Reviews

Oppo Enco X, cuffie dal suono magnifico, ma con aspetti migliorabili

È difficile che passi una settimana senza che nuove cuffie compaiano nel catalogo virtuale delle innovazioni tecnologiche. Uno degli ultimi modelli è stato l’ Oppo Enco X. Prevediamo che abbiamo adorato il suo suono. Tutti i dettagli, in questa recensione in cui includiamo la nostra opinione.

Solo qualche anno fa, osservare qualcuno che parlava da solo per strada ci provocava un gesto di sorpresa e, a volte, ci faceva anche cambiare marciapiede. Oggi, invece, ascoltare qualcuno che chiede a gran voce il prezzo dei propri titoli o chiacchierare del carrello è la cosa più comune da fare.

Oggi, quando qualcuno ti passa davanti e dice ti amo, è molto probabile che, per quanto scuota la nostra autostima, non si stia dichiarando a noi. Sappiamo tutti che parli al cellulare senza avere il dispositivo tra le mani grazie alle tue cuffie wireless. Bene, dobbiamo dirti che, dalla nostra esperienza, gli Oppo Enco X sono perfetti per dire ti amo.

Voucher; tagliando. Siamo d’accordo. Per dire quella frase valgono quasi tutte le cuffie, dalle economiche cuffie wireless di Lidl alle molto più costose Samsung Galaxy Buds Pro. Ma l’importante in questi casi è ascoltare perfettamente la risposta alla nostra frase, perché non ci sfugga nel trambusto della strada. E in questo gli Oppo sono ottimi. La sua cancellazione attiva del rumore è impressionante. Che ti piaccia o no, sentirai cosa rispondono.

Dobbiamo anche dirvi che siamo rimasti colpiti dalla sua presentazione, elegante e attenta. Tuttavia, è un po’ fiacco quando apriamo la scatola e iniziamo a giocherellare con i nostri Enco X. Non sono brutti, ma non sono nemmeno niente di speciale. Abbiamo anche trovato un po’ eccessivo il prezzo: 179 euro. Ma andiamo per parti, di cui parleremo un po’ più tardi.

Un design ordinario con una presentazione spettacolare

Ti confessiamo una cosa. Quando abbiamo ricevuto l’Oppo Enco X, abbiamo pensato che un fan ci avesse inviato un regalo molto speciale. Perché gli Oppo si presentano con una custodia molto elegante, nera, come l’alta gioielleria. E quando lo apriamo troviamo la scatola, le cuffie e due paia di pad perfettamente disposti che si aggiungono a quelli già incorporati nel dispositivo per accoglierli alle nostre orecchie.

Tuttavia, una volta fatte le introduzioni, i vari componenti ci deludono un po’. Non sembrano cuffie premium, ovviamente tra le nostre mani non pensiamo di trovarci di fronte a una voce di quasi 200 euro.

E la sua estetica, senza essere brutta, è troppo simile agli AirPods di Apple. Niente di diverso da quello che troviamo sul mercato. Da parte sua, la sua scatola di plastica non ci muove ancora all’idea che abbiamo di un prodotto di fascia alta. Dovremo adattarli al nostro orecchio per verificare se lo sono.

Per prima cosa, parliamo un po’ delle dimensioni. Le loro piccole dimensioni e il materiale con cui sono realizzati li rendono un prodotto leggero, che pesa poco, nello specifico 4,8 grammi per ogni auricolare. Una piuma leggera integrata nelle nostre orecchie.

Da parte sua, il cassone pesa 48,5 grammi e ha dimensioni di 66,3 x 49 x 21,7 millimetri. Tutto questo completa un set grazioso e confortevole, che difficilmente occuperà spazio quando li spostiamo.

La forma dell’auricolare, come abbiamo detto, non sorprende nessuno. Ha il solito formato stick corto che, sì, si adatta perfettamente all’orecchio. L’impugnatura in silicone che incorpora probabilmente ha molto a che fare con esso.

La verità è che l’abbiamo trovato molto comodo da usare. In nessun momento abbiamo patito la fastidiosa sensazione che escano dal nostro orecchio. Si adattano perfettamente a noi e non si comportano come un corpo estraneo. Questo, dobbiamo riconoscere, è un punto molto importante a suo favore.

Né siamo sorpresi dal design del case, la cui plastica convenzionale e poco associata ai prodotti di fascia alta ci stride un po’. Ha un design ovale e, nonostante sia piccolo e leggero, è facile da impugnare.

La confezione presenta il solito pulsante di associazione e una porta di ricarica USB Type-C. Tutto questo molto ben integrato in questa piccola scatola e dominato dall’elegante serigrafia di Oppo. Per quanto riguarda i colori, gli Oppo Enco X sono disponibili in bianco e nero.

Oppo Enco X, specifiche

  1. Driver: doppia armatura dinamica da 11 mm + 6 mm bilanciata.
  2. Formato: True Wireless in-ear (intraurale).
  3. Isolamento: cancellazione attiva del rumore (ANC) fino a 35 dB e modalità di ascolto.
  4. Resistenza: IP54 all’acqua e alla polvere.
  5. Microfono: esterno e interno per chiamate ANC+.
  6. Connettività: Bluetooth 5.2 doppia a bassa latenza.
  7. Controllo: tocco tocca + gesto di scorrimento.
  8. Batteria: 44 mAh per auricolare + 535 mAh nella custodia.
  9. Ricarica: USB C e ricarica wireless.

Acquista: Oppo Enco X (PCComponents)

Il meglio: suono ottimale

Potremmo non aver amato l’estetica di Enco X, ma quello che vogliamo davvero quando indossiamo le cuffie è che ci facciano godere di un buon suono. E dobbiamo confessare che ciò che abbiamo sentito va al di là del bene.

Questo magnifico udito è ottenuto grazie alla collaborazione con il marchio hi-fi danese Dynaudio, specializzato nell’ottenere il miglior suono in questo tipo di dispositivo.

La verità è che l’Oppo Enco X ha tutta la tecnologia richiesta per le cuffie a questo prezzo. Da un punto di vista ingegneristico, funzionano con il sistema Dynamic Bass Enhanced Engine 3.0. Ciò comporta il posizionamento di due driver (trasduttori) in parallelo, un driver dinamico a triplo strato da 11 mm per le frequenze medie e basse e un driver ad armatura magnetica bilanciata da 6 mm per gli acuti.

E cosa significa questo per l’utente? Quando adatti le cuffie al tuo orecchio scoprirai che i bassi, i suoni più difficili da ottenere, emergono potenti e dettagliati nel nostro orecchio.

Ciò si traduce in una potenza del suono eccellente, potente. Un’esperienza immersiva molto completa. Il suono, inoltre, appare pulito e ordinato.

Uno degli aspetti in cui spiccano anche le Enco X è la qualità del suono nelle chiamate. Questo ha a che fare con il fatto che hanno tre microfoni in ciascuna cuffia, uno dei quali si concentra sulla nostra voce e gli altri due sulla cancellazione del rumore esterno. Per questo è particolarmente interessante quando siamo fuori casa, poiché ci permette di ascoltare perfettamente la voce del nostro interlocutore.

Abbiamo anche riscontrato che l’esperienza in relazione alla sincronizzazione quando guardiamo contenuti audiovisivi è soddisfacente. In nessun momento abbiamo riscontrato le sempre fastidiose interferenze e i soliti errori di sincronizzazione in altre cuffie.

Una delle novità che incorpora Enco X è la cosiddetta Transparency Mode. Grazie ad esso, possiamo sentire chiaramente l’ambiente circostante mentre li indossi. Cioè, se stiamo ascoltando musica e un partner ci parla, solo attivando questa modalità dovremmo sentirlo chiaramente.

È vero che c’è un cambiamento nella ricezione dei suoni esterni quando lo abbiamo attivato, ma, a dire il vero, non ci siamo accorti che questo è eccessivamente significativo. Non osserviamo una differenza straordinaria se è attiva o meno.

Cancellazione attiva del rumore che si vede davvero

Florence Nightingale è considerata la antesignana dell’assistenza infermieristica. La sua priorità, come si può intuire, era il benessere dei pazienti di cui si prendeva cura. E una delle cose che percepiva e che maggiormente andava contro detto benessere era, appunto, il rumore superfluo. » Il rumore non necessario, per quanto insignificante, infastidisce un paziente molto più del rumore necessario, per quanto molto più intenso «, ha scritto.

Certo, Firenze, che visse nel 19° secolo, non aveva accesso alle cuffie attive con cancellazione del rumore per rendere la vita più facile ai malati. Siamo sicuri che oggi avresti soddisfatto tutte le tue aspettative per tenere i pazienti lontani da fastidiosi rumori inutili se avessi potuto provare l’Oppo Enco X. Perché la sua cancellazione attiva del rumore è straordinaria. Per noi, il meglio di queste cuffie.

Abbiamo quattro diverse modalità di cancellazione del rumore, a seconda di quanto vogliamo che sia intenso: cancellazione del rumore massima, cancellazione del rumore standard, cancellazione del rumore disattivata e la suddetta modalità di trasparenza.

La verità è che ciascuna delle modalità è evidente, anche se, come abbiamo sottolineato, non abbiamo solo notato una differenza eccezionale con la modalità trasparenza. La presenza di tutte queste modalità ci permette di focalizzare l’uso delle cuffie a seconda della situazione in cui ci troviamo e dell’uso che ne stiamo dando.

Ciò che ha attirato di più la nostra attenzione è che attivando la cancellazione del rumore, l’Oppo Enco X ci consente di ricevere il rumore dall’ambiente in modo pulito, soprattutto quando siamo all’esterno, senza che l’esperienza del suono che siamo giocare soffre. Altamente raccomandato se sei uno di quelli a cui piace camminare ascoltando la tua musica preferita.

Controlli touch con l’aiuto dell’app Hey Melody

Confessiamolo. A noi è capitato troppe volte che, provando un nuovo headset, il touch control lasci molto a desiderare. Sai già, che se un tocco accetta le chiamate, che se due riattaccano…. Il fatto è che per noi, per quanto tocco diamo, ci capita in molte occasioni di non ricevere la risposta adeguata.

Bene, finalmente, con l’Oppo Enco X abbiamo trovato delle cuffie che soddisfano le nostre richieste quando diamo loro i soliti tocchi. Non dimenticheremo mai che grazie a Enco X possiamo confermare che il controllo touch delle cuffie funziona nelle nostre mani.

Per configurare questo controllo touch, dobbiamo installare l’ app Hey Melody. Tutto con la massima semplicità. Basta scaricarlo, posizionare il cellulare vicino alle cuffie, con la scatola aperta, e si collegheranno istantaneamente tramite Bluetooth.

Una volta fatto, abbiamo la possibilità di configurare i tocchi a nostro piacimento. Cioè, modificando la configurazione possiamo determinare quanti tocchi dobbiamo abilitare per svolgere le diverse funzioni, dall’attivazione della cancellazione del rumore alla ricezione o all’effettuazione di chiamate.

Un altro aspetto interessante della funzione touch è che possiamo abbassare o alzare il volume semplicemente facendo scorrere il dito lungo i pin delle cuffie. Un modo molto utile e veloce di regolazione.

Forse manca un po’ più di diversità nelle opzioni offerte dall’applicazione. Tutto è molto semplice in Hey Melody, ma in altre cuffie abbiamo più possibilità di personalizzazione.

Autonomia sufficiente

Trattandosi di un dispositivo per l’uso quotidiano, l’autonomia è senza dubbio un aspetto fondamentale quando andremo a decidere quali cuffie acquistare. La verità è che l’Oppo Enco X ci sembra abbastanza corretto. Niente per passare la giornata pensando che non potremo rispondere alla prossima chiamata perché la batteria si esaurisce velocemente.

Grazie alla sua batteria da 44 mAh nelle cuffie e 535 mAh nella custodia, abbiamo quasi 6 ore di riproduzione continua, a patto che non abbiamo la cancellazione attiva del rumore in funzione, e altre 20 ore se le manteniamo in carica nel caso..

Il caricamento può essere effettuato tramite USB di tipo C, nella confezione, che impiega circa due ore per caricarsi completamente. Abbiamo anche l’ opzione di ricarica wireless Qi, che solitamente è riservata ai modelli più avanzati.

E cosa facciamo quando piove? Bene, continua a usarli senza problemi. Gli Oppo Enco X hanno una resistenza all’acqua e alla polvere IP54, comune in questa tipologia di prodotti. Ovviamente ci permette anche di usarli senza timore di danneggiarli quando pratichiamo sport.

Ottimo suono ad un prezzo un po’ alto

Quello che cerchiamo nelle cuffie è che ci offrano un buon suono e, a dire il vero, sono poche le obiezioni che possiamo fare al nuovo Oppo al riguardo. Il migliore sul mercato.

Un altro aspetto fondamentale nell’uso quotidiano è il comfort, e la verità è che la sua leggerezza e la sua perfetta aderenza all’orecchio ci fanno dimenticare a volte che li stiamo indossando.

Come abbiamo accennato, ci sono anche alcuni aspetti che non solo ci stupiscono. Il principale, il prezzo. È vero che data la qualità del suo suono, potrebbe non sorprendere che sia vicino ai 200 euro. È sicuramente una questione di budget.

Se non ti dispiace spendere un po’ di più, ne vale la pena per quello che ottieni. Ma se abbiamo un budget limitato, è possibile ottenere delle cuffie con risultati molto buoni, magari un suono non così pulito o una cancellazione attiva del rumore ottenuta, a un prezzo inferiore.

L’altro aspetto che ci lascia un po’ infreddoliti è il design. Come dicevamo, non sono brutti, ma sono troppo simili agli AirPods e alcuni dei loro materiali possono essere migliorati.

Come sempre, l’acquisto di una cuffia è una cosa molto personale. Se quello che ti interessa è poter sentire ogni dettaglio dei suoni di un’opera verdiana quando sei in metropolitana, l’Oppo sarà degli ottimi compagni di viaggio. Se sei più preoccupato per il prezzo o stai cercando un design innovativo, potresti voler dare un’occhiata ad altre alternative.

Acquista: Oppo Enco X (PCComponents)

I punti di forza di Oppo Enco X nella nostra recensione

  1. L’esperienza sonora è magnifica.
  2. È difficile trovare una migliore cuffia con cancellazione del rumore attiva sul mercato.
  3. Sono leggeri e si adattano alle nostre orecchie come un guanto.
  4. Hanno abbastanza autonomia.

Punti deboli di Oppo Enco X nella nostra recensione

  1. Design un po’ banale.
  2. Il prezzo è un po’ alto.
  3. L’app è troppo semplice.

La nostra valutazione

  1. Disposizione: 7
  2. Suono: 9
  3. Connettività: 8
  4. Comodità: 9
  5. Autonomia: 8
  6. Prezzo: 7
  7. Punteggio complessivo: 8

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba