Applicazioni

Quali sono le principali differenze tra MP3 e MP4

Ci sono molti modi per godersi una buona canzone o qualsiasi file audio. Le diverse forme che ci offrono si chiamano formati e danno caratteristiche diverse al contenuto. I due formati che vedremo oggi sono molto importanti: mp3 e mp4. Leggi fino alla fine e impara le differenze tra mp3 e mp4.

Sebbene siano conosciute come tracce audio, la verità è che queste ultime non sono esattamente formati audio. Tuttavia, questo è ciò che vedremo dopo quando vedremo in cosa consiste ciascuno di essi e quali sono le loro differenze. Includiamo anche una doppia classificazione dei tipi di formati audio alla fine del post in modo da poter sapere esattamente dove si trovano e quali sono le loro caratteristiche in base a tali classificazioni.

Qual è il formato MP3?

Prima di leggere le differenze tra mp3 e mp4 dovresti sapere in dettaglio di cosa trattano questi formati audio. MP3 è un formato audio utilizzato per archiviare dati audio compressi per brani riproducibili su determinati dispositivi portatili e desktop (computer, lettori DVD, console di gioco, altoparlanti e altri sistemi audio domestici). La sua estensione è .mp3.

Il suo sviluppo proviene dal Gruppo di Esperti sulle Immagini in Movimento ed è nato per far parte degli standard MPEG – 1 e MPEG-2. Anche se vale la pena ricordare che originariamente era per la trasmissione di dati musicali su linee telefoniche. Era il 1992, quando l’ISO iniziò a considerarlo uno standard per la compressione audio.

Funzioni del formato MP3

È un formato proprietario che include un algoritmo con perdita. Date le classificazioni di formato che vedremo in seguito, capiamo che si tratta di un formato audio proprietario con compressione con perdita di dati.

La compressione di questo tipo di formato audio può essere eseguita a diverse velocità di bit/secondo, ottenendo risultati di diversa qualità e dimensione e richiedendo più o meno tempo.

La compressione può essere fatta fino ad ottenere delle tracce, ridotte fino a 15 volte rispetto all’originale. Questo, insieme alle altre sue caratteristiche, rende questo formato molto popolare grazie alla sua versatilità.

Ci sono diversi frame in questo formato:

  • Header: dice al giocatore che il frame corrente è in esecuzione, avviando l’esecuzione del file.
  • I dati corrispondenti del file, costituiti da bit MPEG, verranno utilizzati dal lettore per l’esecuzione specificata.

Questi aspetti formano una sequenza chiamata Flusso Elementale. Ciascuno di questi frame con l’intestazione e i dati corrispondenti è indipendente e può essere tagliato e riprodotto su qualsiasi dispositivo.

Inoltre, la sua più grande pietra miliare è che è il primo dei formati che sono diventati popolari su Internet, poiché è servito e continua a servire per lo scambio di file sia su reti P2P che su piattaforme per l’acquisto di brani musicali e clip.

Tanto che è considerato uno standard universale, in quanto è uno dei più diversi dispositivi in ​​grado di riprodurlo praticamente ovunque, sia su un lettore fisico che digitale.

Qual è il formato MP4 e quali sono le sue funzioni?

MP4 o MPEG-4 Part 14 si caratterizza per essere un contenitore che include sia la traccia audio che la traccia video codificate in diversi formati. Il risultato è un file basato su MOV, che è un formato video. La sua estensione è .mp4.

Funziona anche con un algoritmo di compressione che consente un’ottima ottimizzazione audio e video, offrendo un’elevata qualità finale. La compressione può arrivare fino a 16:1.

Principali differenze tra mp3 e mp4

Vediamo ora le principali differenze tra mp3 e mp4, come i formati di riproduzione:

  • Forma: Il formato.mp3 è una semplice compressione di file audio. Invece,.mp4 si basa su MOV, un formato video che è un contenitore che include sia una traccia audio che un video (o un’immagine) che viene creato attraverso la codifica, offrendo un unico prodotto finale.
  • Funzione: sono progettati per ascoltare musica e visualizzare rispettivamente video e immagini. Questo ci dà una chiara e principale differenza: non hanno nemmeno lo stesso scopo, anche se ovviamente possiamo tranquillamente usare mp4 per ascoltare qualche canzone.
  • Qualità del suono e compressione: la compressione Mp3 è molto più alta, quindi anche la perdita di qualità. Per questo motivo, l’mp4 a volte viene utilizzato solo per ascoltare musica (anche se viene riprodotta insieme al video), il che garantisce un’elevata qualità.
  • Lettori: un lettore MP4 è un contenitore che include una maggiore compressione di file mp4 (non dati), quindi fornisce maggiore capacità di archiviazione. In condizioni analoghe, un lettore mp3 può contenere meno contenuti.

 Quanti tipi di formati audio esistono?

Dopo aver conosciuto le principali differenze tra mp3 e mp4, potresti chiederti quanti formati esistono oggi. I formati audio possono essere classificati a seconda che i dati in essi memorizzati siano compressi e, in tal caso, con perdita o senza perdita di dati.

1- Formati audio compressi

1- Formati audio compressi con perdita: sono formati che quando i dati vengono codificati, alcuni scompaiono o vengono persi. Questo perché esegue un processo che, essendo più breve nel tempo, riduce la qualità del risultato ma offre altri vantaggi come un’apertura più rapida e meno spazio.

  • In precedenza abbiamo notato che i file.mp3 rientrano in questa categoria.
  • L’ACC offre file più leggeri della stessa qualità del precedente. È anche diventato popolare con la diffusione dell’uso di iTunes.
  • OGG è una versione gratuita di .mp3 o .ACC, quindi non ci sono restrizioni sui brevetti. Ideale per l’apertura, anche se è meno tollerato perché poco conosciuto.

2- Formati audio di compressione senza perdita di dati: sono formati che richiedono più tempo di elaborazione, consentono di utilizzare lo spazio richiesto in modo efficiente e ottengono un rapporto di compressione di 2: 1. Usano lo stesso numero di bit per comprimere il suono e il silenzio.

  • Il più popolare e utilizzato è FLAC e ALAC corrisponde ad Apple; è più leggero di un file non compresso, ma per ovvi motivi è ancora grande, preservando la qualità del suono originale.
  • MP3HD risulta essere una versione migliorata di MP3 con la tipica alta qualità di.wav. Fornisce compatibilità con i lettori MP3.

2- Formati audio non compressi

  1. Il principale è PCM, che viene archiviato come .wav (basato su RIFF) per i sistemi Windows e come .aiff (basato su IFF) per MAC; Entrambe le versioni hanno la flessibilità di memorizzare più combinazioni di velocità in bit o frequenza di campionamento, rendendole ideali per la registrazione.
  2. Il formato CDA è piccolo e viene utilizzato per accedere a diverse parti di un CD.
  3. BWF è un formato standard creato dall’Unione Europea per sostituire .wav. Consente la memorizzazione dei metadati; ed è utilizzato nei programmi di editing professionale.
  4. Il formato BWF è un tipo di audio con timestamp facilmente sincronizzabile con le immagini.

3- Formati audio proprietari o aperti

Infine, lasciamo un’altra interessante classificazione in base al fatto che questi formati audio siano aperti o proprietari.

Questo è qualcosa del genere:

  1. Formati aperti: i dati organizzati secondo standard aperti vengono archiviati senza alcuna restrizione di accesso.
  2. Formati propri o chiusi: sono protetti da diritti o brevetti il ​​cui obiettivo principale è impedire la diffusione di informazioni sull’opera, i dettagli o il design.
  3. Formati gratuiti aperti: C’è libertà nel modo in cui vengono utilizzati.

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba