Applicazioni

La quinta generazione di computer: origini, storia ed evoluzione

Avvicinandosi a questo momento più attuale, i progressi tecnologici hanno offerto novità che molte persone hanno sperimentato e ne sono rimaste impressionate, stiamo parlando della quinta generazione di computer.

È un periodo dell’informatica che abbraccia due decenni, dagli anni Ottanta ai duemila, e che porta con sé aspetti del tutto diversi, inquadrati in un momento speciale per l’industria.

Caratteristiche della quinta generazione di computer

In questa generazione o lungo periodo ha contribuito molte cose, e qui vogliamo farle conoscere mostrando com’era, chi si è distinto e quali invenzioni risuonavano in quel momento. La prima e più determinante caratteristica di questa pietra miliare è l’arrivo del computer portatile.

È questa pietra miliare che ci fa lasciare, ma in nessun caso dimenticare, il computer desktop. Pertanto, vediamo emergere la quinta generazione di computer quando il laptop IBM entra nel mercato.

Il secondo elemento che determina anche questo periodo è il progetto che stava portando avanti il ​​Giappone (il cosiddetto Fifth Generation Project) che mira a creare team basati sull’intelligenza artificiale. Va notato che a quel punto ha completamente fallito, ma rimane la base per una generazione.

Abbiamo anche quanto segue:

  • Stavano lavorando molto sul software, per poter offrire molto di più, senza bug, essendo sempre più versatili e più semplici da usare, chiaramente per l’utente così come per il resto dei programmi della macchina.
  • La velocità è rilevata dall’hardware, che diventa perfettamente funzionante per tutti i tipi di utenti.
  • I cloni più popolari dei modelli di computer stanno guadagnando di nuovo popolarità, cosa dimenticata negli anni precedenti.
  • Funziona con più processori in un sistema.
  • È in corso una nuova miniaturizzazione delle parti.
  • Altrettanto impressionante è il salto nella capacità di archiviazione dei dispositivi disponibili.
  • I linguaggi di programmazione utilizzati sono sia LIPS che PROGOL.
  • La multimedialità inizia a guadagnare terreno.
  • Si sta lavorando su aspetti dell’intelligenza artificiale come la robotica, il linguaggio naturale, i sistemi esperti e anche il riconoscimento vocale. Questo rende i dispositivi funzionali, in grado di apprendere e lavorare date le azioni di cui sopra.
  • I dispositivi di archiviazione stanno diventando sempre più popolari e accessibili per archiviare le informazioni.
  • È possibile la traduzione linguistica immediata.
  • L’ inclusione di vari tipi di porte consente la concentrazione su varie reti e dispositivi.
  • Il DVD è riconosciuto come lo standard per la registrazione di contenuti.

Evoluzione e storia della 5a generazione di computer

La tappa inizia con la presentazione in fiera del laptop Osborne 1, che si può vedere già nel 1981, ma ci vuole molto tempo per vederlo in vendita; non era esattamente un dispositivo utile in quanto aveva molti difetti. Seguirono le apparecchiature Epson e la molto più efficiente Epson HX-20.

Nel 1982 apparve il primo supercomputer che funzionava in parallelo. È anche ora di vedere il Compaq Portable, un computer con uno schermo spesso e una tastiera separata, per la prima volta completamente compatibile con il famoso PC desktop di IBM (tranne, ovviamente, il computer di IBM). La stessa cosa è successa con il Commodore 64, il computer da gioco domestico che è diventato globale.

Sebbene non sia correlato alla fase delle pietre miliari, Apple ha lanciato quello che sarebbe il sostituto della popolare Lisa, il Macintosh. Comprendeva per la prima volta un’interfaccia grafica, il noto concetto di desktop, e integrava un mouse. La cosa strana era che l’accettazione era poca.

Nel 1991, IBM stava progettando e costruendo un interruttore delle dimensioni di un atomo che all’epoca non era interessante, sebbene fosse essenziale per lo sviluppo di computer nani. Il DEC ha anche prodotto un supercomputer che ha eseguito 26 miliardi di istruzioni di base in un solo secondo.

NCR, invece, produce il Notepad NCR 3125, un microcomputer con manico e senza tastiera, formato folio e spesso solo 3 cm. Incorpora anche molte funzioni e la sua accessibilità richiede la scrittura manuale. È il precursore di tablet e smartphone touch.

Un anno dopo è stato lanciato il WWW, World Wide Web o World Computer Network, un sistema di distribuzione di documenti ipertestuali e ipermediali principalmente tramite Internet. Questa è stata una svolta nella quinta generazione di computer.

Nel 1993, IBM è riuscita a scrivere dati su un disco ottico utilizzando un laser a luce blu. Allo stesso tempo, come tutto quanto sopra, dal 1982 i giapponesi sono stati immersi in un progetto che, come dicevamo, funge anche da cornice per l’epoca. L’obiettivo era sviluppare computer che utilizzassero l’intelligenza artificiale nel software e nell’hardware per affrontare problemi molto più complessi, oltre che personalizzati.

Ciò ha comportato costi astronomici, lo sviluppo di numerosi prototipi e dispositivi finali e, purtroppo, il fallimento e l’abbandono dopo 11 anni, durante i quali, nonostante i notevoli progressi sotto vari aspetti, i risultati sono stati identici a quelli dei computer convenzionali e, a volte, anche controproducenti.

Quali sono i computer apparsi nella quinta generazione di computer?

I dispositivi più significativi della quinta generazione di computer sono stati i seguenti:

  • PIM – Prototipo hardware basato sulla combinazione di più macchine PSI in una rete. Questo fa parte del progetto giapponese di intelligenza artificiale. Alla fine, abbiamo trovato cinque macchine di questa classe. La sua caratteristica principale era un gruppo di 256 elementi di elaborazione collegati.
  • Epson HX-20 – Annunciata nell’81 e rilasciata nell’83.Era molto apprezzata dai collezionisti perché, a differenza del suo predecessore, le sue caratteristiche la rendevano molto più funzionale. Aveva un doppio processore Hitachi 6301, stampante a matrice di punti, memoria RAM espandibile, cassetta di memoria micro e schermo LCD.
  • Osborne 1 – Il primo microcomputer portatile, apparso alla fiera West Coast Computing nel 1981 per essere venduto, anche se senza molto successo, due anni dopo. A 30 libbre, con un sistema operativo CP/M, una tastiera staccabile e uno schermo minuscolo, sembrava troppo ispirato allo Xerox PARC del 1976. Include due porte, IEEE-488 e l’ancora utilizzata RS-232.
  • Compaq Portable SLT / 286 1903: Molto pomposo, perché includeva uno schermo molto più grande, che permetteva di lavorare con molto più comfort. Il suo chip grafico era eccezionale, visualizzava 9×14 caratteri e presentava un BIOS Compaq ridisegnato e il famoso processore Intel 8088.
  • Windows 95 – Una versione del sistema operativo basata su MS-DOS anche se con un’interessante interfaccia utente grafica. Probabilmente il sistema operativo più popolare della storia.
  • Floppy disk: un supporto di memorizzazione completamente obsoleto ma, curiosamente, costituisce un pulsante di salvataggio nei programmi per computer. È un elemento quadrato rimovibile in cui sono memorizzate alcune informazioni che sono state gestite dal computer.

I migliori inventori di computer di quinta generazione

Parliamo di un periodo in cui le invenzioni non spiccano (con l’ovvia eccezione del laptop, che non è più sviluppo o miglioramento di quanto già realizzato).

Tuttavia, possiamo evidenziare Von Neumann non per il suo lavoro in questi anni, ma per il suo lavoro nei decenni precedenti, punto di partenza, supporto e ispirazione per lo sviluppo di elementi di archiviazione.

Ovviamente, Epson, Microsoft e IBM hanno svolto tutti un lavoro impressionante, ciascuno separatamente, producendo importanti prodotti per l’informatica.

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba