Guide

VPN o proxy? Cosa vestire?

Se ti stai chiedendo cosa usare, se una VPN o un proxy, allora sei nel posto giusto poiché parleremo di ciascuna di queste alternative e della loro convenienza a seconda del caso in cui vuoi utilizzarla, in modo che tu possa determinare l’opzione migliore in ogni momento.

Dobbiamo partire dal fatto che questi due strumenti sono simili ma non uguali, anche se possono essere utili per lo stesso compito e cioè per mascherare i tuoi dati di connessione, in particolare il tuo indirizzo IP, ognuna di queste alternative ha un obiettivo e una funzione diversi e precisamente Qui vedremo in quali casi conviene utilizzarli.

Proxy: cos’è e quando usarlo

Esaminiamo il concetto di base del proxy. È un server che funziona tra il tuo computer e il server con cui stai cercando di comunicare, dove è ospitata la pagina web o il servizio a cui vuoi accedere, in questo modo quel sito riceverà la richiesta da una terza parte e poi la consegnerà a voi il contenuto e in questo modo non conoscerete mai l’identità di chi ha realmente fatto la richiesta.

Fondamentalmente utilizza un indirizzo IP aggiuntivo da un computer diverso in modo che non possano identificare la tua identità all’interno del traffico ricevuto dalla pagina Web a cui stai tentando di accedere.

Quando quella pagina web ti riceve, vedrà effettivamente l’IP del proxy, ma non proprio il tuo. Questo è l’ideale per aggiungere un certo livello di sicurezza o per evitare di essere seguito attraverso il tuo indirizzo, rendendo così il tuo tempo su Internet un po’ più privato.

I casi in cui dovresti utilizzare un proxy possono variare in base alle tue esigenze, tuttavia ci sono alcuni suggerimenti sui momenti ideali in cui dovresti nascondere il tuo IP e ti indicheremo quei casi:

  1. Quando ti trovi in ​​una regione o in un paese in cui la rete è censurata e bloccata, puoi utilizzare un proxy.
  2. Puoi considerare un proxy quando tenti di accedere a server che ricevono connessioni solo da determinati indirizzi IP, con filtri per paesi o località.
  3. Al momento dell’inserimento di giochi o servizi che sono filtrati per una posizione specifica o hanno un blocco regionale, come un tipo di streaming o un gioco online.
  4. Se sono presenti restrizioni sui contenuti con filtri, in base alla posizione, o se il tuo indirizzo IP è stato inserito nella lista nera per l’accesso a tali contenuti, puoi utilizzare un proxy in grado di accedervi.
  5. Puoi anche installare proxy sui computer per filtrare i contenuti su quel computer specifico e bloccare l’accesso a diverse pagine web, come contenuti per adulti e social network. Questi tipi di pratiche sono utilizzati soprattutto negli uffici e nelle squadre scolastiche.
  6. Se visiti siti Web in modo ricorrente, alcuni proxy installati localmente ti consentono di memorizzare nella cache il contenuto dei siti e ciò ti consentirà di effettuare query e richieste più rapidamente.
  7. Puoi utilizzare i proxy web quando devi evitare il tracciamento e anche per accedere a determinati servizi in cui non vuoi che rimangano tracce del tuo passaggio.
  8. Alcuni di questi proxy hanno estensioni per browser come Chrome e Firefox, che ti permetteranno di entrare in diversi siti in sicurezza, semplicemente attivando e disattivando la funzione in base a ciò di cui hai bisogno.

È necessario ricordare che il proxy si occupa solo di mascherare il tuo IP con quello di un altro server, ma in nessun caso ti offre sicurezza di crittografia e protezione dagli attacchi, il suo compito è quello di darti un livello di anonimato sufficiente in modo che tu possa spostati nella rete in modo nascosto e impedisci loro di rintracciarti attraverso il tuo indirizzo, ma non impedirà loro di raggiungerti se è quello che vogliono, quindi se è quello che ti serve dovresti scegliere una VPN.

VPN: cos’è e quando utilizzare un server del genere

Se il tuo obiettivo è proteggere il traffico dei contenuti, dovresti pensare a una VPN anziché a un proxy, poiché in questo caso hai una protezione aggiuntiva che è la crittografia. Come accennato all’inizio, una VPN occupa la posizione di intermediario tra la tua rete e il server a cui ti connetti, ma in questo caso crea una connessione crittografata tra quel server e il tuo computer, nota anche come tunnel, che impedisce il i nodi di rete possono avere accesso alla tua comunicazione in qualsiasi modo.

Ciò significa che quando attivi una VPN, né il tuo fornitore di servizi né i regolatori di rete avranno accesso ai tuoi dati di navigazione mentre sei connesso a questa rete, anche quando utilizzi lo stesso canale di comunicazione, quindi il tuo traffico sarà reso invisibile in modo che non può essere guardato in alcun modo, nel caso di un proxy, anche se si maschera la rete, si è comunque esposti.

In base a questo principio, ci sono alcuni casi in cui è più conveniente l’uso di una VPN, anziché di un proxy, quindi ti segnaliamo alcuni esempi:

  1. Ogni volta che è necessario un ulteriore livello di sicurezza, l’uso della VPN è conveniente. Sono strumenti perfetti per fare acquisti online, anche quando inviamo o riceviamo dati sensibili, utilizzo di credenziali, carte di credito e quando inviamo informazioni riservate.
  2. Puoi anche considerare l’uso della VPN quando sei interessato a navigare in reti non sicure, pubbliche o aperte, dove non conosci i partecipanti alla rete e potresti essere bersaglio di un attacco.
  3. Nei casi in cui potresti essere vittima di una sorveglianza su una rete o che sei monitorato, puoi utilizzare queste reti per nascondere le tue informazioni e i tuoi dati personali durante la navigazione.
  4. Puoi utilizzare una rete VPN per aggirare la censura di rete, effettuando una connessione Client-Server, passerai tramite una connessione di terze parti e sarà quella che farà la richiesta su Internet e poi ti darà il contenuto richiesto.
  5. Le VPN possono essere utilizzate per stabilire connessioni a reti interne in aziende e organizzazioni che hanno accesso limitato a determinate connessioni e quindi proteggere le informazioni sui loro server.
  6. Puoi anche utilizzare la VPN quando desideri accedere a contenuti geo-bloccati, ad esempio servizi di contenuti in streaming come Netflix, piattaforme musicali e altro, che ti consentiranno di accedere ai contenuti da un’altra posizione e ti consentiranno anche l’accesso nel caso in cui siano completamente bloccati.

In conclusione, quando devi nascondere il tuo indirizzo IP o far credere a un sito web che ti stai connettendo da qualche altra parte, un proxy farà il trucco, soprattutto perché è uno strumento più semplice e facile da usare. Quando hai bisogno di navigare in modo molto più sicuro e ritieni che il tuo traffico possa essere visto da terze parti, allora hai bisogno di una VPN.

In ogni caso, ricorda che sia l’uso dei proxy che delle VPN utilizzano servizi esterni attraverso i quali passeranno tutte le informazioni, quindi alla fine sei sempre in qualche modo esposto, perché in entrambi i casi questi server potrebbero essere in grado di vedere tutto e ogni singolo pacchetto invii e ricevi, quindi dovresti sempre considerare l’utilizzo di servizi affidabili quando ti connetti in questi modi.

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba