Applicazioni

Sarò fortunato: cos’è e a cosa serve questo pulsante Google

Mi sento fortunato, è stato uno di quei test in cui Google ha lavorato costantemente per scoprire come funziona lo stile di ricerca dell’utente, cosa gli interessa e quanto fosse tale interesse, tra le altre cose.

Si tratta di una risorsa che è già scomparsa perché conosciuta fin dall’inizio, e che è passata per anni senza dolore né gloria, lasciando di fatto la rete molto povera in termini di informazioni sulla sua funzionalità.

Cosa significa il pulsante «Mi sento fortunato» di Google?

Ebbene, qui vi raccontiamo di cosa si tratta -o meglio, cos’era-, come funziona rispetto alle solite ricerche su Google e quali trucchi vi ha offerto e vi offre oggi. Iniziamo col sottolineare che all’inizio era il pulsante:

1- L’inizio della frase «Sarò fortunato».

Se vai su www.google.com, e solo se lo fai (cioè non serve aprire Chrome, e non devi fare altro che digitare l’indirizzo www…), troverai due pulsanti sotto la barra degli strumenti.cercatore. Uno di questi è esattamente quello che sembra: » Sarò fortunato «.

Questo è iniziato come un’opportunità per andare al risultato numero 1 offerto dal motore di ricerca durante l’esecuzione di una ricerca. Cioè, quando metti qualcosa sul pannello e premi Invio, ottieni centinaia e centinaia di risultati tra cui scegliere.

Premendo un tale pulsante, hai salvato un passaggio e sei andato direttamente al primo dei risultati che ti ha fornito il motore di ricerca.

Nell’immagine puoi vedere che digitando «Internet» e premendo un tale pulsante, il motore di ricerca ti indirizzerà alla pagina di Wikipedia che descrive cos’è Internet, e questa è la prima pagina che troverai se fai un normale ricerca. (Tranne gli annunci, ovviamente).

Aveva molto a che fare con molte cose:

  1. Prima di tutto c’era il monopolio scenico. Entrando sempre nella prima ricerca, ogni volta che riceveva più traffico, diventava sempre più conosciuto e quindi rimaneva in cima alla lista. Un vero successo per la SEO!
  2. Questo, a sua volta, significava che Internet era inutilizzabile per coloro che desideravano promuovere se stessi, poiché coloro che stavano appena iniziando non avevano mai avuto la possibilità di farsi notare o promuovere. All’inizio sembrava inappropriato, ma quando il marketing online ha iniziato a prendere slancio, la situazione è diventata completamente imbarazzante.
  3. D’altra parte, sebbene ciò fosse in molti casi corretto, non si poteva negare che i risultati non fossero molto specializzati, poiché variavano a seconda di ciò che era più popolare, cosa che a nostra volta abbiamo visto era per le nostre ragioni. Ecco perché siamo entrati in siti che non rispondevano realmente (o non quanto avremmo voluto) alle esigenze dell’utente.
  4. Naturalmente, le informazioni a cui avevano (e hanno ancora) accesso sono di alta qualità. In precedenza potresti mettere in discussione lo sforzo che Google mette nel posizionamento dei siti Web in base alla loro qualità, è più che evidente che i siti di grande successo sono al primo posto.
  5. L’utente ha perso un ottimo punto di ricerca per le aziende e per lo stesso Google. E con un tale pulsante, non vedono gli annunci che appaiono sopra i risultati (o, ovviamente, qualsiasi altro annuncio). Ecco perché non hanno fatto clic su di essi, le aziende non hanno attirato nuovi clienti e Google non ha potuto addebitare i clic.
  6. Questo, a sua volta, ha causato il fallimento delle aziende nelle loro campagne SEM e sempre meno persone hanno voluto utilizzare la risorsa, il che significava ancora meno entrate per Google. Google ha perso più di un miliardo di dollari nel 2006. Un ex dipendente di Google sottolinea curiosamente che mantenere questa opzione significa che per Google l’utente è in anticipo sulla pubblicità, che le persone lavorano per le persone.

2- Arricchimento delle funzionalità

Nel tempo, la funzione di questo pulsante è cambiata:

In effetti, nel nostro paese, questa opzione non viene tradotta letteralmente a causa del cambio della lingua, il che significa che perde parte del suo significato. Passando alla sua versione inglese «im feel lucky«, vediamo che è qualcosa che si riferisce a come ci sentiamo. È » Mi sento fortunato «. Quindi non c’è niente di strano nel fatto che Google abbia lavorato per fornire agli utenti risultati in base a come si sentono.

Questo pulsante è stato migliorato dopo aver pensato ai diversi modi in cui un utente percepisce le cose e dopo aver eseguito risultati di ricerca diversi con tali informazioni. Questo è un elemento aggiuntivo che può far parte dell’algoritmo.

Ebbene, se leggete le informazioni su altri siti vi renderete conto che di questo pulsante si parla come di una semplice funzione, ma non dimenticate che tutto, proprio tutto quello che fa Google (e tanti altri motori di ricerca) fa parte di una raccolta di test per molti scopi diversi. In questo modo, siamo giunti alla conclusione che sapere come si sentono le persone quando effettuano ricerche può essere un successo quando si tratta di ottenere un risultato o un altro.

Affinché questa opzione funzioni, è stato creato uno scroll del sentimento da cui è possibile selezionare, ed è così che Google potrebbe portarti ai risultati che riteneva più ottimali.

3- Un giro di filo

Nell’anno 2012 è stato introdotto Google Instant, che è un’opzione che mostra i risultati quando digitiamo la nostra ricerca. Ciò ha reso l’utente ancora più abituato a non premere un pulsante ea lasciarsi trasportare da questa nuova funzione, che è pur sempre un’offerta basata sulle ricerche degli utenti.

Tuttavia, è necessario dire che questa opzione è al di sotto delle ricerche suggerite e che l’opzione può essere utilizzata anche, ma, ancora, è ancora un semplice accesso diretto al primo risultato che appare nel motore di ricerca, come nella sua origine (anche se ci sono molte cose buone che vedremo più avanti).

Dovresti sapere che se fai clic su «Mi sento fortunato» senza fare alcuna ricerca, il pulsante ti mostrerà uno «scarabocchio» o scarabocchi, un’estensione del sito Web che ti parla della risorsa. In questo modo, Google fornisce all’utente informazioni aggiuntive (per lo più memorabili) che appaiono all’apertura del motore di ricerca.

Questo di solito funziona a seconda del giorno in cui ti trovi. Ad esempio, Pony Express segna il percorso ad ostacoli, l’anniversario della morte di un famoso scrittore con un minigioco basato sulle sue opere, il 30° anniversario dell’uscita del gioco PacMan con il minigioco a disposizione dell’utente nel browser, tra gli altri.roba.

Ebbene, cliccando il pulsante senza inserire alcun termine di ricerca, andrai su www.google.com/doodles/ e potrai dare un’occhiata a tutto ciò che l’azienda crea ogni giorno dell’anno per celebrare date ed eventi a cui sviluppare e intrattenere gli utenti.

Differenze tra le frasi «Cerca su Google» e «Mi sento fortunato»

Queste sono le due opzioni a disposizione (e che ancora hanno) l’utente se, come abbiamo sottolineato, è entrato in www.google.com:

  • Uno di questi è «Cerca su Google«, un pulsante che funziona per effettuare una ricerca nel modo consueto, come accade se invece di premere si preme semplicemente «Invio» sulla tastiera. Ciò significa che troverai centinaia di migliaia di risultati ordinati per pagina, con i loro titoli, meta descrizioni, annunci nell’intestazione, suggerimenti di ricerca in fondo alla pagina, numero di ricerche, tra le altre cose.
  • L’altro bottone è quello che ci interessa oggi: «Sarò fortunato«. Come abbiamo già visto, nei paragrafi precedenti si è proceduto così: se si clicca sul pulsante dopo aver inserito una ricerca nella barra, si otterrà il primo risultato. Pertanto, non conoscevi tutte le informazioni che Google ha fornito nel motore di ricerca (altri parametri, annunci, tra gli altri.).

In questo modo puoi scoprire tutte le informazioni che l’azienda fornisce ai suoi utenti relative alla loro ricerca, che nel nostro caso è molto positiva perché, tra l’altro, ti permette di pensare a quale risultato si adatta meglio alle tue esigenze.

L’altro aggira tutte le vie di mezzo e ti porta a una pagina che Google sa essere correlata a ciò che vuoi trovare (e potrebbe suggerire), senza fronzoli o passaggi aggiuntivi.

Qual è l’opzione migliore? E quale è peggio? Naturalmente, dipende da chi, anche se consideriamo l’informazione come un punto di forza, i vantaggi della ricerca convenzionale non possono essere sottovalutati. Forse per questo motivo questo pulsante ha subito tante modifiche quante ne abbiamo viste negli anni.

Trucchi che potresti non conoscere sull’utilizzo di questo pulsante di ricerca di Google

Come abbiamo detto prima, il pulsante nelle sue origini e ha funzionato, portandoti alla prima ragnatela di risultati. Tuttavia, ci sono diverse missioni che fanno cose divertenti che vogliamo che tu sappia e sperimenti:

  • Antigravità di Google. La gravità cerca di fare il suo dovere e l’energia antigravitazionale combatte nell’altro modo; e si traduce in un’interfaccia completamente disordinata, sebbene ti permetta di continuare la ricerca se lo desideri.
  • GoogleGravità. L’interfaccia si arresta in modo anomalo e si arresta in modo anomalo, e per di più vedi vari vicoli ciechi e funzionalità «segrete» di Google.
  • Sfera di Google. Tutte le opzioni dell’interfaccia grafica di Google vengono mobilitate come se orbitassero attorno al logo.
  • GoogleTilt. L’interfaccia grafica del browser è storta.
  • Google Epica. La GUI con il logo modificato si estende in modo incontrollabile
  • Google pazzo. La GUI del browser si arresta in modo anomalo e va in pezzi.
  • Divertente Google. La nuova interfaccia grafica permette di personalizzarla digitando nella casella di ricerca il nome che più ti piace al posto di «Google».
  • ArcobalenoGoogle. Mostra il logo di Google con la parola colorata «Arcobaleno«. Allo stesso modo, i pulsanti di ricerca vengono modificati, mostrando vari colori che lampeggiano.
  • Google Klingon. Si può notare che l’interfaccia è invertita in tutte le direzioni possibili. Allo stesso modo, le opzioni segrete vengono nuovamente rivelate.

Quali trucchi ci ha preparato Google per la ricerca avrò fortuna?

Concludiamo con una voce simile alla precedente, anche se diversa da questa per due motivi. Innanzitutto, la risposta è sempre data sotto forma di errore. In secondo luogo, le battute corrispondono ad argomenti alquanto controversi e sono anche tipiche della vita di tutti i giorni.

Per vederli, ecco i passaggi:

  • Inserisci google.com nella barra degli indirizzi.
  • Premere Invio.»
  • Nel motore di ricerca, scrivi una delle frasi che vedrai di seguito:
    • Lavoro decente.
    • Non riesco a trovare quella dannata pagina.
    • Non riesco a trovare un parcheggio.
    • Non riesco a trovare un meccanico serio e affidabile.
    • Non riesco a trovare un candidato convincente.
    • Impossibile trovare Bin Laden.
    • Non riesco a trovare un alloggio decente a un prezzo ragionevole.
    • Non riesco a trovare gli autori del disastro di prestigio.
    • Non riesco a trovare armi di distruzione di massa.
    • Non riesco a trovare Wally.
  • Non premere Invio. Continua a digitare la frase e quindi tocca «Mi sento fortunato».
  • Ora ridi solo dei risultati.

Istruzioni per l’utilizzo del pulsante «Mi sento fortunato» di Google

Per utilizzare il pulsante, sono fortunato Google, in questo modo:

  1. Prima di tutto, devi inserire il tuo browser fidato e inserire il tuo indirizzo Google. Per fare ciò, devi digitare la parola «com» e poi devi premere il tasto Invio.
  2. Quindi devi inserire le parole chiave che vuoi cercare.
  3. Se la ricerca istantanea è attiva, fai clic su uno spazio vuoto nella pagina.
  4. Quindi fai clic sul pulsante «Mi sento fortunato» ed entrerai nella rete direttamente alla posizione n. 1.

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba