Applicazioni

Quali sono le differenze tra 32 e 64 bit

Quali sono le differenze tra 32 e 64 bit? Sebbene i processori a 64 bit siano stati un fattore commerciale per più di un decennio, molte persone non sanno cosa significhi e in che modo sia diverso dalle CPU a 32 bit.

Se sei interessato all’informatica e ti piace «destreggiarti» con il tuo PC, sicuramente avrai già notato che sul tuo disco rigido (almeno se utilizzi un computer con sistema operativo Windows) ci sono due cartelle, « Programmi» e «Programmi (x86)«.

Cosa devo scegliere?

►Leggi: differenze tra memoria RAM e Rom◄

Se ti sei chiesto perché, quando provi a scaricare una nuova applicazione per il tuo PC, ti viene chiesto se preferisci la versione a 32 o 64 bit.

Infine, se hai almeno 30 anni, sicuramente ricorderai il momento in cui i produttori di CPU commerciali annunciarono lo storico passaggio da 32 a 64 bit.

Ma oggi, all’alba degli anni 2020, ha ancora senso parlare di 32 e 64 bit, o il primo è un ricordo del passato? Scopriamolo.

Cosa sono i bit in un processore (e software)?

Quando parliamo di CPU a 32 bit, intendiamo un processore in grado di elaborare dati di grandi dimensioni contemporaneamente, 32 bit al massimo. Sono 4.294.967.296 informazioni in una volta.

Per lo stesso motivo, un PC con architettura a 32 bit può avere un massimo di 4.294.967.296 byte di RAM (ovvero 4 GB) perché il processore non potrebbe «pensare» un solo bit in più.

Un processore a 64 bit, d’ altra parte, ha limiti molto più alti e può gestire dati lunghi 18.446.744.073.709.551.616 byte, che arrivano a circa 18,4 milioni di GB (o, se preferisci, 18.000 byte).4 petabit, PB).

La cronologia dei bit: 4 bit, 8 bit, 16 bit, 32 bit e 64 bit

Siamo arrivati ​​all’attuale processore a 64 bit dopo diversi anni, ma non troppi, il primo processore a 4 bit della storia è stato il Central Air Data Computer costruito nel 1970 per gestire l’elettronica dei bombardieri americani F-14 Tomcat.

mentre il primo processore a 64 bit è stato il MIPS R4000 del 1991, dedicato alle workstation grafiche.

In soli 21 anni, quindi, è passato da 4 bit per la guerra a 64 bit per la grafica 3D.

Tutti i cambiamenti importanti sono avvenuti in questo periodo di tempo relativamente limitato in cui l’intera storia dell’informatica moderna è oggi.

Nel 1972 Intel introduce il suo 8008 (8 bit), nel 1978 introduce 8086 (16 bit), nel 1980 AT&T Bell Labs introduce BELLMAC-32A (32 bit).

Oggi la stragrande maggioranza dei processori ha un’architettura a 64 bit, in alcuni casi con parti a 128 bit.

Perché esistono ancora app a 32 bit?

Torniamo a una delle domande iniziali, qual è quella strana cartella sul tuo disco rigido chiamata « Programmi (x86)«?

È la cartella in cui Windows archivia tutti i file necessari per eseguire i vecchi programmi a 32 bit.

Sì, perché ancora oggi molte applicazioni sono scritte a 32 e 64 bit. In effetti, un’app a 64 bit non è necessariamente migliore di un’app a 32 bit.

64 – bit è essenziale quando il software deve gestire grandi quantità di dati.

Ad esempio, elaborazione di foto e video, calcoli scientifici, modelli 3D molto complessi o database di grandi dimensioni, 64 bit sono di scarsa utilità in quasi tutti gli altri casi.

Tuttavia, mentre una CPU a 64 bit (e un sistema operativo) può eseguire codice a 32 bit (tramite un emulatore), non è vero il contrario.

Dì addio a 32 bit

Va detto, tuttavia, che garantire la compatibilità con il codice a 32 bit anche su CPU e sistemi operativi a 64 bit ha un costo. Ecco perché sappiamo già che i 32 bit sono numerati.

Nel mondo mobile, ad esempio, Google ha dichiarato che dal 2021 non accetterà più app a 32 bit sul Play Store.

Apple ha iniziato a chiudere i ponti con il passato dal rilascio di MacOS High Sierra 10.13.4.

Arriveranno le applicazioni a 128 bit?

D’altra parte, non vi è alcuna garanzia che passeremo presto a CPU e sistemi operativi a 128 bit.

Se invece siamo nell’era dei 64 bit dal 1991 e non ne siamo ancora usciti, un motivo ci sarà, non ne abbiamo ancora bisogno.

Tutti i passaggi precedenti da un’architettura all’altra sono stati dovuti, i processori a 64 bit sono stati inventati quando i 4 GB di RAM massima utilizzabili dalle CPU a 32 bit sono diventati troppo pochi per gestire i dati.

Ma con un limite teorico di 18,4 milioni di GB di RAM utilizzabile (e la capacità di gestire istruzioni lunghe 64 bit) è difficile credere che presto sentiremo il bisogno di una nuova architettura.

E la storia recente delle CPU lo dimostra, per raggiungere prestazioni più elevate, senza andare oltre i 64 bit.

I produttori di processori prima hanno aumentato la frequenza di lavoro delle CPU e poi hanno iniziato a impacchettare più core in una CPU.

Tuttavia, forse, collegandoli insieme a bus «larghi» a 128 bit (ovvero canali per il trasferimento dei dati).

Tuttavia, ad essere onesti, oggi esistono già alcuni processori a 128 bit. Ma non rappresentano lo standard di mercato, almeno per PC e laptop.

Questo tipo di processore viene utilizzato all’interno delle architetture VLIW ( Very Long Instruction Word), che utilizzano processori in grado di eseguire istruzioni in parallelo per velocizzare calcoli di grandi dimensioni.

►Potrebbe interessarti anche: Come utilizzare USB 2.0 nella porta 3.0: consigli e suggerimenti◄

Conclusione

Conoscere le differenze tra 32 e 64 bit oggi è molto importante quando si acquista un nuovo dispositivo.

Quindi, prendendo tutta questa teoria e trasferendola nel mondo degli smartphone non possiamo che affermare che la stessa regola vale per le CPU a loro dedicate, quindi quando trovi un’offerta allettante.

Che sia in un negozio online o nei grandi rivenditori di elettronica, dai un’occhiata sempre alla CPU del dispositivo che stai per acquistare.

Questo non vuol dire che tutti gli smartphone con CPU a 32 bit siano da buttare, ma non sono di certo un buon acquisto. Ci auguriamo che il nostro articolo ti piaccia, se pensi che mancasse qualcosa, lascia il tuo commento

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba