Reviews

Huawei P Smart 2021, un cellulare completo e semplice

Huawei P Smart 2021 è uno smartphone completo, ma ha una barriera che ci occuperemo di abbattere in questa recensione, ecco perché diciamo che è un cellulare senza complicazioni.

Huawei P Smart 2021 arriva in 3 colorazioni (verde, rosa e nero) e abbiamo avuto la fortuna di averlo in Green Crush, e non a caso questo è il suo nome, perché fa innamorare solo a vederlo, ma non è perfetto, lo spiegheremo più avanti nella sezione design.

Abbiamo abbastanza batteria per un giorno, buone prestazioni, 4 fotocamere, un bel design, un buon schermo e nessuna traccia di Google. Qui giochiamo solo con i servizi Huawei. Una sfida che abbiamo affrontato con un po’ di paura e diffidenza, perché negarla, e che abbiamo portato a termine questi 15 giorni di test senza perdere Google.

Huawei P Smart 2021 unboxing

Questo dispositivo arriva in una scatola bianca dove vediamo solo il nome del dispositivo, sia sulla parte frontale che sui lati, a parte il logo Huawei e ci danno già un indizio che qui dobbiamo lavorare con l’App Gallery, ma nella sezione software ti forniremo diversi trucchi per utilizzare tutte le app sul tuo cellulare Huawei senza i servizi Google.

  1. Mobile.
  2. Manuali e garanzia.
  3. Strumento per rimuovere la doppia SIM e il vassoio MicroSD.
  4. Caricabatterie con ricarica rapida e cavo di ricarica.

Huawei P Smart 2021, specifiche tecniche

Un cellulare completo ed equilibrato, ma non perfetto, poiché trovare la perfezione in un dispositivo mobile è molto complicato, ma questo Huawei P Smart 2021 ci è piaciuto:

  1. Schermo: LCD da 6,67 pollici con risoluzione FHD+.
  2. Processore: Kirin 710A.
  3. Memoria RAM: 4 GB.
  4. Memoria interna: 128 GB espandibili tramite MicroSD fino a 512 GB.
  5. Fotocamera posteriore: quadrupla da 48 MP con lunghezza focale 1.8 + grandangolo da 8 MP 120º con lunghezza focale 2.4 + Macro da 2 MP con lunghezza focale 2.4 + sensore di profondità da 2 MP con lunghezza focale 2.4.
  6. Fotocamera frontale: 8 MP con focale 2.0.
  7. Connettività: 4G, GPS, Wi-Fi e Bluetooth 5.1.
  8. Porte e sensori: lettore d’impronte sul lato, jack per cuffie, USB C e slot per SIM e MicroSD.
  9. Batteria: 5.000 mAh con ricarica rapida da 22,5 W.
  10. Sistema operativo: Android 10 con EMUI 10.1.

Un posteriore che spezza il cuore, ma molto delicato

A volte è necessario fare a meno di alcune caratteristiche importanti per conferire originalità e bellezza a uno smartphone ed è quello che ha fatto Huawei con questo cellulare che viene dal «futuro». Huawei P Smart 2021 avrebbe dovuto essere lanciato, come suggerisce il nome, nel 2021, ma è stato con diversi mesi di anticipo.

Questo smartphone ha un dorso verde brillante che a volte, a seconda del flusso di luce, diventa bluastro.

Purtroppo , è un magnete per impronte digitali, polvere e graffi. Ma sì, con una cover trasparente, addio problemi, ciao bellezza.

È una plastica lucida con bordi in alluminio e uno schermo LCD da 6,76 pollici con risoluzione FHD+ sulla parte anteriore. Lo schermo ha delle ombre nella parte inferiore ma solo un occhio di falco come il nostro è in grado di percepirlo.

Dietro abbiamo il caratteristico modulo fotocamera dove abbiamo 4 sensori e un flash LED. Il modulo sporge un po’ dal telaio del terminale, ma niente che una copertura non possa riparare.

Dando una svolta di 360º, vediamo un frontale che è quasi tutto schermo da 6,67 pollici, con l’auricolare per le chiamate e la selfie camera, e sul bordo superiore un microfono con cancellazione del rumore.

Nella parte inferiore abbiamo uno speaker, un microfono per le chiamate, il jack per le cuffie e una USB C.

Sul lato destro, il controllo del volume e il pulsante di blocco del telefono, che è anche il lettore di impronte digitali.

Sul lato sinistro abbiamo solo lo slot per la doppia SIM e la MicroSD.

Misure e peso del terminale: 165,65 mm x 76,88 mm x 9,26 mm e 206 grammi.

Buon schermo ma potrebbe essere migliore

Lo schermo di questo P Smart 2021 è un pannello LCD, ci manca un pannello OLED, ma la verità è che non è affatto male nella sua fascia di prezzo. Ha una buona definizione, colori molto reali e sorprendenti, ma manca di intensità, e ciò è fornito dai pannelli OLED, con neri più scuri, ma è comunque un buon schermo.

Nell’Huawei P Smart 2021 non abbiamo una tacca di alcun tipo, solo un foro nello schermo che corona i 6,67 pollici di questo cellulare.

La risposta tattile è sufficiente, non abbiamo notato alcun ritardo nell’utilizzo in questi giorni. Ovviamente sono a 60 Hz, la loro risposta è la solita, se fossero 90 Hz la differenza è minima. Dove le differenze sono davvero evidenti sono nei pannelli a 120 Hz quando apriamo e chiudiamo app, facciamo scorrere un feed, animazioni tra le applicazioni, ecc.

Per quanto riguarda la luminosità è abbastanza buona, sia all’esterno che all’interno, diventando anche molto intensa all’interno e a volte dobbiamo abbassarla.

Nell’Huawei P Smart 2021 è presente una protezione per gli occhi, attivata o disattivata, dalla barra delle notifiche.

Una performance approvata con notevole

Questo cellulare ha prestazioni abbastanza buone, per il punteggio basso che ha ottenuto nei test 3DMark che abbiamo effettuato: 1.089 punti. Questo lo lascia molto al di sotto di altre recensioni che abbiamo recentemente rilasciato come Realme 7 e Realme 7 Pro.

Durante i nostri test abbiamo giocato ad Asphalt 9, Trial Xtreme 4 e molti altri, e la verità è che tutto è andato liscio e bene. Nei giochi più potenti abbiamo notato qualche tiro puntuale, ma appena percettibile, inoltre il terminale non si scalda.

4 fotocamere ma risultati alquanto discreti

Nella fascia media è sempre lo stesso, tante fotocamere per risultati decenti e sufficienti. Che sì, con buone condizioni di luce, senza usare lo zoom e senza muovere il cellulare, altrimenti la qualità delle immagini diminuisce notevolmente.

Questo Huawei P Smart 2021 ci dà buoni risultati, ma quando le condizioni di luce sono giuste. Include un sensore macro che soddisfa a seconda delle situazioni, un grandangolo di 120º che raccoglie più elementi all’interno dell’istantanea e una sfocatura quasi perfetta.

Huawei P Smart 2021 ha 4 fotocamere sul retro e una per i selfie incorporata nello schermo:

  1. Principale 48 MP con focale 1.8.
  2. Grandangolo con 120º di 8 MP con focale 2.4.
  3. Sensore macro da 2 MP con lunghezza focale 2,4.
  4. Sensore di profondità da 2 MP con lunghezza focale 2,4.
  5. Fotocamera frontale da 8 MP con lunghezza focale 2.0.

Successivamente, metteremo alcuni esempi delle loro foto:

Alta risoluzione

Luce scarsa

Ritratto (sfocatura)

Come possiamo vedere, sono risultati decenti, e anche buoni in alcuni casi, ma servono una buona illuminazione, molta pazienza e una buona inquadratura. Non puoi scattare foto veloci, perché risultano poco definite, scure e un po’ sfocate.

Autonomia per 2 giorni

La ricarica rapida di questo Huawei P Smart 2021 non è la più veloce sul mercato, ma è molto positivo che un cellulare così completo e per meno di 230 euro abbia una ricarica rapida di 22,5 W.

I 5.000 mAh di questo terminale ci consentono fino a 6 ore di tempo sullo schermo, e anche poco di più se non lo utilizziamo intensamente. È vero che due giorni senza caricarla non si possono sempre essere, ma un giorno e mezzo si, in più avendo una ricarica rapida, in soli 25-30 minuti ci regala il 50% di batteria.

Ha una modalità di risparmio batteria molto estrema, tanto da perdere funzioni di base come la connessione Internet, e persino il Bluetooth che ci collega al nostro Huawei Watch GT2.

Petal Search, la salvezza del software Huawei

Come regola generale, e per quanto il pubblico era abituato, Huawei si è presentata sul mercato con la sua versione ufficiale di Android e il suo livello di personalizzazione chiamato EMUI.

Ora, e per 2 anni, la storia è cambiata e la compagnia cinese ha dovuto lottare contro ogni previsione per rimanere a galla.

Attualmente Huawei arriva sul mercato, dal modello Mate 30 e Mate 30 Pro, con Android AOSP che è la versione «aperta» di Android. Android è open source, ma Huawei, dopo tutte le polemiche tra Trump e la Cina, non ha la licenza per mettere Android con i servizi Google sui suoi cellulari.

Ecco perché devi aspettare che il colosso di Internet rilasci la sua versione più recente di Android ed è allora che Huawei la prende, la riprogetta con il suo livello di personalizzazione e la invia ai tuoi dispositivi come aggiornamento.

In altre parole, i cellulari Huawei hanno Android, ovviamente lo fanno, quello che non hanno sono i servizi di Google. Vivere però senza Google è più che possibile e rischiamo di dire che Huawei, anche se risolverà il conflitto commerciale, non farà un passo indietro.

Petal Search è stato lanciato tempo fa, e all’inizio era qualcosa di completamente sconosciuto e ora possiamo dire, senza timore di sbagliare, che è la salvezza di Huawei.

Petal Search è un motore di ricerca di applicazioni intelligente, inoltre, se vogliamo un’app specifica e non c’è, possiamo richiederla a Huawei tramite la lista dei desideri. Se il reparto sviluppatori Huawei rileva una certa domanda per quell’applicazione, si mette al lavoro per portarla all’app store Huawei.

Questo motore di ricerca di applicazioni ci permette di scaricare dalla tastiera di Google, meglio conosciuta come Gboard, su YouTube, Snapchat, Telegram, WhatsApp, Facebook, Instagram, Truecaller, CaixaBank, Gmail, Amazon, Veganeamos (per scoprire se quello che compriamo è vegano), 3DMark, TikTok, Spotify (ci siamo registrati con Hotmail, Gmail ha fornito errori), Twitter, Shazam, WordReference, Booking, YouTube, PayPal (non ancora in Petal Search), Asphalt 9, ecc.

Davvero, abbiamo tutte queste app su Huawei P Smart 2021 e non abbiamo avuto il minimo problema con loro. È vero che vengono scaricati tramite APK e che alcuni di essi, come Gmail o YouTube, ad esempio, sono accessibili tramite il browser.

Può sembrare un po’ macchinoso, ma almeno possiamo controllare la posta elettronica o guardare i video di YouTube su un cellulare Huawei senza i servizi Google.

L’unico momento in cui abbiamo avuto difficoltà è nel trasferire le foto dalla galleria mobile alla libreria di Google Foto, poiché non viene sincronizzata automaticamente, ma non importa, perché l’abbiamo risolto con Huawei Share.

Quali sono le differenze? Non lo negheremo. Cosa c’è di più scomodo a volte? Non lo neghiamo nemmeno noi, ma siamo di fronte a un traguardo, un brand che dipendeva da Google ora può farne a meno e migliorare sempre di più.

Consigliamo l’uso di Petal Search su App Gallery per due motivi molto chiari, in App Gallery non ci sono tutte le app che vogliamo e in Petal ci sono, e perché in App Gallery se cerchiamo WhatsApp, tutto tranne l’app ufficiale di WhatsApp appare Messenger.

Per scaricare le app, segui questi passaggi:

  1. Usiamo il motore di ricerca Petal Search e individuiamo l’app che vogliamo.
  2. Fai clic su «Installa» e si apre il negozio da cui lo installeremo.

  1. Fare clic sul pulsante «Scarica APK».
  2. Quindi ci chiedono se vogliamo scaricare il file e fare clic su «Download».
  3. Successivamente, inizia il download e prima di terminare ci viene chiesto se consentiamo a Petal Search di installare app. Fare clic su «Consenti».
  4. L’app è installata normalmente e possiamo aprirla.

Equilibrio tra software, hardware e design, lo consigliamo?

Sì, ma abbiamo già detto che se quello che stai cercando è un cellulare per entrare nel Play Store e scaricare direttamente da lì, qui non sarebbe possibile. Qui devi scaricare dall’App Gallery o utilizzare Petal Search, quindi aprire il motore di ricerca dell’app, cercare l’app o il gioco che desideri, scaricarlo e divertirti.

Se vuoi nuotare nel futuro ed essere tra i primi a provare un cellulare che non «dipende» da Google, allora questa è la tua occasione. Consigliamo vivamente Huawei P Smart 2021, sia in verde che rosa, visto che il nero non ha un dorso bello come gli altri due colori, anche se è questione di gusti.

I punti di forza dell’Huawei P Smart 2021 nella nostra recensione

  1. Batteria da 5.000 mAh.
  2. Ricarica veloce
  3. presa per le cuffie
  4. Rapporto qualità prezzo.
  5. Disegno posteriore.
  6. Suono forte e chiaro.
  7. Schermo.

Punti deboli dell’Huawei P Smart 2021 nella nostra recensione

  1. Posteriore molto sporco e delicato.
  2. Fotocamere migliorate.
  3. Frequenza di aggiornamento di 60 Hz.
  4. Dimensioni e peso.

La nostra valutazione

  1. Disposizione: 7
  2. Schermo: 7
  3. Hardware: 8
  4. Autonomia: 8
  5. Camera: 6
  6. Software: 9
  7. Prezzo: 9
  8. Punteggio complessivo: 7,7

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba