Reviews

Mi Band 6, schermo più grande e sensore SpO2 nel miglior braccialetto fitness Xiaomi

La rinnovata Xiaomi Mi Band 6 torna nel 2021 con le già tradizionali migliorie che il brand cinese applica in ogni aggiornamento annuale. In questa recensione vedremo se sono sufficientemente approfonditi per cambiare il nostro attuale braccialetto fitness, e se rimane competitivo in un mercato con rivali sempre più interessanti.

Nel nuovo Xiaomi Mi Smart Band 6 (questo è il suo nome completo) spicca uno schermo più grande con cornici sottili, che si traduce in un aspetto attraente, una maggiore leggibilità e un controllo touch in qualche modo superiore.

I braccialetti fitness svaniscono gradualmente dagli smartwatch di base, un esempio del quale è la somiglianza tra Huawei Watch Fit e Huawei Band 6. Nel caso del Mi Band 6, abbiamo un sensore di ossigeno nel sangue (SpO2), ma non abbiamo ancora la posizione GPS o NFC per pagare con esso.

C’è da pensare che Xiaomi ha voluto mantenere una dimensione piccola come le versioni precedenti, quindi lo spazio a disposizione è limitato, e anche il PVP rimane a 44,95 euro, visto che il prezzo economico è uno dei tratti distintivi della My Band.

Chi ha bisogno di funzionalità extra dovrebbe rivolgersi ad altri marchi, o agli smartwatch del produttore, lo Xiaomi Mi Watch o l’economico Xiaomi Watch Lite, che costa solo 15 euro in più rispetto al braccialetto a portata di mano.

Stesso design con un po’ più di schermo

Il design della Xiaomi Mi Band 6 non è cambiato molto rispetto al suo predecessore, ma i consueti miglioramenti incrementali rifiniscono l’esperienza. Rimane comunque un bracciale leggero, comodo e discreto, che con un peso di 12,8 g nel suo corpo centrale (senza cinturino) è facile dimenticare che lo stiamo indossando.

Di default viene fornito con un cinturino in gomma TPU nera con rivestimento antibatterico e Xiaomi vende altri 5 colori, anche se sul mercato troveremo un’enorme varietà di produttori di terze parti, inclusi cinturini in metallo, tessuto o pelle, in design molto diversi..

Tutti i bracciali della Mi Band 5 sono compatibili (esternamente sono identici), nel caso della Mi Band 4 e 3 dipende dal materiale, poiché questi ultimi sono più piccoli, e potrebbero non calzare bene.

Lo schermo da 1,56 pollici occupa la maggior parte della parte anteriore, rendendolo più attraente. È protetto da un vetro temperato, i cui bordi disegnano una curva morbida, e con un rivestimento anti-impronta che funziona discretamente bene:

Come sempre, la scocca è facile da rimuovere per cambiare il cinturino o pulire uno qualsiasi dei due elementi. Nella zona posteriore comprende i sensori pulsazioni, l’ossigeno nel sangue e due pin per la ricarica magnetica, rifiniti in plastica di policarbonato:

Come nella versione precedente, Xiaomi Mi Band 6 utilizza la ricarica magnetica, tramite un cavo specifico che viene alimentato da una porta USB standard (il caricatore stesso non è incluso, possiamo utilizzare qualsiasi cellulare):

Si tratta di un sistema molto più comodo rispetto alle generazioni precedenti, e inoltre non è necessario rimuovere la scocca dal cinturino per la ricarica, il che semplifica notevolmente l’utilizzo quotidiano.

Per quanto riguarda il cinturino predefinito, è realizzato in gomma TPU e si regola tra 155 mm e 219 mm, coprendo quasi tutte le dimensioni del polso:

Una fibbia circolare in alluminio ci permette di regolare la Mi Band 6 chiudendola nel foro che più si adatta al nostro polso, con un perno che raccoglie la parte in eccesso del cinturino:

A livello fisico non resta che sottolineare che la Mi Band 6 supporta l’ immersione sott’acqua fino a 5 ATM, quindi possiamo utilizzarla quando nuotiamo e sotto la doccia, ma non per le immersioni, e Xiaomi avverte che non resiste anche in sauna.

L’acqua salata è più aggressiva, se la usiamo in spiaggia una buona idea sarebbe sciacquarla successivamente con acqua dolce per evitare danni. Logicamente prima di caricarlo dobbiamo sempre assicurarci che sia completamente asciutto.

Xiaomi Mi Band 6, specifiche

Come ogni generazione, la scheda tecnica della Mi Band 6 avanza un po’, sebbene non includa ancora la geolocalizzazione GPS o NFC per i pagamenti mobili. Queste le sue caratteristiche:

  1. Display: touchscreen AMOLED da 1,56 pollici (486 × 152 px), fino a 450 nit.
  2. Sensori: ossigeno nel sangue (SpO2), cardiofrequenzimetro PPG, accelerometro a 6 assi + giroscopio a 6 assi.
  3. Connettività: Bluetooth 5.0.
  4. Resistenza: 5 ATM sott’acqua, adatto per il nuoto.
  5. Monitoraggio: attività fisica, sport, sonno, stress, PAI, mestruazioni, polso e ossigeno nel sangue (SpO2).
  6. Sport: 30 modalità (6 con rilevamento automatico).
  7. Extra: notifiche, controllo della musica, allarmi, promemoria, meteo, avviso di inattività, ricerca mobile, ecc.
  8. Batteria: 125 mAh con caricatore magnetico incluso.
  9. Dimensioni e peso (corpo): 47,4 × 18,6 × 12,7 mm e 12,8 g.
  10. Compatibilità: Android 5, iOS 10 e versioni successive.
  11. Prezzo: 44,99 euro.

Acquista: Xiaomi Mi Band 6 (PCComponents)

Acquista: Xiaomi Mi Band 6 (Amazon)

Schermo più grande, ma non perfetto

Lo schermo è uno degli aspetti migliorati della nuova Xiaomi Mi Band 6, che ora occupa una quota maggiore della parte frontale. È un pannello OLED con colori vividi e neri profondi, poiché questa tecnologia spegne e riaccende i singoli pixel.

Non sorprende che il design dell’interfaccia e i quadranti predefiniti optino per sfondi neri. In questo modo, lo schermo e le cornici si fondono, senza che sia chiaro dove finisce uno e inizia l’altro, oltre a ridurre il consumo energetico.

La risoluzione di 486 × 152 px raggiunge un’elevata nitidezza (326 punti per pollice) su uno schermo di soli 1,56 pollici e gli angoli di visualizzazione sono buoni.

Almeno durante i giorni della recensione, il vetro che ricopre lo schermo non ha subito graffi o segni con il normale utilizzo, e il rivestimento anti-sporco fa il suo lavoro, visto che non è uno schermo particolarmente soggetto a impronte o polvere.

Ora, questo è un braccialetto a basso costo e lo schermo è ancora lontano dall’essere perfetto. La luminosità di 450 nit a volte non è sufficiente all’esterno, soprattutto se non utilizziamo i design predefiniti per la sfera, la cui visibilità è stata ottimizzata.

Il problema non è solo la luminosità, ma la mancanza di un sensore di luminosità che lo adatti ad ogni situazione. Dall’app Mi Fit è possibile impostare la luminosità in modo che scenda di notte, a seconda dell’ora, senza tener conto della quantità di luce ambientale.

Per quanto riguarda il design dello schermo, è possibile scegliere tra più di 60 quadranti. I tre che vengono forniti di default sono i più attraenti e pratici, mostrando molti dati a colpo d’occhio: ora, data, meteo, frequenza cardiaca, passi percorsi, calorie spese e PAI.

Ma nell’app Mi Fit c’è un’ampia selezione, inclusa la possibilità di utilizzare una foto personalizzata come una sfera, qualcosa che aumenta notevolmente le possibilità, poiché possiamo utilizzare una fotografia personale o qualsiasi immagine scaricata da Internet che ci piace.

Dal canto suo, tra i disegni predefiniti ci sono diversi stili: sportivo, futuristico, formale, con illustrazioni, disegni geometrici, ecc. Anche di personaggi animati, alcuni sconosciuti al pubblico spagnolo, ma altri molto apprezzati (SpongeBob, Detective Conan, Hatsune Miku ed Evangelion, per esempio).

Interfaccia semplice ed intuitiva

Il controllo della Xiaomi Mi Band 6 è semplice e si basa principalmente sui gesti di swipe and hold, qualcosa che è più pratico su uno schermo così piccolo rispetto alle solite interfacce di premere un’opzione tra le tante disponibili.

Scorrendo verso l’alto o verso il basso dall’inizio viene visualizzato il menu principale, con le seguenti opzioni configurate per impostazione predefinita:

  1. Condizione.
  2. Punteggio PAI (Personal Activity Intelligence).
  3. Frequenza cardiaca.
  4. SpO2.
  5. Notifiche.
  6. Formazione.
  7. Storia dell’allenamento.
  8. Fatica.
  9. Respirazione.
  10. Eventi.
  11. Allarme.
  12. Tempo atmosferico.
  13. Musica.
  14. Orologio mondiale
  15. Impostazioni.
  16. Altro (fotocamera, cronometro, timer, trova telefono e muto).

Tramite l’app Mi Fit è possibile nascondere dal menu principale le funzioni che non utilizziamo, portarle anche nella sezione «Altro», oppure rimuovere le funzioni che compaiono di default in «Altro» e che si vedono nella elenco principale.

Sempre dall’applicazione attiveremo «Cicli», che serve per controllare il ciclo mestruale, dopo aver effettuato la corrispondente configurazione iniziale.

Spostandoci da sinistra a destra sull’orologio abbiamo accesso diretto ad alcune delle funzioni, di default solo a musica e meteo, ma è possibile scegliere quelle che preferiamo.

Anche nell’app Mi Fit sarà possibile scegliere le modalità sportive che compaiono di default nella sezione allenamenti, per avviarle più facilmente. Il resto è ancora in un menu «Altro» nel caso in cui ne avessimo bisogno prima o poi.

In generale, l’ interfaccia della Xiaomi Mi Band 6 ci sembra comoda e intuitiva. Solo i menu più avanzati, come le impostazioni, si complicano un po’ costringendoci a fare clic con precisione tra diverse opzioni molto piccole.

Molte opzioni di fitness e salute

Controllo della salute, attività fisica e benessere generale sono gli obiettivi principali dei braccialetti fitness, ed è uno degli aspetti che è stato migliorato nella Mi Band 6, incorporando un pulsossimetro che misura la saturazione di ossigeno nel sangue (SpO2).

Abbiamo un cardiofrequenzimetro PPG, che ci consente di misurare la frequenza cardiaca manualmente e anche periodicamente (da 1 min a 30 min). Tra le opzioni abbiamo il monitoraggio durante l’esercizio, per quantificare il livello di stress e durante il sonno (con controllo della qualità della respirazione notturna).

Inoltre possiamo aggiungere un avviso se il nostro polso supera una certa soglia mentre siamo a riposo, cioè una tachicardia che potrebbe essere sintomo di un problema.

Né il cardiofrequenzimetro né l’ossimetro raggiungono un livello medico, ma nei nostri test sono stati abbastanza accurati. Sebbene non servano a fare una diagnosi, possono metterci sulla pista che qualcosa non va, per effettuare i relativi esami medici.

Il punteggio PAI (Personal Activity Intelligence) è un indicatore del livello di attività sano. L’obiettivo è raggiungere un PAI di 100 punti (adattato in base all’età, al sesso e ad altri fattori) e viene calcolato principalmente attraverso la misurazione del polso, considerando sia la pratica sportiva che l’attività quotidiana.

Calcola inoltre il livello di stress, i passi compiuti e le calorie consumate, nonché la qualità del sonno, compresa la respirazione. Tutto questo viene salvato nell’applicazione Mi Fit, generando una visuale molto precisa del nostro stato fisico.

Da un lato, abbiamo 6 modalità sportive con riconoscimento automatico, che rilevano quando iniziamo l’attività. Sono i seguenti:

  1. Camminare a piedi.
  2. Correre all’aperto.
  3. bici da esterno
  4. Tapis roulant.
  5. Vogatore.
  6. ellittico

Naturalmente, il consumo della batteria aumenta considerevolmente quando si utilizza il rilevamento automatico. Il Mi Band 6 non include il GPS, ma se portiamo con noi il cellulare in sport come il ciclismo e la corsa, utilizza la posizione del telefono, registrando il percorso con alta precisione.

All’interno dell’interfaccia c’è la possibilità di iniziare a monitorare 30 diversi sport. Oltre ai 6 già citati, aggiungono quanto segue:

  1. Ginnastica, freestyle, stretching, indoor gym, core training e step machine.
  2. Ciclismo indoor, corda e HIIT
  3. Basket, pallavolo, ping pong, cricket, bowling, badminton e pattinaggio sul ghiaccio.
  4. yoga e pilates
  5. Pugilato e kickboxing.
  6. Danza, street dance e zumba.
  7. Nuoto.

Una funzione utile è la respirazione guidata, che ci aiuterà a rilassarci e distenderci nei momenti di stress. Scegliamo un tempo compreso tra 1 minuto e 5 minuti, chiudiamo gli occhi e attraverso le vibrazioni il braccialetto ci dice quando inspirare ed espirare, lentamente.

C’è anche la possibilità di registrare il ciclo mestruale, aggiungendo informazioni aggiuntive (dolore, sanguinamento o umore) e avere informazioni approssimative sui giorni fertili.

Inoltre, include il solito avviso di sedentarietà, che quando siamo seduti troppo a lungo, ci dice di muoverci.

Notifiche e altri extra

Nella Xiaomi Mi Band 6 sono incluse alcune tipiche funzioni extra, che a seconda dell’utente potrebbero essere uno dei principali motivi di acquisto, oppure non avere molto interesse. In quest’ultimo caso, è facile rimuoverli dai menu e disattivare le notifiche di quelli di cui non approfittiamo.

Tra gli extra della Mi Band 6 ci sono i seguenti:

  1. Notifiche mobili (incluso WhatsApp con anteprima del testo).
  2. Tempo atmosferico.
  3. Controllo della musica mobile.
  4. Scatto con fotocamera mobile.
  5. Sveglia silenziosa tramite vibrazione (collegabile alla sveglia mobile).
  6. Promemoria evento (non associato al calendario).
  7. Cronometro e conto alla rovescia.
  8. Posizione del cellulare dal braccialetto (e viceversa).

Va notato che l’alta risoluzione dello schermo ci consente di vedere i dettagli delle notifiche di alcune app. Ad esempio, ci mostra parte del testo dei messaggi WhatsApp ricevuti, in un font abbastanza piccolo, ma è leggibile e talvolta ci impedisce di guardare il cellulare.

My Fit, un’app di controllo molto completa

My Fit è un’applicazione conosciuta e molto completa, non al livello di Samsung Health o Huawei Health, ma non è nemmeno da meno. La configurazione del braccialetto viene eseguita dal profilo utente e lì è possibile regolare il monitoraggio, le notifiche e altri aspetti del suo funzionamento.

Inoltre, tutte le informazioni raccolte sono organizzate nella scheda «Stato», insieme a quelle fornite da altri dispositivi dell’ecosistema Xiaomi. Ad esempio, se abbiamo una bilancia intelligente My Body Composition Scale, il peso è incluso insieme alle percentuali di grasso, muscoli e acqua.

Inoltre, Mi Fit può essere utilizzato per registrare direttamente allenamenti come corsa, ciclismo e camminata. Non dimentichiamo che, in questi sport, la Mi Band 6 deve essere collegata al cellulare per utilizzare il suo GPS e che la posizione è precisa.

Mi Fit gestisce il pairing Bluetooth e la configurazione iniziale del braccialetto, e richiede di essere sempre eseguito in background su Android per trarne il massimo. Ad esempio, l’ applicazione è responsabile della raccolta delle notifiche e dell’invio al nostro polso o dell’aggiornamento delle previsioni del tempo.

Mi Fit porta una componente sociale, aggiungendo i nostri amici e familiari come contatti e gareggiando per fare più passi di loro, qualcosa che incoraggia una vita sana.

In ogni caso c’è il paradosso che la Mi Band 6, avendo un hardware più semplice, offra molte più possibilità rispetto a Mi Watch e Mi Watch Lite grazie a Mi Fit. Gli orologi devono essere abbinati a Xiaomi Wear, un’app molto più scadente con funzionalità limitate.

Batteria di 14 giorni e ricarica magnetica

A livello di batteria, il Mi Band 6 promette fino a 14 giorni di autonomia grazie alla sua capacità di 125 mAh. Le enormi durate delle prime generazioni (fino a 30 giorni) non sono possibili ora che lo schermo si ingrandisce e si aggiungono tante funzionalità, ma due settimane sono comunque un numero molto buono.

Alla fine, il risultato effettivo dipende molto dalla configurazione utilizzata, considerando che la Xiaomi Mi Band 6 non integra il GPS né c’è la possibilità di tenere sempre visibile l’ora, le due funzionalità che consumano più energia nei wearable.

La ricarica tramite il cavo magnetico è molto più comoda, in quanto non richiede di rimuovere la scocca dal cinturino, e raggiunge il 100% di capacità in circa due ore, quindi non è troppo veloce.

Xiaomi regna ancora nei wearable low cost

Il nuovo Xiaomi Mi Band 6 resta comunque un ottimo braccialetto fitness per chi cerca un prezzo ragionevole, come i suoi predecessori. Non è il migliore in niente, ma fa tutto abbastanza bene, e lo fa per pochi soldi, a cui si deve aggiungere l’enorme popolarità del produttore in Spagna.

Nonostante la Mi Band 6 sia ancora una continua evoluzione, le sue innovazioni hanno avuto successo. Se avessimo il modello precedente, non ci sarebbero molti motivi per rinnovarlo, fatta eccezione per il sensore SpO2 che la pandemia di COVID-19 ha reso attuale, e che quasi tutti i wearable 2021 integrano già.

In sintesi, il Mi Band 6 rimane un riferimento tra i braccialetti a basso costo, nonostante siano emersi concorrenti come l’ Oppo Band e l’ Honor Band 6, quindi è un’opzione da tenere a mente se vogliamo un nuovo indossabile.

Acquista: Xiaomi Mi Band 6 (PCComponents)

Acquista: Xiaomi Mi Band 6 (Amazon)

Punti di forza della Xiaomi Mi Band 6 nella nostra recensione

  1. Sensore SpO2 integrato.
  2. Schermo più grande.
  3. Molte opzioni di monitoraggio nello sport e nella salute.
  4. Leggero e comodo, compatibile con i cinturini Mi Band 5.
  5. Buona app per dispositivi mobili.
  6. Extra utili come le notifiche di WhatsApp con testo.
  7. Ottimo rapporto qualità prezzo.

Punti deboli della Xiaomi Mi Band 6 nella nostra recensione

  1. Nessun sensore di luminosità, il che a volte rende difficile la leggibilità.
  2. Senza GPS o NFC (qualcosa di comprensibile per il suo prezzo).
  3. Caricamento piuttosto lento.

La nostra valutazione

  1. Disposizione: 9
  2. Schermo: 8
  3. Hardware: 7
  4. Autonomia: 8
  5. Software: 8
  6. Prezzo: 9
  7. Punteggio complessivo: 8,2

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba