Reviews

Xbox Series X, un brutale salto di generazione in attesa di giochi all’altezza

L’arrivo di una nuova generazione di console è un evento che accade, si spera, ogni 5 anni, e in questa recensione di Xbox Series X andremo a svelare tutti i dettagli della macchina con cui Microsoft affronterà PlayStation 5.

L’offerta principale di Xbox Series X è la potenza, con una grafica spettacolare a risoluzione 4K e 60 fps (frame al secondo), arrivando addirittura a 120 fps in alcuni giochi. Avremo anche l’HDR, che amplia la gamma di luminosità e colore.

Inoltre, grazie alla funzione Variable Refresh Rate (VRR) di HDMI 2.1, i frame visualizzati sul televisore vengono sincronizzati con quelli generati con la console, migliorando i tempi di risposta ed eliminando gli errori grafici.

Molte di queste funzionalità richiedono una TV recente, quindi non sorprende che insieme a Xbox Series X arrivi un modello più semplice, Xbox Series S, per coloro che hanno una TV con risoluzione 1080p o semplicemente vogliono risparmiare.

Inoltre, grazie all’utilizzo di un SSD, il caricamento dei giochi sarà velocissimo, e potremo addirittura passare da un titolo all’altro all’istante, riprendendo il gioco in pochi secondi proprio nel momento in cui lo avevamo lasciato.

Xbox Series X si apre con un catalogo di giochi scarso, soprattutto con il ritardo di Halo Infinite. Microsoft ha acquistato diversi studi negli ultimi anni per espandere le sue esclusive, ma non hanno ancora dato molti frutti.

Passeremo poi in rassegna i giochi di lancio, anche se l’impegno di Microsoft al riguardo è molto chiaro: invece di pagare 60, 70 o 80 euro, come in PlayStation 5, ci incoraggia a contrarre Xbox Game Pass, che da 10 euro al mese offre un catalogo in continuo cambiamento di 100 giochi, tra cui alcuni molto interessanti, e tutte le novità dalla stessa Microsoft sin dal primo giorno.

Con un prezzo di 499 euro, Xbox Series X non può essere considerata economica, ma per chi non ama collezionare giochi fisici, l’abbonamento Game Pass può significare risparmi importantissimi negli anni.

Un monolite nero difficile da posizionare

Xbox Series X adotta un design insolito per una console, necessario per dissipare il notevole calore generato dal suo potente processore e dalla scheda grafica. Opta per un formato verticale, come una torre per PC, a forma di monolite nero con base quadrata di 15,1 x 15,1 cm e un’altezza di 30,1 cm.

In questo modo si crea un unico flusso d’aria all’interno, dove anche la scheda madre è stata divisa in due per separare gli elementi che producono più calore.

Oltre ad un grande dissipatore con camera di vapore è stata scelta un’unica grande ventola superiore (13 cm), che in questo modo non deve ruotare così velocemente, essendo in pratica una macchina completamente silenziosa, tranne quando si legge un disco. ottico.

Sapevamo già che le dimensioni di Xbox Series X sono grandi (sebbene la dimensione di PS5 sia molto maggiore), anche se a vederla dal vivo non sembra così. Il mobile TV dove dovevamo posizionarlo non si adattava verticalmente, cosa che immaginiamo accadrà nel soggiorno di molti acquirenti.

Questo è l’aspetto frontale di Xbox Series X:

Sebbene sia stato progettato per essere posizionato verticalmente, supporta anche una posizione orizzontale e integra anche piccole basi in gomma su un lato per questo:

Questo presuppone un piccolo compromesso nel design, in quanto i piedini in gomma sono un po’ visibili se lo mettiamo in verticale e, invece, posizionandolo in orizzontale non è possibile rimuovere la base circolare che funge da appoggio:

Sulla parte frontale troviamo una porta USB 3.1 Gen 1, oltre allo slot per il drive ottico e un totale di tre pulsanti fisici (non capacitivi) per l’accensione, la sincronizzazione del controllo e l’espulsione dei dischi:

Sul retro sono presenti due porte USB 3.1 Gen 1, insieme all’uscita video HDMI 2.1 per collegare Xbox Series X alla TV. Inoltre integra una porta Ethernet da 1 Gbps e la presa dove passa un cavo di alimentazione standard di tipo 8 (l’alimentatore è interno):

L’ampio slot sul retro serve per il collegamento di una scheda di espansione dello storage, che aggiunge alla console un SSD da 1TB, con esattamente le stesse prestazioni di quella interna.

Da notare che la griglia di ventilazione superiore presenta alcuni tocchi di verde, non si tratta di illuminazione a led:

Mentre le pen drive o i dischi rigidi esterni possono essere collegati alle porte USB, i giochi di nuova generazione impegnativi funzionano solo se sono archiviati sull’SSD interno, la cui alta velocità consente carichi molto veloci.

Tra le carenze di connettività in Xbox Series X, spicca il fatto che non integra una porta USB-C, che ha PlayStation 5. Ha anche eliminato l’emettitore IR che su Xbox One veniva utilizzato per controllare il televisore dalla console.

Infine è scomparsa l’uscita audio ottica, cosa che succede anche su PS5, in quanto i produttori ritengono che chi ha attuali soundbar e altoparlanti per l’home cinema le collegherà tramite HDMI e non l’uscita ottica, che ha già molti anni.

A livello wireless, Xbox Series X ha WiFi 5 (ac), dietro l’attuale WiFi 6 (ax) di PS5, una differenza rilevante se pensiamo che alcuni operatori come Yoigo stanno già installando router WiFi 6 senza costi aggiuntivi.

La connessione di controller e cuffie utilizza un protocollo Xbox proprietario, che è stato ottimizzato in questa generazione per ridurre i tempi di risposta, pur mantenendo la piena compatibilità con le periferiche precedenti.

Cioè, non saremo in grado di connettere dispositivi Bluetooth a Series X, ma il controller della console ha una modalità Bluetooth per collegarlo facilmente a computer e cellulari.

Xbox Series X, specifiche

Microsoft ha confermato molto tempo fa la scheda tecnica di Xbox Series X, che ricorderemo prima di continuare la recensione, visto che la potenza della console è la sua più grande pretesa. Queste sono le sue caratteristiche complete:

  1. Processore: personalizzato AMD Zen 2 7nm, 8 core a 3,8 GHz (multi-thread a 3,66 GHz).
  2. Grafica : AMD RDNA 2 12 TFLOPS personalizzato, con 52 core CU a 1,8 GHz.
  3. Memoria RAM: 16 GB GDDR6, bus a 320 bit (10 GB a 560 GB/s + 6 GB a 336 GB/s).
  4. Memoria interna: SSD NVMe da 1 TB a 2,4 GB/s (4,8 GB/s con compressione).
  5. Lettore di dischi: Blu-ray 4K.
  6. Immagine: fino a 4K HDR e 120 fps (giochi) o 8K HDR (video), con frequenza di aggiornamento variabile, FreeSync e modalità a bassa latenza automatica.
  7. Audio: Dolby TrueHD con Atmos, Dolby Digital 5.1, DTS 5.1 e fino a L-PCM 7.1.
  8. Connettività: WiFi 5 (ac) e Xbox Wireless (per controller e cuffie).
  9. Porte: HDMI 2.1, 3 porte USB 3.1 Gen 1, Gigabit Ethernet e slot SSD da 1 TB.
  10. Dimensioni e peso: 30,1 x 15,1 x 15,1 cm e 4,45 kg.

Acquista: Xbox Series X (Amazon)

Acquista: Xbox Series X (PcComponents)

Sezione visiva dipendente da HDMI 2.1

Prima di andare a valutare la qualità visiva della grafica, dobbiamo soffermarci su alcune delle funzioni relative all’immagine che supporta. Non tutti i televisori 4K sono in grado di trarne vantaggio, in quanto richiedono una porta HDMI 2.1, sebbene ci siano modelli con HDMI 2.0 che ne supportano alcuni.

Nella nostra recensione abbiamo utilizzato un televisore con HDMI 2.1, molto simile all’LG Nanocell 65SM910 che abbiamo anche testato. Naturalmente, quasi tutti i marchi offrono già questa caratteristica nei loro modelli di fascia medio-alta e superiore. È necessario un nuovo tipo di cavo ad alta velocità per HDMI 2.1, che fortunatamente viene fornito in bundle con Series X.

Entrando nel merito, i vantaggi della nuova versione del connettore per Xbox Series X sono sostanzialmente quattro:

  1. Modalità a bassa latenza automatica (ALLM): i televisori che la supportano attiveranno automaticamente la «modalità di gioco» quando metti il ​​canale su Xbox Series X, riducendo il tempo necessario per visualizzare l’immagine poiché eseguiamo un movimento sul controller.
  2. Variable Refresh Rate (VRR): sincronizza i frame visualizzati dal televisore con quelli generati dalla console, abbassando il tempo di risposta ed eliminando i jerk quando un titolo non mantiene un frame rate costante.
  3. 120 fps: anche se non è chiaro se molti giochi raggiungeranno questo obiettivo, la risoluzione 4K a 120 fps richiede HDMI 2.1 per funzionare.
  4. Video 8K: le risoluzioni 8K non saranno raggiunte nei giochi, ma i servizi video potrebbero usarle, cosa che è ancora possibile solo utilizzando HDMI 2.1.

Non è necessario disporre di tutte queste funzioni per godersi i progressi di Xbox Series X, ma vediamo già che un televisore moderno è altamente consigliato. La vita della console sarà probabilmente di almeno 5 anni comunque, e in quel periodo i televisori 4K con HDMI 2.1 diventeranno più popolari e convenienti.

Senza dimenticare che alcuni marchi, in particolare Samsung, lanciano dal 2019 televisori che supportano alcune funzioni dell’HDMI 2.1, sebbene non supportino completamente lo standard.

Nelle impostazioni di Xbox Series X, all’interno della sezione display, vengono mostrate in dettaglio le capacità visive della TV connessa, il che riduce la confusione:

Una «bestia» grafica da sfruttare

Xbox Series X vanta una potenza grafica di 12 TB (contro i 10,3 TB di PlayStation 5), in grado di muovere giochi a 4K e 60 fps, e addirittura 120 fps in alcuni titoli specifici.

Offre anche 16 GB di memoria unificata che consente modelli più dettagliati, trame migliori e mondi più ampi, aiutati da velocità di caricamento elevate dallo storage SSD. Supporta il ray tracing, una tecnica di illuminazione avanzata ma ad alta intensità di prestazioni, quindi non sappiamo se i giochi ne faranno molto uso nella pratica.

Uno svantaggio è che non tutta la RAM è così veloce, con 10 GB a 560 GB/s e altri 6 GB a 336 GB/s. È un inconveniente per gli sviluppatori, anche se non grave, e anche PS5 ha il suo, come rallentare il processore quando fa troppo caldo.

Il processore Series X è di AMD, così come la scheda grafica (PS5 utilizza componenti simili), con 8 core basati sull’architettura Zen 2 e prodotta a 7nm. La potenza extra del processore è importante quanto la grafica, poiché la velocità dei fotogrammi al secondo dipende in gran parte da essa.

Le impressioni con i primi giochi Xbox Series X sembrano confermare che non manca di potenza, con la maggior parte in grado di raggiungere 4K e 60fps. Tuttavia, dato che attualmente non ha un solo gioco esclusivo, non è facile stimare le sue possibilità future.

C’è da immaginare che le capacità grafiche di Xbox Series X brilleranno quando gli sviluppatori ne padroneggiano l’architettura, e in ogni caso siamo di fronte a una «bestia» in termini di potenza grafica se pensiamo che il suo prezzo di 499 euro è abbastanza abbordabile rispetto a un PC da gioco.

SSD, velocità di caricamento e multitasking istantaneo

La grande novità di questa generazione di console, e il motivo del suo prezzo iniziale più elevato rispetto alla precedente, è l’utilizzo di una memoria SSD molto veloce, che velocizza i caricamenti, consente il passaggio istantaneo tra i giochi e modificherà anche il design di molti titoli nel gioco futuro.

All’interno di Series X è incluso un SSD NVMe con 1 TB di spazio, che lascia all’utente 802 GB liberi. Dovrebbe essere sufficiente installare un numero generoso di giochi e nei nostri test abbiamo scaricato fino a 27 titoli Game Pass contemporaneamente, mescolando grandi produzioni «tripla A» e titoli indie.

Tuttavia, alcuni giochi come Call of Duty: Black Ops Cold War sono stati sorprendenti per le loro dimensioni eccessive, che raggiungono i 190 GB con tutte le modalità. Xbox Series consente l’installazione solo di alcune parti di un titolo (campagna, multiplayer, texture 4K per Series X, ecc.), ma gli studi dovranno lavorare per ottimizzare le dimensioni dei download.

Altri titoli occupano dimensioni più ragionevoli: Forza Horizon 4 è 82 GB, Gears 5 occupa 80 GB, Fortnite raggiunge 38 GB e Star War Jedi: Fallen Order rimane a 39 GB.

Ed è che la scheda di memoria, con 1 TB in più di pari prestazioni, costa 249 euro, una cifra davvero eccessiva. I dischi rigidi esterni possono essere utilizzati per installare i giochi delle generazioni precedenti, ma non quelli attuali.

La velocità degli SSD è di 2,4 GB/s (4,8 GB/s con compressione), meno della metà di PlayStation 5 (5,5 GB/s e circa 8-9 GB/s con compressione), ma sono sufficienti per velocizzare notevolmente i carichi.

Si spera che le unità meccaniche HDD della generazione precedente raggiungessero circa 100 MB/s, soffrendo di prestazioni irregolari, quindi stiamo parlando di un miglioramento di 20-30 volte. Il cambiamento è sorprendente, come mostra questo esempio:

I 200 GB che occupa il sistema operativo Xbox Series X hanno una spiegazione: la possibilità di aprire un gioco e tornare al punto esatto in cui lo abbiamo salvato in pochi secondi, senza passare per la schermata iniziale.

Lo stato del gioco viene salvato dalla RAM al disco quando usciamo, e riaprendolo lo ripristina all’istante, offrendo un multitasking davvero veloce, come in questo esempio:

Non tutti i giochi supportano ancora la funzione «Quick Resume» e lo spazio su disco riservato limita quanti possono essere recuperati in questo modo, ma è comunque una nuova funzionalità davvero utile e che fa un’enorme differenza rispetto alle console precedenti.

Guardando al futuro, gli SSD rompono un «collo di bottiglia» che affliggeva i videogiochi da anni, ovvero i vecchi HDD non consentivano di implementare tutto il potenziale del resto dell’hardware a causa del caricamento lento.

A poco a poco, gli sviluppatori smetteranno di mimetizzare i tempi di caricamento con ascensori, lunghi corridoi e trucchi simili, oltre al fatto che negli open world sarà possibile viaggiare velocemente da un punto all’altro della mappa in tempi prima impensabili.

Cioè, in questo momento l’SSD di Xbox Series X fa funzionare tutto più velocemente, ma in futuro gli stessi giochi si evolveranno grazie alle sue nuove possibilità.

Suono 3D a un nuovo livello

Il suono 3D promette di prendere piede con la nuova generazione e Xbox Series X offre supporto per gli standard Dolby Atmos e DTS:X, oltre alle generazioni precedenti come Dolby Digital e DTS Digital Surround.

L’audio surround è con noi da decenni, prima al cinema e poi nelle case, ma ora i miglioramenti sono significativi: in primo luogo, il suono ci arriverà da diverse altezze, non solo dalla parte anteriore, posteriore o laterale.

Ma il vantaggio principale di Dolby Atmos e DTS:X per i giochi è che non utilizzano un numero fisso di canali degli altoparlanti, ma trattano invece i suoni come oggetti collocati nello spazio 3D, adattando l’uscita agli altoparlanti disponibili in ciascun sistema.

Naturalmente, con una soundbar o un home theater ci godremo una grande immersione, e potremo riconoscere dove sono i nemici o gli eventi accadono dall’origine del rumore che generano, con maggiore precisione rispetto al passato.

Naturalmente, questa funzionalità ha un costo: abilitare Dolby Atmos costa 12,99 euro e DTS:X è 9,99 euro, che pagheremo tramite un’app del Microsoft Store.

Ora l’ audio 3D brilla soprattutto quando si utilizzano le cuffie. Nonostante utilizzino solo due canali e non richiedano una cuffia dedicata, grazie ai nuovi algoritmi forniscono un maggiore senso di tridimensionalità rispetto agli altoparlanti e Xbox Series X supporta le versioni per cuffia di Dolby Atmos, DTS:X e Windows Sonic.

Il suono surround sarà fondamentale in questa generazione (anche Tempest Audio di PS5 è molto ambizioso) e gli sviluppatori probabilmente ne trarranno vantaggio in generale. Inoltre, ora è alla portata di tutti in cuffia, senza la necessità di un costoso e ingombrante sistema di altoparlanti esterni.

App molto migliorata, software invariato

Mentre PS5 ha rinnovato la sua interfaccia, e persino aggiunto funzioni come «attività» per fornire informazioni contestuali nei giochi, Xbox Series X ha scelto di mantenere lo stesso sistema operativo, lucidando alcuni dettagli.

Non pensiamo che sia una cattiva opzione, il software Xbox One era già molto buono e con questi miglioramenti si va oltre. Inoltre, sia la nuova che la vecchia generazione li ricevono, perché Microsoft non vuole lasciare nessuno indietro.

Le modifiche includono un design dell’interfaccia arrotondato, Microsoft Store ora è più intuitivo, sono state aggiunte nuove scorciatoie per funzionalità comuni e più opzioni di personalizzazione, insieme a diverse piccole modifiche in vari punti.

In esclusiva per Xbox Series X e S, sono stati incorporati sfondi dinamici. In generale, non c’è molto da commentare sul sistema operativo, che ha funzionato bene e continua a farlo nella nuova generazione.

Invece, le app mobili Xbox (Android e iOS) hanno ricevuto un importante restyling. Microsoft ha spinto per una maggiore integrazione tra le sue console e smartphone, e generalmente lo ha fatto a pieni voti.

L’app Xbox per dispositivi mobili sarà incaricata di eseguire la configurazione iniziale di Series X, lì potremo inserire la password WiFi e l’account Microsoft, evitando l’ingombrante tastiera su schermo.

L’esperienza è decisamente migliore, mentre finiamo di configurare la console nell’applicazione, l’aggiornamento iniziale (necessario per giocare) verrà scaricato senza che ce ne rendiamo nemmeno conto.

Altre funzionalità dell’app Xbox includono la possibilità di accendere la console e avviare giochi o utilizzare il telefono come telecomando virtuale. Ad esempio, se vogliamo utilizzare Netflix o YouTube su Series X, non avremo bisogno di prendere il controller fisico.

Inoltre, ci consente di installare giochi in remoto e di riprodurre in streaming su dispositivi mobili con titoli console. Ovviamente solo dalla nostra Xbox, perché se abbiamo l’abbonamento Game Pass Ultimate e vogliamo giocare dal cloud dobbiamo scaricare l’applicazione Xbox Game Pass.

Lucidare un telecomando che già funziona

Il controller Xbox Series X si basa sulla generazione precedente e migliora vari dettagli. La cosa più sorprendente è il nuovo pulsante «Condividi» per caricare screenshot e frammenti di video sui social network e sulle piattaforme di streaming.

Anche la traversa è stata ridisegnata, ora è un cerchio completo con le quattro direzioni principali evidenziate. Nei giochi in cui la traversa è importante, come quelli in due dimensioni, il miglioramento è evidente, ma non parliamo nemmeno di una traversa eccezionale.

Sebbene la forma del controller sembri identica, Microsoft ha apportato modifiche per renderlo comodo in tutti i tipi di mani. Uno di questi è una leggera trama nell’area dell’impugnatura, che è abbastanza piacevole al tatto.

A nostro avviso, il nuovo controller è un piccolo passo avanti, ma nella giusta direzione. Sicuramente un approccio più conservativo rispetto al palmare DualSense di PlayStation 5, che aggiunge una vibrazione tattile avanzata, un microfono integrato e una resistenza adattiva sui grilletti, pur mantenendo le caratteristiche del DualShock 4 come l’altoparlante o il touch pad.

Il controller Xbox Series X è ancora alimentato a batterie, una decisione controversa. A parte è possibile acquistare una batteria interna (costa circa 25 euro), che si ricarica tramite la porta USB-C integrata. Rimangono un jack da 3,5 mm e la propria porta per le cuffie.

Infine, e forse la cosa più importante, c’è la piena compatibilità tra i controller di generazione attuale e precedente. Tutti i controller Xbox One funzionano su Series X e S, proprio come saremo in grado di utilizzare i nuovi controller sulle console precedenti.

Ciò rappresenta un vantaggio per coloro che hanno già una Xbox One e desiderano utilizzare il multiplayer locale, poiché non dovranno rinnovare i controller che già hanno.

Non direttamente correlato al comando, ma fondamentale per il controllo, è il nuovo sistema di Dynamic Latency Input, che rende la risposta più veloce e migliora altre funzioni legate alla fluidità, come Variable Refresh Rate e frame rate più elevati al secondo.

Catalogo iniziale molto scarso

Il catalogo di lancio di Xbox Series X è di gran lunga il suo aspetto più debole. Microsoft ha rilasciato Gears Tactics su console ed è disponibile anche il gioco d’azione aereo The Falconeer, ma dopo il ritardo di Halo: Infinite non c’è un grande titolo «vendibile per console», per non parlare di esclusivo.

La strategia ruotava attorno all’ottimizzazione dei giochi precedenti per sfruttare la potenza della nuova console, cosa che sarà apprezzata da chi non ci ha giocato in passato, e deluderà il resto.

Questi sono i giochi ottimizzati Microsoft più eccezionali:

  1. Forza Horizon 4: 4K HDR e 60fps.
  2. Gears 5: 4K HDR, 60fps (120fps in multiplayer), texture migliorate e ray tracing.
  3. Ori and the Will of Wisps: 4K HDR, 120fps e miglioramenti grafici.
  4. Con messa a terra: 4K HDR e 60 fps.
  5. Sea of ​​​​Thieves: 4K HDR e 60fps.

Chi è alla ricerca di nuove esperienze dovrebbe scommettere sui giochi di editori di terze parti, la stragrande maggioranza dei quali sfrutta la potenza di Xbox Series X, in un modo o nell’altro. Tra le uscite abbiamo Assassin’s Creed Valhalla, Watch Dogs: Legion, Dirt 5, Call of Duty: Black Ops Cold War, NBA 2K21 o FIFA 21 con il suo aggiornamento gratuito dalla versione Xbox One.

Senza dimenticare l’attesissimo Cyberpunk 2077, che se non verrà ritardato nuovamente, sarà il titolo protagonista del Natale 2020.

La debolezza di Xbox nelle esclusive contro PlayStation si è trascinata dalla sua prima console e sembra che finalmente ci sia l’intenzione di risolverla. Il marchio acquisisce da anni alcuni studi di alto livello e l’acquisto di Bethesda da parte di Microsoft è stato il culmine di questi sforzi.

Nei trailer dei giochi Xbox Series X e S abbiamo visto delle esclusive (sempre condivise con PC) che fanno bella figura, come il nuovo simulatore Forza Motorsport, l’avventura horror The Medium e una Fable.

Due grandi studi stanno preparando nuovi franchise: Obsidian’s Avowed e Rare ‘s Everwild, a cui vanno aggiunte le mitiche saghe di Bethesda (Doom, The Elder Scrolls, Fallout, ecc.), che non saranno esclusive, ma arriveranno «prima o meglio». » su Xbox, secondo l’azienda. Tutte proposte promettenti, ma senza date fisse o quasi nessun dettaglio.

Nel frattempo PlayStation 5 ha alzato il prezzo dei giochi, ma il suo catalogo di lancio è decisamente migliore. Include Spider-Man: Miles Morales, Demon’s Souls Remake e Sackboy: Big Adventure.

Abbiamo visto anche i trailer di gioco PS5, con esclusive dal livello Horizon: Forbidden West, Final Fantasy XVI, Gran Turismo 7 o Ratchet & Clank: Rift Apart.

Senza dimenticare che non sappiamo a cosa stia lavorando Naughty Dog (magari un nuovo Uncharted o The Last of Us), che God of War: Ragnarok è già in sviluppo e che il resto dei PlayStation Studios avrà progetti non annunciati.

Pertanto, e nonostante gli sforzi di Microsoft, sia il catalogo di lancio che quello di breve/medio termine sono molto più alti su PS5 che sulle sue macchine.

Game Pass: l'»affare» per i giocatori

Oltre alla sua potenza tecnica, l’altra grande attrazione di Series X è l’ abbonamento Xbox Game Pass, una sorta di «Netflix di videogiochi» che ci consente di accedere a un ampio catalogo di qualità a un prezzo molto conveniente.

Microsoft rilascia tutte le sue esclusive su Game Pass dal primo giorno e di solito ottiene molti titoli stellari da editori esterni per finire sul servizio, anche se è in ritardo di diversi mesi e disponibile solo per una stagione.

In ogni caso, se non abbiamo fretta di goderci le uscite o ci piace collezionare giochi fisici, con Game Pass possiamo risparmiare un sacco di soldi. Facendo due conti, la versione base costa 120 euro all’anno, che su PS5 o Nintendo Switch non basterebbero a malapena per due o tre titoli di alto profilo.

Allo stesso prezzo, in Game Pass possiamo giocare a dozzine di titoli all’anno, poiché in ogni momento include più di 100 giochi (per Xbox 360, Xbox One e Series S/X), che ruotano periodicamente.

Inoltre, esiste anche la versione Ultimate con numerosi extra. Nello specifico, queste sono le due modalità con i relativi prezzi e servizi inclusi:

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba