Reviews

Galaxy SmartTag, non perdere mai più le chiavi grazie al localizzatore Samsung

Il nuovo Samsung Galaxy SmartTag è un piccolo localizzatore che ci aiuta a ritrovare gli oggetti di uso quotidiano, dalle chiavi smarrite in casa al nostro animale domestico se si è nascosto in giardino. In questa recensione vedremo cosa regala di sé la nuova proposta dell’azienda.

Prima di tutto, dobbiamo chiarire che analizziamo il Galaxy SmartTag con Bluetooth, in seguito verrà rilasciato il modello SmartTag+ che aggiunge UWB (Ultra Wide Band), una tecnologia con portata maggiore già integrata in alcuni cellulari come il Galaxy S21 Ultra e qualcosa di più appropriato per la posizione.

Non sono quindi inclusi GPS e connettività mobile, dettaglio molto importante: questo limita la precisione nella localizzazione e la possibilità di trovare il Galaxy SmartTag, in cambio la sua autonomia è molto maggiore, quasi un anno con una sola batteria di tipo CR2032 pulsante.

Pertanto, abbiamo bisogno di un cellulare Samsung per localizzare un Galaxy SmartTag entro un raggio fino a 120 m, in base alla potenza del segnale, che limita un po’ la portata. Cioè, siamo di fronte a un’idea simile a Tile, seppur limitata all’ecosistema Samsung.

Se perdiamo un oggetto a grandi distanze, Samsung ha creato una soluzione ingegnosa: la rete SmartThings Find utilizza i cellulari dei suoi membri per trovare oggetti smarriti e invia la posizione del Galaxy SmartTag al proprietario, mantenendo sempre la privacy degli utenti.

Samsung Galaxy SmartTag, specifiche

Il Samsung Galaxy SmartTag è un dispositivo semplice, ma è importante conoscerne i dettagli tecnici in modo da sapere esattamente cosa aspettarsi da esso. Di seguito ne riassumiamo le principali caratteristiche:

  1. Portata: fino a 120 m (all’aperto).
  2. Controllo: pulsante multifunzione (tocco singolo, doppio tocco e tocco lungo).
  3. Connettività: Bluetooth Low Energy (BLE) 5.0.
  4. Resistenza: IP53 all’acqua e alla polvere.
  5. Batteria: 1 anno di autonomia con batteria CR2032 (tipo orologio da polso).
  6. Compatibilità: dispositivi Galaxy con Android 8 Oreo o versioni successive.
  7. Dimensioni e peso: 3,91 x 3,91 x 0,99 cm e 50,8 g.
  8. Prezzo: 39,90 euro.

Design compatto e funzionale

L’aspetto del Samsung Galaxy SmartTag non attira molta attenzione, si tratta di un quadratino di meno di 4 cm di lato e di meno di 1 cm di spessore. È fatto di plastica di buona qualità, abbastanza solido e pesa solo 50 g.

Almeno per ora, in Spagna è venduto solo in Galaxy SmartTag in nero, anche se ci sono versioni in beige, rosa gomma da masticare e verde menta. Il piccolo foro serve per agganciarlo a un portachiavi, una valigia, un collare per cani o altro oggetto che dobbiamo localizzare.

Sotto il logo Galaxy SmartTag c’è l’ unico pulsante del dispositivo, con una chiara pressione, che emette un segnale acustico anche quando viene premuto.

Il retro include solo il logo Samsung, senza nessun altro elemento:

In uno degli angoli abbiamo una piccola linguetta che serve per aprire il Samsung Galaxy SmartTag, che permette di cambiare la batteria o resettare il dispositivo:

Ed è che il Samsung Galaxy SmartTag non ha una batteria ricaricabile, funziona con una batteria a bottone CR2032, come quelle utilizzate dagli orologi da polso convenzionali.

Secondo l’azienda, la batteria offre circa 1 anno di autonomia (a seconda dell’utilizzo), quindi non dovremo cambiarla frequentemente.

L’integrazione della batteria al posto di una batteria è una decisione fondamentale, da un lato non doverla ricaricare continuamente è molto più comodo, e non abbiamo bisogno di una scheda SIM per collegarci alla rete mobile.

Il Galaxy SmartTag è invece molto meno completo di localizzatori come Vodafone Curve, che, grazie al GPS e alla connettività mobile, indicano l’esatta posizione in tempo reale, ma a costo di abbassare l’autonomia dopo 7 giorni e richiedere un canone mensile per la SIM.

Utilizzo del Galaxy SmartTag

Il Samsung Galaxy SmartTag è facile da usare e facile da configurare. Dovremo collegarlo a un cellulare o tablet Samsung con Android 8 Oreo o versioni successive e sarà anche associato al nostro account Samsung, utilizzato per alcune funzioni.

È possibile modificare il nome (nel caso disponiamo di più SmartTag), scegliere il volume e il tipo di segnale acustico, vedere il livello approssimativo della batteria e aggiornare il firmware all’arrivo di nuove versioni. Non ci sono molte opzioni, perché nemmeno il suo funzionamento lo richiede.

Ecco come si troverebbe il Samsung Galaxy SmartTag dall’applicazione:

  1. Apriamo l’ app SmartThings, i nostri dispositivi sono elencati lì e su una mappa possono essere individuati utilizzando SmartThings Trova:

  1. La mappa che mostra la posizione ci permette di far suonare il Galaxy SmartTag, e se è lontano apre il navigatore GPS per guidarci verso la sua posizione:

  1. Se il Galaxy SmartTag è lontano (ad esempio, in una valigia smarrita), la posizione sarà ottenuta grazie ai vicini cellulari Galaxy di altri utenti, senza che nessuna delle parti acceda ai dati personali degli altri.
  2. Quando il nostro dispositivo rileva il segnale Bluetooth del Galaxy SmartTag, viene abilitata l’opzione «cerca nelle vicinanze «, che indica la vicinanza in base alla potenza del segnale. Non è un sistema molto preciso, ma insieme alla possibilità di far suonare il localizzatore, non dovrebbe essere difficile trovarlo:

Il Galaxy SmartTag, quindi, sarà utile per appoggiarlo su oggetti, ma non è utile per localizzare animali domestici (tranne in un giardino chiuso o in una fattoria), tanto meno per controllare la posizione dei bambini piccoli, per i quali esistono prodotti specifici come il orologio per bambini Vodafone Neo.

Non disponendo di connettività GPS o mobile, in questi casi non ci fornisce la sicurezza o la precisione necessarie e ha più senso per attività come la ricerca di chiavi smarrite a casa.

Sebbene Samsung enfatizzi la privacy della rete SmartThings Find, va anche notato che la collaborazione è obbligatoria: affinché altri utenti ci aiutino a localizzare i nostri oggetti, dobbiamo anche aiutare con quelli degli altri membri.

Questo può significare un consumo di batteria leggermente superiore su cellulari e tablet, ma è alla base del funzionamento del Galaxy SmartTag, che altrimenti sarebbe molto limitato dalla portata del Bluetooth.

Smart home e app SmartThings

Oltre alle funzioni di localizzazione, il Samsung Galaxy SmartTag ci offre alcune funzioni extra grazie al suo pulsante integrato e all’applicazione SmartThings, che centralizza l’ecosistema smart home dell’azienda sudcoreana.

Queste sono le tre possibilità:

  1. Tocco semplice: azione configurabile.
  2. Tocca due volte: individua il telefono o il tablet Galaxy accoppiato.
  3. Tenere premuto: azione configurabile.

Pertanto, il doppio tocco sarà sempre associato allo squillo di un dispositivo Galaxy, sia esso un cellulare o un tablet. Deve essere collegato al nostro account Samsung e questo sistema funzionerà anche se lo abbiamo messo in modalità silenziosa.

Le altre due combinazioni ci permettono di attivare azioni domotiche se utilizziamo l’ecosistema SmartThings, come accendere e spegnere luci o aria condizionata. Avvia anche routine più complesse che abbiamo configurato, a seconda delle nostre esigenze e delle apparecchiature per la casa intelligente di cui disponiamo.

Un localizzatore Bluetooth semplice ed efficace

Il nuovo Samsung Galaxy SmartTag è un buon localizzatore di oggetti, che ad un prezzo di 39,90 euro ci offre un’enorme autonomia, un design accattivante e l’integrazione con la domotica SmartThings.

Ovviamente, in cambio rinuncia alla maggiore precisione del GPS e della connettività mobile, che ne limita le possibilità. Inoltre, funziona solo con i dispositivi Samsung, una decisione un po’ strana, dal momento che esistono già modelli compatibili con qualsiasi cellulare sul mercato.

Samsung ha voluto anticipare il vociferato Apple AirTag, e ci propone un dispositivo interessante, senza tante complicazioni, e che fa egregiamente il suo lavoro.

Naturalmente, prima di acquistarlo, dobbiamo valutare se il suo funzionamento basato su Bluetooth a basso consumo è adatto all’uso che ne faremo, oppure se abbiamo bisogno di un modello più preciso, che sarà più costoso e richiederà frequenti ricariche.

I punti di forza del Samsung Galaxy SmartTag nella nostra recensione

  1. Enorme autonomia di 1 anno.
  2. Design compatto e pulito.
  3. Funzioni di controllo per la casa intelligente.
  4. La rete SmartThings Find amplia le possibilità di trovare gli oggetti.

Punti deboli del Samsung Galaxy SmartTag nella nostra recensione

  1. Senza GPS o connettività mobile, la capacità di localizzazione è limitata.
  2. Compatibile solo con dispositivi Samsung Galaxy.

La nostra valutazione

  1. Disposizione: 8
  2. Connettività: 6
  3. Autonomia: 10
  4. Software: 8
  5. Prezzo: 8
  6. Punteggio complessivo: 8

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba