Applicazioni

Come sapere chi c’è dietro un profilo Facebook

Potrai imparare a sapere chi c’è dietro un profilo Facebook. Hai ricevuto una «strana» richiesta di amicizia su Facebook, una persona che non conosci e, prima di accettare la sua richiesta, vuoi giustamente sapere chi è, come è arrivato al tuo profilo, perché ha deciso di chiedere la tua amicizia.

Cosa fare? Come sapere chi c’è dietro un profilo Facebook?

Nei prossimi paragrafi vi daremo alcuni «consigli» che saranno senza dubbio utili per scoprire chi c’è dietro un profilo Facebook. Chiaramente, non posso garantire che sarai sempre in grado di rintracciare il vero nome e cognome dell’utente che ha creato un profilo (se questo è davvero falso, ovviamente), ma dopo aver letto questa guida, dovresti almeno riuscire a farsi un’idea di come identificare i profili da cui sarebbe meglio stare alla larga.

Suggerimenti per scoprire un falso profilo Facebook

Sospetti che il profilo Facebook di un utente che ti ha contattato di recente sul famoso social network sia fake?

Lascia che ti dia alcuni suggerimenti per scoprire un profilo Facebook falso. Anche se, come ti dicevo in premessa, non è possibile essere certi oltre ogni ragionevole dubbio che il profilo dell’utente in questione sia davvero fake, puoi almeno fare un po’ di chiarezza e assicurarti che i tuoi sospetti siano fondati… o meno.

Controlla le informazioni del tuo profilo

L’analisi delle informazioni del profilo è una delle prime cose che ti incoraggio a fare se vuoi provare a trovare account Facebook falsi.

Magari potresti iniziare con l’immagine del profilo: se l’ utente «sospetto» non ne ha impostata una, ovviamente vuole nascondere la propria identità e non mostrare il proprio volto.

Questo potrebbe suggerire che anche il tuo nome sia falso.

Se invece è presente la foto del profilo, ti consiglio di verificare la fonte della foto, magari utilizzando la funzione di ricerca inversa di Google Immagini, dato che potrebbe averne utilizzata una da Internet (magari quella di un altro utente di Google). Facebook).

Se dai tuoi «sondaggi» scopri che l’ immagine del profilo dell’utente in questione è utilizzata su uno o più profili Facebook o altri account social che hanno nomi diversi rispetto al profilo che stai monitorando, probabilmente è un account falso.

Puoi provare a fare lo stesso anche rispetto a qualsiasi altra immagine postata dall’utente sul proprio profilo.

Se ce ne sono alcuni che ritraggono altre persone, controlla se sono stati taggati da questi ultimi e, in tal caso, controlla anche che i volti degli utenti in questione corrispondano davvero a profili reali e non ad account falsi, creati semplicemente per ingannarti.

Analizza i post pubblicati

Inoltre, analizzare i post che sono stati inseriti può aiutarti a capire se un profilo è reale o falso.

Chi crea profili fake solitamente non ha la pazienza di lavorare per settimane o addirittura mesi per renderlo più credibile e, quindi, è spesso caratterizzato da un gran numero di post pubblicati nel giro di pochi giorni o addirittura poche ore dalla loro creazione.

In tal senso, ti consiglio di «verificare» le informazioni che hai appena raccolto sulle foto del profilo: se anche queste sono state aggiornate di recente, magari nella stessa data in cui sono stati pubblicati i post «sospetti», se sì, pensa che il conto in questione è falso.

Inoltre, nell’analisi delle pubblicazioni realizzate, vi invito a prestare attenzione anche alla presenza (o assenza) di reazioni e condivisioni che ciascuna pubblicazione ha ottenuto.

Se si tratta di un account falso, è probabile che i post abbiano poca o nessuna interazione. Bisogna ammettere, però, che quest’ultimo «accenno» va preso con cautela, poiché potrebbe trattarsi semplicemente di un utente impopolare o inattivo sul social network.

Controlla la tua lista di amici

Alcuni criminali, nel tentativo di far sembrare reale il loro profilo, creano altri account falsi per «gonfiarlo» con liste di amici ad hoc. Ecco perché vi invito a recensire i cosiddetti «amici» dell’utente «sospetto» (a patto che la lista degli amici sia visibile e non sia stata nascosta).

Clicca quindi sui nomi dei profili degli amici dell’utente in questione e prova a capire se sono utenti reali o meno. Se la maggior parte di questi profili sembra essere falsa, probabilmente anche il profilo «sospetto» è falso.

Scansiona i messaggi privati

Uno dei modi più semplici per capire se un profilo Facebook è reale o meno è analizzare i messaggi privati ​​che l’utente potrebbe averti inviato su Messenger.

Se il profilo in questione ti ha inviato diversi messaggi contenenti link e inviti all’acquisto di prodotti o servizi, fai attenzione: dietro l’account potrebbe nascondersi uno spammer o addirittura un truffatore. Sarebbe meglio ignorare i messaggi senza premere i collegamenti ricevuti e sradicarli.

Tra le altre cose che dovrebbero renderti sospettoso quando analizzi i messaggi di un utente ci sono quelli che contengono domande formulate al solo scopo di raccogliere informazioni sensibili su di te o sulla tua famiglia.

Alcuni, prima di farlo, cercano astutamente di instaurare un rapporto amichevole con la loro potenziale vittima e, una volta conquistata la loro fiducia, cercano di ottenere le informazioni che cercano.

Vi consiglio: cercate di stare alla larga da coloro che vi invitano a fare quanto sopra, soprattutto se vi chiedono di fornire informazioni particolarmente intime, in quanto potrebbero utilizzarle a scopo di ricatto. La regola » non parlare con estranei» è sempre valida!

Scopri chi c’è dietro un profilo Facebook

Come ti ho già detto dall’inizio, anche se segui scrupolosamente le indicazioni che ti ho dato in questa guida, non è possibile essere assolutamente sicuri che un profilo Facebook sia falso, né sapere a chi appartiene veramente.

L’unico metodo per scoprire chi c’è dietro un profilo Facebook è chiedere direttamente all’utente, sperando che non menti sulla sua vera identità!

Se dietro un profilo c’è un cyber criminale, un truffatore, uno spammer, ecc., difficilmente te lo dimostreranno. Tuttavia, puoi provare a utilizzare un metodo che, anche se «fatto a mano», potrebbe essere efficace.

Puoi chiedere alla persona in questione di fornirti prove che dimostrino la sua vera identità. Vuoi che ti faccia un esempio per capire meglio il punto? Chiedi alla persona «sospetta» di inviarti una foto con in mano un pezzo di carta con scritto sopra il suo nome e cognome (a mano, ovviamente) e una data e ora che hai impostato (ad esempio, Nome Cognome, giovedì 25 dicembre, 15:35).

Se l’utente in questione ti invia il materiale richiesto senza problemi e in tempi brevi, ovviamente il suo account è reale. Se invece si scusa dicendo che non può darti la prova che cerchi, è chiaro che si tratta di un profilo falso (o, comunque, di qualcuno che ha tutto l’interesse a non rivelare la propria identità).

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba