Applicazioni

Che cos’è la memoria virtuale: a cosa serve e come funziona

Devi aver sentito parlare molte volte della memoria virtuale, anche se davvero non sai cosa sia questo elemento e quale sia la sua funzione principale. È un elemento informatico molto importante che consente di gestire diversi sistemi operativi. Qui potrai leggere cos’è la memoria virtuale, a cosa serve e come viene utilizzata.

È molto importante che tu conosca questo strumento poiché può essere gestito o modificato dall’utente. Inoltre, va notato che non è tipico dei sistemi operativi Windows, ma è utilizzato anche da altri sistemi operativi come Mac e Linux.

Cos’è la memoria virtuale?

Se vuoi saperne un po’ di più su questo strumento e, quindi, apprendere il funzionamento fondamentale nel sistema operativo, devi seguire tutto ciò che ti spiegheremo nel dettaglio in questo articolo.

Quando parliamo di memoria virtuale nei dispositivi informatici, ci riferiamo semplicemente a come viene utilizzata la RAM di un computer con la combinazione di un disco rigido. Ciò significa che quando un computer ha poca o nessuna RAM, la memoria virtuale funziona spostando i dati esistenti dalla RAM in uno spazio chiamato «file di paging«.

Questo viene fatto per liberare spazio extra nella memoria RAM, qualcosa come aumentare le sue dimensioni in modo da poter eseguire più facilmente ciascuna delle attività che esegui. Tenendo anche conto che se è pieno, le prestazioni potrebbero diventare molto scarse, il che rende scomodo l’uso dell’hardware.

Ciò significa che la memoria virtuale funziona per simulare accuratamente ciò che farebbe una RAM più grande, consentendoti di raccogliere più dati senza alcun impatto. Poiché il dispositivo ha più RAM, avrà più capacità di far funzionare le applicazioni con dati completi.

Tuttavia, è importante notare che, nonostante la modellazione precisa di cos’è la RAM, la memoria virtuale non tende ad essere sicura quanto la RAM, poiché può causare alcuni arresti anomali del runtime.

Anche se ti aiuterà sicuramente a impedire che il tuo computer funzioni lentamente e ti impedirà di avere problemi con l’esecuzione di alcune applicazioni o programmi sul tuo sistema. Dovresti anche tenere presente che minore è la quantità di RAM, più problemi possono verificarsi sul tuo dispositivo.

Come funziona la memoria virtuale?

Ora che sai cos’è la memoria virtuale, dovresti sapere a cosa serve. Come accennato in precedenza in questo articolo, la memoria virtuale (VM) su un computer è solo un componente aggiuntivo che aiuterà a migliorare le prestazioni, soprattutto se si dispone di una RAM ridotta (MR).

Ciò significa che quando un computer ha una macchina virtuale, gli indirizzi dei programmi generati dalla CPU possono riferirsi a uno spazio maggiore dello spazio fisico effettivo disponibile nella memoria principale.

Ciò indica che in questo tipo di hardware è necessario distinguere tra lo spazio di indirizzi reale che esiste nell’MR e gli indirizzi virtuali generati dalla CPU, anche il numero specifico di linee bus di indirizzi.

Questo processo consiste nel dividere il programma in più parti, che si chiama overlay, dove overlay 0 è quello che è stato eseguito per primo e, quando è completato, provoca l’esecuzione dell’overlay successivo. Tuttavia, diversi sistemi di overlay erano piuttosto complessi, quindi alcuni overlay sono stati accumulati contemporaneamente nell’RM.

La macchina virtuale fa sì che tutti questi overlay, che erano archiviati su disco e nel sistema, vengano scambiati tra disco e memoria secondo necessità, prevenendo così la congestione che potrebbe ritardare l’esecuzione dell’attività. In questo modo la macchina virtuale unisce l’RM del computer con lo spazio temporaneo dell’hard disk.

Tutto questo si attiva quando il MR ha già poco spazio a disposizione, e la MV si occupa di spostare tutti i dati in uno spazio chiamato » file di scambio » o file di paging, liberando spazio nella RAM in modo che possa funzionare in modo ottimale e così via.svolgere tutti i compiti.

In quali dispositivi è presente la memoria virtuale o qualcosa di simile?

Non c’è dubbio che l’uso di VM è qualcosa che migliora la funzionalità dei dispositivi moderni, soprattutto per il suo funzionamento regolare. La memoria virtuale è responsabile dell’espansione della quantità di RAM, impedendogli di rimanere indietro o rimanere bloccata per eseguire le attività previste.

Dopo aver saputo cos’è la memoria virtuale, dovresti sapere che tutta questa velocità è migliorata con l’uso dell’unità SSD. Pertanto, aumentando la velocità di accesso ai dati, consente ai computer con scarsa memoria di far fronte con successo ai diversi guasti costanti che si verificano nel processo.

Sia la memoria virtuale che le memorie simili possono essere trovate nei computer e utilizzate in vari sistemi operativi come Windows, Mac e Linux. Pertanto, consente ai computer di eseguire diversi programmi contemporaneamente, indipendentemente dalle dimensioni o dall’impatto sulle prestazioni.

Differenze tra memoria virtuale e cache

Sapendo cos’è la memoria virtuale, è tempo che tu sappia qual è la sua differenza dalla memoria cache. È importante chiarire che esistono differenze tra memoria virtuale e cache. Considerando che molti utenti tendono a confondere i due, pensando che entrambi svolgano la stessa funzione, quando non lo fanno.

Per quanto riguarda la memoria virtuale, non è altro che una sorta di aggiunta alla memoria principale del computer che permette di nascondere informazioni dalla reale memoria fisica del sistema, e questo permette di aumentare lo spazio di archiviazione disponibile per dati e programmi.. Ciò significa che i dati contenuti nella memoria RAM vengono trasferiti su disco e, se necessario, riportati nella memoria principale.

Nel caso della memoria virtuale, genera indirizzi in tre modi: uno è un’istruzione di caricamento, l’altro è un’istruzione di memorizzazione o ricerca. Inoltre, il suo principale vantaggio è che può sfruttare al meglio la memoria principale utilizzando tutto lo spazio disponibile in essa.

Mentre la cache è più piccola e molto veloce. Memorizza i dati e gli indirizzi nella memoria principale che vengono utilizzati ripetutamente. È possibile accedere a tutti questi dati come parte riservata della memoria principale o come modulo per l’archiviazione esterna.

L’accesso alla cache è molto veloce, soprattutto rispetto all’accesso MR. Viene utilizzato quando il processore deve leggere o scrivere un indirizzo MR controllando se tale indirizzo è già nella cache. Per fare ciò, il sistema confronta l’indirizzo con tutte le etichette memorizzate nella cache. Se un tale indirizzo è nella cache viene chiamato hit, altrimenti viene chiamato no- cache.

Post correlati

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada.

Botón volver arriba