Reviews

Motorola Moto G8 Power Lite, ottima batteria per utenti base

Oggi abbiamo con noi il Motorola Moto G8 Power Lite che andremo a recensire. Questa è la versione ridotta del Moto G8 Power che abbiamo già analizzato all’epoca, mantenendo la sua enorme batteria, ma limitando alcune altre specifiche.

Vedremo come si comporta questo terminale per scoprire se l’unica cosa in cui può competere con suo fratello è nel prezzo o, comunque, c’è qualche altra opzione interessante che ci fa pendere la bilancia per questa versione Lite.

Motorola Moto G8 Power Lite, scheda tecnica

Vediamo quali sono le specifiche del Motorola Moto G8 Power Lite, in modo da avere una base migliore per questa recensione.

  1. Dimensioni: 164,9 x 75,8 x 9,2 mm con un peso di 200 grammi.
  2. Schermo: LCD IPS da 6,5 ​​pollici, risoluzione 1.600 x 720 pixel, rapporto 20:9, 269 pixel per pollice, rapporto schermo-corpo dell’82,2%.
  3. Processore: Mediatek MT6765 Helio P35 Octa-core (4 x 2,3 GHz Cortex-A53 e 4 x 1,8 GHz Cortex-A53).
  4. Memoria RAM: 4 GB.
  5. Memoria interna: 64 GB eMMC 5.1.
  6. Fotocamera posteriore: sensore principale da 16 MP, f/2.0, 1.0 µm, PDAF + sensore Macro da 2 MP, sensore di profondità f/2.4 + 2 MP, f/2.4.
  7. Fotocamera frontale: 8MP f/2.0.
  8. Connettività: 4G LTE, WiFi b/g/n, Bluetooth 4.2, A-GPS, GLONASS, Galileo, LTEPP, SUPL e radio FM.
  9. Porte e sensori: microUSB, sensore di impronte digitali, jack per cuffie da 3,5 mm, accelerometro, giroscopio e sensore di prossimità.
  10. Batteria: 5.000 mAh.
  11. Sistema operativo: Android 9 Pie.

Acquista: Motorola Moto G8 Power Lite (Amazon)

Acquista: Motorola Moto G8 Power Lite (Fnac)

Design e finiture accurate

Il design della parte frontale è abbastanza standard in questa gamma, grazie all’utilizzo di un notch a goccia per la fotocamera frontale e agli stessi materiali di costruzione in quasi tutti i terminali.

Qualcosa che ha attirato la nostra attenzione non appena lo teniamo in mano per la prima volta è il peso, dato che raggiunge i 200 grammi e cioè che non è fatto di alluminio o di vetro, ma tutto il contrario.

Il retro è realizzato in plastica, ma con una leggera sfumatura nella parte inferiore che gli conferisce un tocco più accattivante, con fotocamere posteriori abbastanza minimaliste che non sporgono troppo dalla scocca del terminale e con un livello di finiture che potrebbe essere presente su telefoni più costosi.

Questa parte posteriore è opaca, bluastra nel caso dell’unità che ci hanno fornito, il che rende le impronte meno evidenti, anche se in realtà si segnano abbastanza facilmente.

In questo posteriore abbiamo anche lo speaker di chiamata, situazione che non ci è mai piaciuta e che la stragrande maggioranza degli smartphone oggi esclude, anche quelli dello stesso range di ingresso di questo Motorola Moto G8 Power Lite.

Anteriormente vediamo dei frame che sono nella media di quello che vediamo nella fascia in cui si trova il Moto G8 Power Lite, seppur non tutti, visto che il frame inferiore risulta eccessivamente ingombrante anche per un terminale di questo prezzo.

Sul lato destro del telefono abbiamo i pulsanti che controllano il volume e il pulsante di accensione/spegnimento del telefono, quest’ultimo con una sfumatura sulla superficie per facilitarne l’identificazione.

Sul lato sinistro abbiamo solo lo slot in modo da poter inserire due schede nano SIM e una scheda microSD, tutte contemporaneamente.

In alto vediamo il jack da 3,5 mm per mettere le cuffie.

In basso, l’unica cosa che abbiamo è il microfono di chiamata e il connettore microUSB per caricare il terminale. Capiamo che oggi stiamo già ricevendo questa soluzione, poiché i terminali che valgono meno soldi del Moto G8 Power Lite optano già per una USB di tipo C.

Sezione multimediale della fiera

Lo schermo del Moto G8 Power Lite è un pannello LCD IPS da 6,5 ​​pollici, con un rapporto schermo-corpo dell’82,2%, una risoluzione di 1.600 x 720 pixel e una densità di 269 pixel per pollice.

È uno schermo che tratta bene i colori, con una luminosità abbastanza migliorabile, soprattutto per gli esterni con molta illuminazione, dove lo schermo soffre molto.

In ogni caso, ci manca un po’ più di risoluzione, poiché ci sono momenti in cui le lettere, ad esempio, mostrano di non essere ben definite.

Guardando i video di YouTube, noteremo la mancanza di risoluzione, poiché la definizione nelle scene, le transizioni e altri movimenti dei video (soprattutto se registrati ad alta risoluzione) sono evidenti con una mancanza di nitidezza.

Anche gli angoli di visuale non sono eccezionali, anche se onestamente ci aspettavamo che fossero considerevolmente peggiori.

Nel suono avevamo una sorta di speranza, dal momento che, essendo posizionati nella parte posteriore, ci aspettavamo che fosse un suono almeno potente per compensare la cattiva scelta che hanno fatto quando hanno posizionato lì l’altoparlante.

Ebbene no, né il suono né il volume sono buoni. L’audio non ha un briciolo di bassi, con un suono metallico praticamente da quando abbiamo superato il 50% del volume, senza nessun tipo di corpo e con una chiara distorsione se si mette il volume al massimo.

Per quanto riguarda il volume facciamo una precisazione. Non è che non abbia potenza (non è nemmeno tanto, ma ha qualcosa), il problema è che, se vogliamo metterla al massimo, la nostra esperienza è che lasceremo sempre due punti al di sotto del suo massimo.

La buona notizia è che posizionando il terminale su un tavolo, viene compensato l’otturatore dovuto all’altoparlante che si trova nella parte posteriore, poiché le fotocamere sollevano leggermente il telefono, favorendo il suono.

Con le cuffie la nostra esperienza è stata notevolmente migliore, anche se non possiamo aspettarci di provare il miglior suono, ma il salto è notevole e possiamo goderci la nostra musica preferita con un minimo di qualità.

Potenza per il quotidiano

Per muovere il Motorola Moto G8 Power Lite, il brand ha deciso di montare quanto segue:

  1. Processore: MediaTek Helio P35.
  2. Memoria RAM: 4 GB.
  3. Memoria di archiviazione: 64 GB eMMC 5.1.
  4. GPU: PowerVR GE8320.

È inevitabile che venga in mente come si è comportato il G8 Power quando stiamo facendo i test delle prestazioni sulla versione Lite, perché notiamo che è molto meno potente.

Se siamo in grado di controllare il multitasking, ovvero che molti programmi non si accumulino in background e utilizziamo il terminale per attività quotidiane come messaggistica, alcuni video e un po’ di navigazione, non avremo nessun problema, al di là del fatto che qualcosa può essere visualizzato pigro in qualche altra transizione.

Nel momento in cui proviamo a giocare a un gioco moderatamente potente, ci rendiamo conto che non è un telefono per eseguire giochi moderatamente potenti, poiché i tempi di caricamento sono enormi e il ritardo si verifica più volte, quindi non è una buona esperienza. Se sei un appassionato di giochi, il G8 Power Lite non sarebbe una buona scelta.

Ma se tutto ciò che desideri è un terminale per fare le cose di tutti i giorni e la cosa più impegnativa nel tuo caso sarebbe guardare un film in streaming, allora puoi optare per questo terminale.

Il sistema operativo che muove questo Moto G8 Power Lite è Android 9 Pie, cosa che è stata curiosa poiché il G8 Power arriva con Android 10 e non capiamo quale sia il motivo per cui questo Lite non monta l’ultima versione del sistema operativo di Google.

Non possiamo dire che il Moto G8 Power Lite abbia alcun livello di personalizzazione su Android poiché non cambia nulla della versione pura del sistema operativo di Google.

Come nel caso del G8 Power, anche nella versione Lite non abbiamo traccia del sensore facciale, ma abbiamo il sensore di sblocco per sbloccare il cellulare tramite la nostra impronta digitale.

Non capiamo perché Motorola non abbia deciso di incorporare il sensore facciale, quando lo portano terminali della stessa fascia e prezzo. In compenso funziona bene il lettore d’impronte, è abbastanza veloce e affidabile, anche se non ci piace la posizione del lettore sul retro, dato che è un po’ alto.

Si tratta di un terminale 4G LTE con WiFi 802.11 b/g/n, Bluetooth 4.2, A-GPS, GLONASS, Galileo, LTEPP, SUPL, radio FM, microUSB 2.0, accelerometro, giroscopio e sensore di prossimità.

Buona l’autonomia, ma ci aspettavamo qualcosa in più

La batteria è un’enorme 5.000 mAh, qualcosa che si vede sempre di più, ma non in questa fascia di prezzo.

Ci aspettavamo sinceramente di più da questa batteria dato che si è dimostrata in sintonia con quella del Moto G8 Power, ovvero può raggiungere due e anche tre giorni di autonomia.

Ma ci aspettavamo di più perché in un terminale con una risoluzione dello schermo inferiore e meno potente del fratello, quindi l’autonomia dovrebbe essere migliore, ma nonostante ciò entrambi (versione normale e versione Lite) sono uguali, il che implica che la calibrazione nel G8 Power è migliore.

Per caricare il terminale occorrono poco più di ore e quaranta minuti, una cifra eccessiva nettamente e lontana dall’attuale ricarica rapida di molti smartphone della concorrenza.

Riteniamo che oggi avere un terminale che impiega quasi tre ore per caricarsi non lasci il brand in una buona posizione, anche se in questo caso tutto è ridotto al minimo poiché la sua autonomia compensa ampiamente questo fatto.

Sezione fotografica per uscire dai guai

Il Moto G8 Power Lite monta 3 sensori sul retro con le seguenti specifiche:

  1. Obiettivo principale: 16 MP, f/2.0, 1.0 µm, PDAF.
  2. Sensore macro: 2 MP, f/2.4.
  3. Sensore di profondità: 2 MP, f/2.4.
  4. Registrazione video: 1080p 30fps.

L’applicazione della fotocamera è estremamente semplice e molto facile da usare, ma piuttosto limitata in termini di modalità di assistenza fotografica.

  1. Modalità Macro: è il luogo in cui scatteremo le foto con il sensore macro, ovvero l’obiettivo predisposto per quelle foto estremamente vicine all’oggetto da fotografare.
  2. Bokeh: è dove renderemo le foto sfocate in stile, cioè dove abbiamo un oggetto principale e l’intera parte posteriore è sfocata. Ci consente di scegliere l’intensità della sfocatura, anche se a dire il vero non c’è molta differenza nella sfocatura in posizione da 1 a 15.
  3. Foto: è la modalità automatica della fotocamera posteriore e anteriore, dove è l’applicazione stessa che genera tutto.
  4. Video: dove possiamo registrare i nostri video a 1080p.
  5. Modalità panoramica: è l’unica modalità in quanto tale presente nell’applicazione della fotocamera, in cui le foto vengono scattate in quel sistema.

Possiamo anche scegliere di scattare foto con HDR, con una modalità bellezza regolabile e abbiamo Google Lens in un altro dei pulsanti di questa app della fotocamera.

Il sensore principale è in grado di scattare foto decenti in buone situazioni di luce. Otteniamo immagini più o meno nitide, con un colore un po’ tenue e situazioni in cui la fotografia può essere migliorata, soprattutto nelle zone più ombreggiate. Ma anche così, sono abbastanza foto per farla franca.

Nel momento in cui la luce non ci accompagna, mostriamo un calo sostanziale nella fotografia. Se scattiamo le foto in notturna, dimostriamo che la qualità dei colori e soprattutto la nitidezza subiscono un notevole arretramento, tanto che ci saranno foto che non saranno nemmeno utilizzabili.

È un vero peccato che Motorola non abbia implementato una modalità notturna nella sua app fotocamera perché ha buona parte della concorrenza diretta. È qualcosa che non capiamo bene e che pensiamo avrebbe fatto molto bene all’esperienza fotografica di questo terminale.

Il sensore macro, pur non avendo una grande qualità, ci sembra sufficiente per cavarsela, con colori anche leggermente spenti e una nitidezza abbastanza discreta, ma sufficiente per sfruttare le foto.

Quello che ci è piaciuto è l’effetto bokeh (sfocatura), poiché si comporta bene sia nel ritaglio che nella sfocatura, il che è abbastanza corretto, ma manteniamo lo stesso come abbiamo detto prima, le foto devono essere in buona luce, sì non la qualità va giù molti numeri interi.

La fotocamera frontale è da 8 megapixel con apertura focale 2.0 e può registrare a 1080p a 30 fps.

Questa fotocamera è sufficiente per fare un selfie nel momento in cui ne abbiamo bisogno, ma non ha qualità, nitidezza o contrasto eccessivi e i colori non sembrano essere trattati molto bene. È una fotocamera frontale solo per cavarsela.

Motorola Moto G8 Power Lite: prezzo e conclusione

Dopo averlo provato, possiamo dire che il Motorola Moto G8 Power Lite è un cellulare abbastanza semplice, senza pretese, in cui non c’è un punto davvero degno di nota sopra tutti gli altri, fatta eccezione per la sua batteria, ma dopo aver testato il G8 Power (versione standard) non ci sorprende molto.

Il prezzo che dovrà pagare il futuro utente del Motorola Moto G8 Power Lite è di poco inferiore ai 160 euro, cifra non eccessiva, ma con una concorrenza abbastanza agguerrita nei terminali di altre marche, come a casa sua, dal momento che suo fratello G8 Power costa solo circa 40 euro in più.

Non c’è dubbio che si tratta di un terminale per le persone che lo vogliono per le basi e che non sono molto assidue per passare ore e ore davanti allo schermo dello smartphone.

Acquista: Motorola Moto G8 Power Lite (Amazon)

Acquista: Motorola Moto G8 Power Lite (Fnac)

I punti di forza del Motorola Moto G8 Power Lite nella nostra recensione

  1. Le finiture sono di buon livello.
  2. Ottima autonomia.
  3. Foto abbastanza decenti in buona luce.
  4. È un terminale economico.

Punti deboli del Motorola Moto G8 Power Lite nella nostra recensione

  1. Schermo molto migliorato.
  2. Prestazione troppo onesta.
  3. Foto con poca luce alquanto mediocre.
  4. Il suono è un argomento molto in sospeso.

La nostra valutazione

  1. Disposizione: 8
  2. Schermo: 6
  3. Hardware: 6
  4. Autonomia: 9
  5. Camera: 6
  6. Software: 7
  7. Prezzo: 7
  8. Punteggio complessivo: 7

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba