criptovalute

Recensione e opinioni del Balancer 2022 È una truffa?

In questa recensione spiegherò cos’è Balancer e se si tratta di una truffa o di una società legittima.

Balancer è un protocollo DeFi di tipo Market Maker automatico, ovvero è un market maker decentralizzato automatico.

Qual è l’obiettivo?

Facilita lo scambio di criptovalute riducendo i costi e lo slippage, tutto grazie alla sua fornitura di liquidità ottimizzata.

Come si ottiene ciò?

Attraverso l’utilizzo di algoritmi che allocano in modo efficiente i fondi nei pool ad ogni operazione.

In altre parole, la base del funzionamento di questa piattaforma è la programmazione della liquidità. I fornitori di liquidità mettono i loro fondi nei pool e l’algoritmo di Balancer offre quei fondi a chiunque abbia bisogno di acquistare e vendere una determinata valuta.

Una cosa che distingue Balancer dalle altre MMA(Automated Market Makers) è che non ha un limite di 50-50 sui pool di liquidità. Il peso in questo caso può essere variabile, il che conferisce maggiore flessibilità al progetto. Ciò significa che in un progetto DeFi più «tradizionale» l’utente deve depositare almeno il 50% in Ethereum, mentre in Balancer non deve essere così e se lo desideri puoi depositare l’80 o il 90% di eventuali token supportati.

Pertanto, questa piattaforma può essere utilizzata come:

  • Liquidity provider nei Pool(diventi Market Maker)
  • Token trader(usate la liquidità dei pool)
  • Ecosistema per applicare tecniche di trading algoritmico

Balancer è sicuro? È regolamentato?

Ebbene, come già saprai o dovresti sapere, il mondo DeFi è uno dei più nuovi al mondo, e quindi la sua regolamentazione è lontana dai tradizionali mercati aziendali che possiamo trovare.

Vale a dire, Balancer non è regolamentato in FCA, NFA o organismi di quel tipo.

Quello che posso trovare su questa azienda è che si tratta di un progetto di capitale di rischio con sede in Estonia che opera dal 2019 da Mike McDonald e Fernando Martinelli, dopo aver raccolto fondi per 3 milioni di dollari da aziende come Complice e Placeholder.

In linea di principio sembra un’azienda sicura e non ci sono indicazioni che possa essere trattata come un progetto inaffidabile. Tuttavia, è qualcosa che si concentra sul medio termine, quindi dovremo aspettare almeno un paio d’anni per vedere come andrà il progetto.

Sulla propria homepage ci dicono che è un’azienda in stato beta e che non dovremmo investire molti soldi, quindi per ora dovrebbe essere sufficiente per sapere che non è il posto dove dovremmo mettere tutti i nostri risparmi.

Ci dicono anche che effettuano controlli rigorosi per garantire che il loro sistema funzioni correttamente. Ricorda che questo è un progetto digitale che può avere molti errori di sistema, sia in termini di funzionamento che di debolezza di fronte agli attacchi degli hacker.

Balancer è una truffa?

Al momento sembra di no. Sembra un progetto serio e credo sinceramente che se fallisce, sarà più dovuto alla sua natura di capitale di rischio, poiché non vi è alcuna garanzia che avrà successo sul mercato.

Magari l’idea funzionerà e tra qualche anno diventerà un colosso del mercato dei cambi oppure potrebbe andare storto e l’azienda finirà per chiudere.

Vedremo.

Come funzionano i pool Balancer?

I pool sono pool di liquidità. Affinché ci sia quella liquidità, devono esserci utenti che hanno inserito i loro token o criptovalute. Hanno il compito di fornire l’asset che i trader richiederanno in borsa.

Nella pagina dei pool possiamo vedere i progetti di liquidità creati sulla piattaforma. Ne abbiamo tre:

  • Condivisi(comparditos): a questi pool è possibile aggiungere liquidità ma non modificarli. I suoi parametri sono fissi. Sono progettati per il volume di vendita al dettaglio all’ingrosso
  • Inteligente
  • Privati: in questi solo il creatore del pool può aggiungere o prelevare liquidità da esso

Se vogliamo vedere quali sono le caratteristiche di ogni pool, non ci resta che cliccare e ci mostra la composizione di detto portafoglio MMA. Le composizioni tipiche di queste piscine che possiamo vedere sono:

  • 50% WETH e 50% BTC
  • 80% GNO e 20% WETH
  • 67% BAL e 33% WETH

Se vogliamo aggiungere liquidità, clicchiamo su uno di essi e possiamo inserire il token corrispondente, dove ci daranno la percentuale di partecipazione a detto pool.

Si presume che partecipando a questo programma siamo in grado di ricevere un ritorno.

Un dettaglio importante è vedere gli scambi di ogni operazione. Possiamo farlo se clicchiamo sul pulsante «scambia», accanto a «Saldi». Nella schermata che appare possiamo vedere le operazioni dei token e come generano una commissione o una commissione di swap.

Infatti, se premiamo il pulsante dell’operazione andiamo alla pagina Etherscan, dove ce ne danno tutti i dettagli, con l’indirizzo di acquisto e l’indirizzo di vendita con il relativo hash.

Come fornitori di liquidità, siamo interessati a fare molte operazioni, perché in questo modo riceveremo più commissioni di swap.

Gettone BAL

Dopo il successo iniziale del lancio del suo Balancer, è stato incoraggiato a creare un proprio token, chiamato BAL, essendo così il token di governance di questa piattaforma. In questo modo, gli utenti che dispongono di questo token possono partecipare agli sviluppi futuri del progetto.

Avere BAL è come essere un investitore in questo progetto, con tutto ciò che ciò comporta, dalla partecipazione ai suoi profitti all’essere coinvolti nella sua gestione. Con questo, qualcuno che ha una quantità significativa di token BAL ha voce in capitolo nelle future implementazioni di nuovi cambiamenti nelle strutture delle commissioni, ad esempio.

Questi token BAL vengono distribuiti ai fornitori di liquidità, creando pool o aggiungendo fondi al progetto. In questo modo vantaggio, progetto e utenti. Questo è ciò che viene chiamato liquidity mining, in cui il mining consiste nell’aggiungere liquidità al mercato.

Quando vengono creati i pool, questi BAL vengono ottenuti semplicemente ricevendo le commissioni di transazione, che verranno fornite in questo token. Più basse sono le commissioni, più BAL verranno ricevuti, premiando coloro che offrono bassi costi di negoziazione in modo da attirare più partecipanti al sistema.

Inizialmente, sono stati creati 100 milioni di questi token, di cui 25 milioni per i fondatori e altri attori chiave e 75 milioni da distribuire ai nuovi entranti.

Quale può essere il ritorno con questa attività di aggiunta di liquidità?

Nella pagina http://pools.vision/ possiamo vedere gli ultimi dati sulle prestazioni di ogni pool su questa piattaforma. Tieni presente che l’APY è una stima del rendimento annuo atteso, ma questo non tiene conto di altri fattori come i rischi o i successivi cambiamenti delle condizioni.

Scambio di equilibrio

L’Exchange ci dà l’opportunità di scambiare criptovalute o token. Così semplice.

Essere un Exchange decentralizzato ci dà l’opportunità di operare con minori costi burocratici in quanto non ci sono requisiti di identità o ubicazione, ecc. L’unica cosa di cui avremo bisogno è connettere un portafoglio esterno come MetaMask e iniziare a scambiare le valute che vogliamo con quelle che abbiamo.

Quali asset o token offre?

Tra gli altri abbiamo ETH, BAL, USDC. DAI, BTC, mUSD, MKR, PERP, YFI, wNXM, UMA, LINK, renBTC, BZRX, SRM, LEND, AAVE, UNI, DOUGH, COMP, RPL e molti altri.

Il trading è simile a quello che possiamo trovare in Uniswap, per esempio.

Chi usa questo scambio?

  • Commercianti al dettaglio che cercano condizioni di trading migliori
  • Gli arbitrajisti cercano inefficienze tra questo e altri scambi, sia centralizzati che DEX
  • Commercianti che necessitano di finanziamenti o liquidità in token specifici

La commissione da pagare dipenderà dalla liquidità disponibile in un dato momento e dalla struttura delle commissioni/swap nel sistema di liquidità del pool. Ecco perché è importante per la piattaforma che ci sia sempre più liquidità, perché in questo modo c’è più concorrenza, migliori possibilità di ottenere condizioni migliori per i trader.

Le nostre opinioni su Balancer

Senza dubbio, siamo di fronte a un altro dei progetti di punta del mondo DeFi.

Un progetto che rischia di silurare il classico sistema dei market maker centralizzati e l’intero ecosistema finanziario attuale.

L’idea è abbastanza buona, con la sua flessibilità aggiuntiva che rimuove il limite del 50% di ETH da altri DEX simili.

Dal punto di vista di queste MMA o Market Maker si presenta un sistema con tanti incentivi, ma su cui bisogna ancora lavorare e bisognerà aspettare per vedere come si evolverà. Siamo ancora troppo presto per valutare le opinioni sul prodotto stesso.

Come per quasi tutti questi tipi di progetti quando sono ancora in una fase iniziale, il rischio di hack è alto e Balancer non è estraneo a questo, avendone sperimentato alcuni nel 2020. Ecco perché penso che sia prudente prendere tutte le precauzioni quando operando su un sito come questo o simile.

Se vogliamo sapere come sta andando il progetto, possiamo seguire il prezzo del suo token BAl o essere collegati alla sua community su Discord, dove conta più di 10.000 membri, e in aumento.

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba