la fotocamera posteriore di un tablet sia meno importante che in uno smartphone, dal momento che non è affatto naturale scattare foto con un dispositivo più grande di 10 pollici. Ma se ha un buon sensore da 13 megapixel con un’apertura focale di 1.8, come è il caso, allora molto meglio.

L’app della fotocamera è abbastanza simile a quella che vediamo sugli smartphone del brand, con diverse modalità come:

  1. Bellezza: è la modalità in cui gestisci le foto in stile ritratto di qualcuno con diversi parametri dell’immagine (Pop, Illuminazione di scena, Tende o Photo Booth) o con diversi livelli della modalità bellezza stessa.
  2. Foto: scatta una foto in modalità automatica.
  3. Video: qui registriamo i nostri video con una risoluzione massima di 4K a 30fps o 1080p a 30fps.
  4. Professionale: è il luogo dove, variando diversi parametri della fotografia, possiamo metterla a nostro piacimento.
  5. Rallentatore: per registrare video al rallentatore.
  6. Notte: è la modalità che ci aiuta a far uscire meglio le foto notturne.
  7. Panoramica: qui le foto sono scattate in sistema panoramico.
  8. Dipingere con la luce: è un modo in cui, grazie al flash, si realizzano i disegni nelle foto.
  9. HDR: è il luogo in cui attiviamo la modalità HDR (High Dynamic Range) o ciò che è la stessa, è la modalità per coprire la più ampia gamma possibile di livelli di esposizione in un’immagine.
  10. Fotocamera veloce: è qui che registreremo i video caricati con velocità.
  11. Foto con movimento: è una modalità specializzata in quelle foto in cui l’oggetto che vogliamo scattare è in movimento.
  12. Filigrana: la data e l’ora in cui è stata scattata saranno riportate su ogni foto.
  13. Documenti: utilizzato per identificare i documenti e ritagliare automaticamente l’immagine alle dimensioni di quel documento.

Inoltre, il marchio ha incorporato Huawei Lens, un sistema di riconoscimento di ciò su cui ci stiamo concentrando attraverso la fotocamera per cercare in Internet prodotti simili o informazioni sull’oggetto.

L’abbiamo provato e ci è piaciuto molto come funziona perché identifica molto bene gli oggetti e ci mostra sempre informazioni interessanti. Buon lavoro in tal senso per Huawei.

Le foto scattate da questa fotocamera posteriore ci sono sembrate più che accettabili, per via del suo equilibrio tra colori, luminosità e contrasto. È apprezzato che si siano presi la briga di montare un sensore di questa qualità.

Può darsi che il dettaglio non sia uno dei suoi punti di forza e che manchi un po’, ma è comunque una fotocamera migliore di quanto possiamo aspettarci in un tablet.

La fotocamera frontale è da 8 megapixel che ci serve perfettamente per effettuare videochiamate senza problemi. Se vogliamo fare un selfie, è consigliabile farlo in buona luce, poiché dipende fortemente dall’illuminazione per risultati decenti.

Autonomia più o meno buona

In questo Huawei MatePad Pro abbiamo una batteria da 7.250 mAh, una buona quantità, ma non è neanche molto contento, visto che essendo un tablet da 10 pollici se avessero incorporato un amperaggio maggiore non sarebbe stato strano.

In un giorno si possono raggiungere circa 6 ore e mezza di schermo attivo, una cifra non eccezionale e di più per un tablet che dovrebbe essere utilizzato per divorare contenuti multimediali.

Integra un sistema di ricarica rapida da 40 W, ricarica inversa da 7,5 W e ricarica wireless rapida da 15 W.

prezzo e opinione

La prima cosa che viene in mente parlando delle conclusioni del MediaPad Pro è che, se non fosse per l’onere di non avere i servizi Google e di avere un proprio app store, ancora lontani dal poter competere, saremmo parlando di uno dei migliori tablet in commercio, almeno nel mondo Android.

E anche così è, ma in misura minore, dal momento che ha alcuni dettagli come il materiale scelto dal marchio, che non brilla proprio per voler competere con i più premium sul mercato.

Ma è un tablet che brilla per la sua potenza, il suo suono e il suo schermo, poiché lì è al livello dei migliori, superando anche molti rivali che gli competono direttamente.

Ora sei tu a dover decidere se vale la pena spendere i 499,99 euro che costa Huawei MatePad Pro.

Acquista: Huawei MatePad Pro (Amazon)

Acquista: Huawei MatePad Pro (PCComponents)

I punti di forza del Huawei MediaPad Pro nella nostra recensione

  1. Lo schermo è di alta qualità in ogni modo.
  2. Il suono è eccezionale, sia per qualità, profondità e volume.
  3. La potenza che immagazzina ci permette di svolgere qualsiasi compito senza il minimo problema.

Punti deboli dell’Huawei MediaPad Pro nella nostra recensione

  1. Non disponiamo di servizi Google e ciò continua ad appesantire il resto del software.
  2. Il materiale scelto rende la sensazione e l’aspetto meno pregiati.
  3. L’autonomia è buona, ma si sarebbe potuta montare una batteria più grande.

La nostra valutazione

  1. Disposizione: 8
  2. Schermo: 9.5
  3. Hardware: 9.5
  4. Autonomia: 8
  5. Fotocamera: 9
  6. Software: 7
  7. Prezzo: 8
  8. Punteggio complessivo: 8,4

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba