Reviews

OnePlus Buds Z, buone cuffie True Wireless a soli 59€

Gli auricolari OnePlus Buds Z sono la seconda incursione del marchio nel segmento True Wireless (TWS), dove sempre più rivali stanno rubando quote di mercato agli AirPods di Apple. In questa recensione vedremo come si è evoluto il produttore nel mondo dell’audio.

Nell’analisi delle OnePlus Buds siamo soddisfatti, e le Buds Z optano per una formula simile, seppur riducendo l’autonomia e l’ingombro dei driver (altoparlante interno delle cuffie) per ottenere un prezzo inferiore.

Questo pone le OnePlus Buds Z a 59 euro, rispetto agli 89 euro della generazione precedente, che è ancora in vendita. E possiamo già anticipare che i «tagli» sono valsi la pena, e il buon rapporto qualità-prezzo posiziona le Buds Z meglio sul mercato.

Con un buon suono, fino a 20 ore di autonomia insieme alla custodia, un design accurato e un controllo dei gesti semplice ma funzionale, siamo di fronte a cuffie interessanti per chi ha un budget ridotto, soprattutto per i possessori di un cellulare OnePlus.

Design semplice ma accurato

Le OnePlus Buds Z vantano un design elegante, abbastanza simile alle AirPods (tranne che per la forma del case), seppur con tocchi propri che le allontanano dai tanti «cloni» presenti sul mercato. La finitura è in plastica leggermente lucida, con costruzione di qualità.

Si tratta di cuffie leggere (4,35 g ciascuna) e relativamente compatte, anche se non compatte come le Vivo TWS Neo, forse uno dei modelli più adatti alle orecchie piccole.

La parte esterna delle OnePlus Buds Z ospita l’ area per i tocchi tattili, con un cerchio di glitter concentrici che le conferiscono un certo stile tutto suo:

Al suo interno collocheremo i cuscinetti, disponibili in 3 misure, in modo che aderiscano correttamente al condotto uditivo:

Sebbene alcune persone siano infastidite dal fatto che entrino leggermente nell’orecchio, i gommini offrono vantaggi chiave: il supporto è più solido, isolano dall’esterno in una certa misura e aiutano a migliorare i bassi della musica se scegliamo la dimensione che sigilla bene il suono dell’uscita.

Anche la custodia di ricarica è leggera (40 g), in formato orizzontale e con un LED di indicatore della batteria all’esterno. Le cuffie sono fissate tramite perni magnetici, che ne facilitano la rimozione e la sostituzione:

Sul retro abbiamo la porta di ricarica USB-C e un pulsante per la sincronizzazione. La cerniera posteriore non è rinforzata in metallo e, sebbene non sembri particolarmente fragile, è sempre consigliabile maneggiarla con cura:

Le OnePlus Buds Z sono disponibili solo nella consueta colorazione bianca, ma a breve verrà lanciata la coloratissima Steven Harrington Edition, con le illustrazioni di questo designer californiano:

OnePlus Buds Z (E502A), specifiche e prezzo

Se diamo un’occhiata alla scheda tecnica delle OnePlus Buds Z (modello E502A) troviamo un hardware semplice ma che fa egregiamente il suo lavoro senza costi alle stelle. Questi i dettagli:

  1. Driver: 10 mm dinamico, sensibilità 97 dB ± 3 dB a 1 KHz.
  2. Formato: True Wireless in-ear (intraurale) con 3 dimensioni di gommini.
  3. Extra: suono Dolby Atmos 3D sui telefoni OnePlus.
  4. Resistenza: IP55 alla polvere e all’acqua
  5. Sensori: di utilizzo delle cuffie.
  6. Connettività: Bluetooth 5.0 con Google Fast Pair, 103 ms di latenza sui telefoni OnePlus.
  7. Codec: SBC e AAC.
  8. Controllo: tocchi tattili.
  9. Batteria: 40 mAh per auricolare + 450 mAh nella custodia.
  10. Ricarica: USB-C con ricarica rapida.
  11. Compatibilità: app per Android, compatibile iOS, PC, Mac e altri.
  12. Prezzo: 59 euro.

suono di qualità

Le OnePlus Buds Z offrono un buon suono nella sua fascia di prezzo, che secondo il marchio si concentra su bassi potenti, anche se ci è sembrato più equilibrato. Si adatta a diversi stili musicali e il driver dinamico da 10 mm (trasduttore) genera un audio abbastanza chiaro.

Per 59 euro, non puoi aspettarti una qualità del suono di prim’ordine, poiché il formato True Wireless aggiunge molti costi e modelli premium come il Sony WF-1000XM3 coprono quel segmento audiofilo, ma le OnePlus Buds Z fanno un buon lavoro per il loro PVP aggiustato.

A livello di connettività, le OnePlus Buds Z hanno Bluetooth 5.0, con i codec SBC e AAC. Altri più avanzati come aptX o LDAC vengono tralasciati, qualcosa di abbastanza ragionevole per ridurre i costi. In generale, la connessione è stabile e in alcune occasioni abbiamo subito interferenze occasionali.

D’altra parte, le OnePlus Buds Z hanno una modalità a bassa latenza, che la riduce a 103 ms. Utile per il gaming ma purtroppo la cosiddetta Fnatic Mode è disponibile solo con i telefoni OnePlus 6 e successivi.

Stesso discorso per il suono spaziale Dolby Atmos, che offre un maggiore senso di tridimensionalità per chi possiede un OnePlus 7 o successivo.

Per quanto riguarda i microfoni, funzionano bene e ci consentono di effettuare chiamate, inviare audio o interagire correttamente con Google Assistant.

Controllo troppo facile

Le OnePlus Buds Z hanno un controllo gestuale abbastanza limitato, sebbene funzioni bene e consenta l’accesso alle funzioni di base. Modelli come Huawei FreeBuds Pro sono avanzati verso un controllo molto più completo, ma in un’altra gamma più premium.

Questi sono i due gesti supportati da OnePlus Buds Z e le loro opzioni tra cui scegliere:

  1. Tocca due volte con il tasto destro: pausa/riproduci, brano precedente/successivo o Assistente Google.
  2. Tocca due volte a sinistra: pausa/riproduci, brano precedente/successivo o Assistente Google.

Peccato che non siano stati inseriti gesti aggiuntivi, alcuni molto comuni, come tenere premuto l’auricolare per qualche secondo, o addirittura toccare tre volte. Il doppio tocco può essere configurato, sia su OnePlus che su cellulari di terze parti, grazie alla nuova app HeyMelody, che conosceremo più avanti.

Ovviamente, la rimozione delle Buds Z mette in pausa la musica e, se le rimontiamo in un periodo relativamente breve, continua. Pertanto, la configurazione migliore ci sembra utilizzare il doppio tap sinistro per tornare al brano precedente e il doppio tap destro per passare a quello successivo.

App di configurazione autonoma

Forse il più grande difetto delle OnePlus Buds originali era che non avevano un’applicazione, quindi chi non avesse un cellulare del brand non poteva configurare le gesture di controllo o aggiornare le cuffie nel caso venissero rilasciate nuove versioni del firmware.

Ebbene, ora l’ applicazione HeyMelody si occupa di queste due funzioni, disponibile per smartphone Android, e compatibile con le cuffie di OnePlus e Oppo (entrambi marchi di proprietà di BBK Electronics).

HeyMelody è molto semplice, a parte la possibilità di vedere il livello della batteria di ogni elemento, non prevede extra al di fuori di gesti e aggiornamenti, come un equalizzatore.

Altre possibilità come localizzare l’ultima posizione delle cuffie su una mappa o farle squillare per trovarle sono gestite dalle impostazioni di Android (6.0 Marshmallow o superiori), poiché utilizzano la tecnologia Google Fast Pair.

Abbiamo queste possibilità anche nei cellulari OnePlus, direttamente nelle impostazioni Bluetooth. Sono meglio integrati e organizzati, inoltre includono extra come la scelta del codec preferito.

Senza dimenticare che le Buds Z consentono di utilizzare Dolby Atmos, la modalità a bassa latenza Fnatic e l’equalizzatore Dirac Audio Tuner sugli smartphone OnePlus, funzioni che perdiamo sui cellulari di altre marche.

Naturalmente, le OnePlus Buds Z sono compatibili tramite le funzioni Bluetooth standard con molti dispositivi: iPhone, PC, Mac, console, smartwatch, televisori, mini sistemi, autoradio…

batteria generosa

La batteria è uno degli elementi che le OnePlus Buds Z sacrificano rispetto al modello originale, seppur non eccessivamente. Ci permette di ascoltare fino a 5 ore continue di musica, che arrivano fino a un massimo di 20 ore insieme alla custodia.

L’autonomia varia a seconda del volume, del codec utilizzato e della distanza, ma in generale ci sembra corretto. Ad esempio, ci darebbe l’ascolto di musica per mezza giornata mentre lavoriamo, o una lunga sessione in palestra, e dopo averli riposti nella custodia si ricarichino.

Inoltre le OnePlus Buds Z supportano la ricarica rapida, con una ricarica di 10 minuti otteniamo 3 ore di autonomia (15 ore in cuffia e 1,5 ore nella custodia), a patto di utilizzare un caricatore di almeno 5 V/ 0,6 A.

Alcuni buoni True Wireless per pochi soldi

Le OnePlus Buds Z sembrano delle buone cuffie ad un prezzo ragionevole, continuando l’impegno per la fascia media che il produttore ha iniziato con il OnePlus Nord e recentemente continuato con il OnePlus Nord N10 5G.

Sebbene ci siano funzioni esclusive dei cellulari OnePlus, la nuova app HeyMelody rende i Buds Z più attraenti per gli altri utenti. Abbiamo un buon suono, controllo dei gesti (anche se troppo semplice), un design accattivante e un’autonomia sufficiente, il tutto a 59 euro, vicino a modelli come le Realme Buds Air.

Il formato True Wireless ha molte opzioni sul mercato e le OnePlus Buds Z sono un concorrente da tenere in considerazione, che non spicca in nessuna sezione specifica, ma ci offre un set completo ed equilibrato ad un prezzo adeguato.

I punti di forza delle OnePlus Buds Z nella nostra recensione

  1. Suono di qualità.
  2. Vasta gamma.
  3. App di configurazione per Android.
  4. Buon rapporto qualità prezzo.

Punti deboli delle OnePlus Buds Z nella nostra recensione

  1. Pochi gesti di controllo.
  2. Alcune funzionalità rimangono esclusive dei telefoni OnePlus.

La nostra valutazione

  1. Disposizione: 8
  2. Suono: 8
  3. Connettività: 7
  4. Comodità: 8
  5. Autonomia: 8
  6. Prezzo: 9
  7. Punteggio complessivo: 8

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba